OverBlog

28 aprile 2010

Di libri, sfuriate e dolci classici...

In libreria.

- Amore, tu fai pure tranquillo, io salgo al reparto cucina...
- Sì... Sarei più tranquillo se tu NON salissi al reparto cucina comunque.
- No dai, davvero, non ti preoccupare: siamo appena usciti dall'altra libreria ed ho visto che non c'è nulla di così urgente e trascendentale che mi interessi acquistare. Vado solo a guardare, niente di più.
- Sì sì, lo so io come guardi tu...
- Oh ma sei forte eh? Se ti dico che non prendo nulla fidati!

...20 min dopo...

- Hai fatto su, trovato nulla?
- No, certo, te l'avevo detto che non c'era nulla di "urgente" che volessi acquistare, no? 
- Mmhhmmm.... E perché hai una mano dietro la schiena?
- Chi, io? Ah no nulla... In effetti non c'era granché tra i libri esposti, se non fosse che un libro solo ha attirato la mia attenzione...
- Ecco, lo sapevo! Come al solito: entriamo, dobbiamo solo dare un'occhiata, niente di più. Poi lei va, scompare nel reparto cucina, e stranamente torna con montagne di libri assolutamente indispensabili... Quanto costa?
- Ehm... 32 euro...
- Eccolo là, e ti pareva. Altri 32 euro... Ma scusa, hai una libreria piena zeppa, com'è possibile che riesci ancora a trovare libri di qualcosa che non hai? Senza contare poi tutto il materiale che puoi ottenere su internet, con tutte le amiche blogger e siti vari sparsi per la Rete. Continuiamo a dire di risparmiare per il matrimonio, di stare attenti alle spese inutili o comunque superflue, di cercare di ridurle, e tu continui a comprare. Come facciamo a risparmiare se si continua a comprare di tutto? Eh? Dimmelo tu come facciamo, perché io proprio non lo so, non so come faremo a metter da parte qualcosa se cedi sempre alla più piccola tentazione senza trattenerti nemmeno un po'... Sentiamo poi: quale sarebbe il titolo di questo libro-che-non-si-può-assolutamente-non-comprare?
- Tiramisù e chantilly.
- Tiramisù?
- Sì.
- Cioè, tutto un libro sul tiramisù, declinato in ogni sua forma?
- Sì.
....
Te lo regalo io, andiamo alla cassa. 

Racconto di vita vissuta (pericolosamente).
Aver preso in mano quel libro e capire che dovevo averlo è stato un attimo brevissimo.
Sapere che avrei avuto gioco facilissimo con Marco (che vivrebbe di tiramisù), anche.
Ma la conversazione è stata talmente divertente che non ho avuto cuore di non trascrivervela, perché io ho faticato a non ridere mentre mi faceva la sua -inutile ed ipocrita- sfuriata: inutile, perché al solo titolo sapevo avrebbe ceduto di schianto; ipocrita perché nello stesso contesto lui ha acquistato ben due libri, come dire "senti da che pulpito...".

E' un po' che non vi parlo di libri, e per rispolverare la rubrica "Letto, fatto!" torno parlandovi di questo splendido libro di Luca Montersino e Roberto Sammartini.



Mi pareva di essere pazza ad acquistare un libro che parlasse praticamente solo di tiramisù e delle sue infinite varianti, un dolce che tutti fanno con le loro versioni di famiglia e non: eppure sfogliarlo ed amarlo è stato un attimo.
Ci sono le basi per realizzare infiniti tiramisù diversi: da quello classico, al millefoglie, ai tiramisù di frutta. Un meraviglioso e golosissimo mondo.
Il libro è splendido, le foto anche, le ricette pure, senza contare che ci sono anche diverse varianti interessanti per le varie allergie ed intolleranze (della frolla senza glutine vi ho già parlato qui, e questa base era proprio indicata in questo libro) ma lo consiglierei a chi già si diletti un po' con la pasticceria, nel senso che le spiegazioni dei passaggi possono risultare un po' scarne a chi si avvicina per la prima volta a questo mondo.
Risulta inoltre un po' scomodo il fatto che le dosi delle varie basi siano in quantità professionali, cioè enormi: è necessario quindi le prime volte munirsi di santa pazienza per ridurre e riproporzionare in quantità umane le ricette.
Se questi due, diciamo, inconvenienti non vi turbano allora ve lo consiglio spassionatamente.
Ad oggi ho realizzato solo la frolla di riso e mais ed il tiramisù di cui parlerò qui sotto, ma ci sono moltissimi dolci che ho intenzione di fare.
Quindi, se vi ho incuriositi, ecco gli estremi per eventuali interessati all'acquisto:

Titolo: TIRAMISU' E CHANTILLY
Autori: Luca Montersino e Roberto Sammartini
Casa Editrice: Fabbri Editori
Costo: 32 euro

Per chi volesse acquistarlo, online lo potete trovare su IBS o su BOL (sito che vi consiglio caldamente, e che mi ha consigliato a sua volta Fiordisale, in cui c'è fisso il 3x2 sui libri che acquistate: bellissimo modo per regalarsi sempre un libro ogni 3 comprati -quello che costa meno non lo fanno pagare-) 

Ciò detto, l'occasione per fare il tiramisù classico l'ho colta al volo per una cena da Laura e (fresco) marito.
Confesso che ho sempre fatto il tiramisù con le uova crude (e se mi legge la mia Sister ora mi disereda sicuro sicuro...): le compravo freschissime il giorno in cui decidevo di farlo e poi lo preparavo.
Confesso però anche che non ho mai pensato di portarlo ad altri così, ma lo si consumava in famiglia: della serie, alle brutte intossicavo i miei parenti più cari, che sarà mai? :oP.
Pensando di portarlo a cena da loro volevo finalmente realizzarlo come si deve, pastorizzando le uova e realizzandolo così finalmente nella maniera più appropriata e sicura.
Temevo che la vaniglia si sentisse troppo nel complesso del dolce, ma ho voluto seguire le indicazioni di Montersino (meno che nello zucchero per la bagna al caffè, per me assolutamente eccessivo) e non me ne sono pentita.
Mi sono resa conto però di aver modificato la ricetta senza volerlo nel rapporto tra la base pastorizzata e l'aggiunta di mascarpone e panna.
Lui prevedeva 225 gr di base + 250 gr mascarpone + 250 gr di panna, mentre io ho usato 300 gr di base su 250 e 250: non era voluto, ma il risultato era delizioso davvero.
Ho dimezzato le sue dosi, ottenendo circa 8 porzioni.
Vi trascrivo le dosi già dimezzate, con le mie pochissime modifiche tra parentesi.

tiramisu 7

TIRAMISU CON BASE D'UOVA PASTORIZZATE 

Base tiramisù pastorizzata (di Luca Montersino)

87,5 gr di tuorli (io ho usato 4 tuorli arrivando ad 80 gr esatti)
170 gr di zucchero semolato
50 gr di acqua
1/2 baccello di vaniglia (i semi)

Mettere acqua e zucchero in un pentolino e portarli a 121° C (conosciuto anche come lo step della grande palla -cioè quando prendendo una piccola dose di composto ed immergendola in acqua fredda si ottiene una palletta un po' più consistente della piccola palla, che si forma invece a 115°C).
Aspettando che arrivi a temperatura iniziate a montare un po' i tuorli coi semi della vaniglia.
Appena lo zucchero è pronto, versatelo a filo sui tuorli, continuando a mescolare con le