OverBlog

19 marzo 2010

Profumi di Sicilia in un piatto di pasta...

pasta sicilia 7

Fresco, freschissimo piatto di pasta.
Un pesto che non so se solo qualche anno fa avrei mai pensato di replicare, perché gli ingredienti mi avrebbero intimorita molto.
Polpa di limone? Non verrà troppo acido? E finocchio? Nooooo, non mi piace! Capperi? Naaaa, nemmeno quelli mi piacciono: lasciamo stare va...
Questo sarebbe stato largo circa il mio pensiero.
Poi succede che i gusti cambiano, la curiosità prende il sopravvento, il desiderio di assaggiare cose nuove prevale sulle eventuali ritrosie.
E poi ora i finocchi mi piacciono, così come i capperi: senza contare che ho trovato proprio ieri dei meravigliosi limoni d'Amalfi, che non sono per nulla acidi, anzi: sono quasi dolci.
Ed ho ancora lì le mie adorate mandorle d'Avola... E devo ancora provare l'olio Gargiulo al limone, dopo tutti i miei esperimenti con quello all'arancio (potete trovarli qui, qui e qui).
Come potrei non provarci?
C'è da dire che questo pesto è di uno chef che mi ha già dato soddisfazione in passato, sempre con la pasta e sempre con un pesto: Filippo La Mantia.
A chi guardare per avere di nuovo nel piatto un concentrato di Sicilia, se non a lui?


pasta sicilia 3

PASTA CON PESTO DI LIMONE E FINOCCHIO (di Filippo La Mantia con qualche mia modifica)

Ingredienti per 4 persone

400 gr di pasta a scelta (io ho usato il formato "calamari" della Voiello)

1 finocchio (comprese le sue barbette)
1 mazzetto finocchietto selvatico (non l'ho messo)
polpa di un limone d'Amalfi (pelato a vivo)
20 gr di capperi sotto sale e dissalati
50 gr di mandorle pelate (io ho usato mandorle d'Avola)
10 foglie di menta
10 foglie di basilico
100 gr di mollica di pane (non l'ho messa)
4 cucchiai di olio extravergine (io ho usato l'olio al limone Gargiulo)
sale (io non ne ho messo, era sapido abbastanza)
1 polpo da 1 kg (io ho usato10 totanetti)


Preparazione

Nulla di più semplice.
Prendete tutti gli ingredienti (meno il polpo od i totanetti) e li frullate col minipimer: per la consistenza regolatevi sui vostri gusti. Se amate una salsa più granulosa tritate a scatti, se invece vi piace più fluida frullate bene.

pesto pasta sicilia

Mettete da parte.
In un padellino versate un cucchiaio di olio al limone Gargiulo, fate scaldare e versateci i totanetti tagliati.
Sfumate con un goccino di vino bianco secco, regolate di sale e spegnete.
Portate a cottura la pasta, versatela poi nella padella coi totanetti fatta scaldare, aggiungete il pesto e spegnete il fuoco: il pesto non deve cuocere ma solo scaldarsi.
Si sprigionerà un intenso profumo di limone per tutta la cucina.
Mescolate bene e servite.


Nota: non usate i limoni comuni per questo pesto. Sono troppo acidi, e questo pesto sa moltissimo di limone.

46 commenti:

  1. Devo provare questo pesto! E complimenti per la foto, è invitante anche a quest'ora del mattino!

    RispondiElimina
  2. A volte è vero...pensi che certi accostamenti siano assurdi e invece poi li adori e li trovi perfetti!Devo farlo anch'io il tuo pesto!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Mamma mia che bontà!! effettivamente è un accostamento particolare di sapori, ma credo che siano perfetti insieme! complimenti!!

    RispondiElimina
  4. Sarah, io me la mangeri ora!
    Questo pesto lo segno...e spero di riuscire a provarlo presto!

    Un sorriso limone,
    D.

    RispondiElimina
  5. Gloria: ti ringrazio :)

    Marifra: questa per me è stat l'ennesima dimostrazione che storcere il naso prima di provare è molto deleterio ;)

    Marie: è un pesto delicatissimo, a dispetto magari dell'idea che ci si può fare per via dei capperi e delle erbe aromatiche.
    Ha un delicatissimo sapore di limone, davvero fresco e piacevole: sono sicura che diventerà uno dei piatti forti della mia estate :)

    Diletta: sicurissima che ti piacerebbe ;)

    RispondiElimina
  6. Si sente il profumo, sembra molto molto buona davvero.. da provare appena possibile; intanto grazie, copiata.
    Debora

    RispondiElimina
  7. Che delizia e quanti profumi, brava.

    RispondiElimina
  8. Chez Denci, Max: grazie :)

    RispondiElimina
  9. davvero bella come ricetta questa..:)
    sicuramente è da fare perchè anche la scenografia non è male..:D

    RispondiElimina
  10. meravigliosa, adorabile, fantastica......

    RispondiElimina
  11. (^_^) ciao Sarah,complimenti questo piatto sembra veramente buono ....lo proverò(-_^) un abbraccio baci baci ♫♪♪

    RispondiElimina
  12. Buonissimo!!!!! Mi riporta all'estate e non vedo l'ora che arrivi... in questo modo la anticipiamo...
    L'unica cosa.... il polpo o i totanetti, cotti così poco?? Sarà che a me il pesce se non è cotto bene bene non convince troppo...
    Bacioni, tesoro!!!
    Franci

    RispondiElimina
  13. sai che anch'io come te ero affascinata ma perplessa dai pesti agli agrumi? però pure io mi sono arresa, ho provato e ne sono stata conquistata! proverò anche la tua versione.

    RispondiElimina
  14. Grazie dei complimenti ragazze, dovrei girarli a Filippo la Mantia però :P

    Francesca: nono, se fai il polpo quello va cotto molto più a lungo, come si fa di solito immerso in acqua bollente,ecc...
    Per i totanetti invece le strade possibili sono 2:
    1. appena scottati in olio caldo, sfomati e spenti. Roba di un minuto (un po' come per i gamberi), altrimenti si induriscono e diventano gommosi
    2. Se superi la cottura "veloce" i totanetti diventano duri perché rilasciano la loro umidità:in quel caso conviene allungarli con del brodo di pesce magari (o semplice acqua leggermente salata) e farli cuocere finché torneranno ad essere teneri.
    Anche se per motivi diversi, è un po' il concetto della carne da stufati: se non ti "quadra" la cottura veloce protraila finché saranno nuovamente teneri

    Giò: allora non ero l'unica perplessa dal pesto di agrumi! Bon, mi consolo (che quello che mi quadrava meno era proprio col limone, per paura che fosse acidulo ed immangiabile, invece...)

    RispondiElimina
  15. Concordo sia con il piatto che con lo chef...e non per solo campanilismo.Bravissima,Roby

    RispondiElimina
  16. Ciao! ma che originale questo pesto! il limone asprigno e il finocchio..più dolce! proprio da provare isnieme!!
    un bacione

    RispondiElimina
  17. questo pasta è meravigliosa.
    Me la segno subito!

    RispondiElimina
  18. Che primo bello, solare e invitante. Tu anni fa avresti detto "non mi fido", io dico subito mi fido mi fido. Amo il limore, i finocchi e le mandorle quindi non ho dubbi :)

    RispondiElimina
  19. che delizia! si frulla tutto! sembra semplice...gli ingredienti devono essere ottimi. Grande piatto, complimenti!
    Francesca

    RispondiElimina
  20. Roby: è davvero delicatissimo, ottimo ;)

    Manu e Silvia: sì, è una combinazione davvero azzeccata

    Alem: donna saggia ;)

    Elenuccia: beh, se ami limone/finocchio/mandorle sei già a buon punto direi ;)

    Acquolina: sì, velocissimo e quasi zero cotture ;)

    RispondiElimina
  21. Me lo porti un piatto lunedì? ;-))
    Sono ingrassata di 4 kg solo a vederlo ;-))

    RispondiElimina
  22. Lory: macché ingrassata, è leggerisssssssima questa n'è? :)
    Quindi, ricapitolando, lunedì devo venire con la cesta di croissants, brioche e pasta? :P

    RispondiElimina
  23. a leggere gli ingredienti anche io direi: naaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!
    ma che sapori strani però la curiosità è tanta quindi segno la ricetta, poi se passo di lì magari ti rubo un piatto ;-)

    RispondiElimina
  24. Leggevo gli ingredienti e ne immaginavo il profumo!
    ma che delizia dev'esser sta pasta!
    un'ottima idea...brava!

    RispondiElimina
  25. interessantissimo questo pesto veloce veloce, leggero e profumatissimo! sono pienamente d'accordo anche con le tue varianti, anch'io non metterei la mollica, mi sembra perfetto così! lo devo provare assolutamente, anche perché non ho dubbi, tutti gli ingredienti mi piacciono moltissimo! :) bravissimissima
    valeria

    RispondiElimina
  26. Accostamenti inusuali...mi hai incuriosita..da tanto che non vedo ricette cosi sorprendenti! devo provarla!
    Grazie ..Ciao
    Aniko

    RispondiElimina
  27. wow deve avere un profumo fantastico! e chissà il sapore...si si mi piace, lo proverò assolutamente!
    baci

    RispondiElimina
  28. Davvero insolito per me questo pesto, nei suoi abbinamenti...da provare sicuramente!

    RispondiElimina
  29. È fantastico questo pesto. Per i miei gusti lo lascio così com'é (e quindi grazie per aver postato la ricetta integrale)...come mai non vedo la foto?

    RispondiElimina
  30. Dev'essere proprio buonissimo, chissà che profumo !

    RispondiElimina
  31. Io sono una grande Fan di la Mantia ed adoro i suoi pesti!Questo mi mancava ma, per fortuna ce l'hai insegnato tu!
    Bacione

    RispondiElimina
  32. Ottimo e particolare questo pesto!!! complimenti, un bacione

    RispondiElimina
  33. urka ma deve essere buonissimo ...appena trovo i limoni giusti proverò a farlo. Ciao. Annalisa

    RispondiElimina
  34. @tutti: grazie mille, sono contenta vi sia piaciuto ;)

    Alex: per la foto io le vedo tutte... Considerato che nessuno di quelli che hanno scritto ha detto nulla, penso sia un problema tuo di visualizzazione...

    RispondiElimina
  35. Che meraviglia!!! la proverò di certo omettendo il finocchietto che non amo particolarmente...Grazie! Paola

    RispondiElimina
  36. Ma il finocchio si frulla così...crudo? Ma che ricetta curiosa...

    E' un condimento che profuma di Sicilia e di sole...mi piace!

    RispondiElimina
  37. Paola: io nemmeno amo il finocchietto, infatti non l'avevo proprio per quello ;P

    Virò: yes, tutto a crudo meno il pesce. Facile facile :)

    RispondiElimina
  38. ok, strepitoso, ma ora mi tocca trovare i limoni adatti!

    RispondiElimina
  39. Buonissima!!!!!! A prima vista mi sembrava ricotta (che adoro) ma poi.....
    Bella ricettina, bravissima!!

    RispondiElimina
  40. questa pasta è meravigliosa.....

    RispondiElimina
  41. Dev'essere un piatto profumatissimo!!!
    Complimenti

    RispondiElimina
  42. Si riesce a percepire quasi il sapore,sembra un connubio perfetto e con quei totanetti.Ho tutti gli ingredienti per il pesto,domani una corsa dal pescivendolo e il gioco è fatto.Complimenti come sempre11

    RispondiElimina
  43. Che bontàaaaa!!! Devo provare, mi piaciono tutti questi ingredienti.
    Grazie!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  44. Dodò: alla prima occasione che ti capitano tra le mani "quei" limoni sai già che farci ;P

    Zia Elle: mica escluso che una variante con ricotta si possa studiare: qui l'effetto cremina è tutto di mandorle e finocchi :)

    Ely, Luana: grazie :)

    Damiana: se la fai mi dici se ti è piaciuta? :)

    Oxana: bisso il commento appena qui sopra fatto a Damiana ;P
    Buona domenica

    RispondiElimina
  45. Questo pesto lo devo proprio provare! Fortuantamente ho proprio alcuni limoni amalfitani e in più ho comprato degli scialatielli al limone che credo ci stiano davvero una favola!
    Un bacione e buon inizio settimana
    fra

    RispondiElimina
  46. una ricetta veramente nuova e originale...( attenta al plagio!:-)) ma con tutti questi stimoli alle papille gustative...non so cosa succederà..ciaooo

    RispondiElimina

Se avete domande o curiosità di qualsiasi genere inerenti a quanto trovate nel blog, sono qui per rispondere più che volentieri.
Vi chiedo però la cortesia, prima di domandare, di leggere bene i post: spesso e volentieri le domande che ricevo hanno già risposta.
Se una volta letto restate con qualche dubbio...sono a completa disposizione. :)

Grazie.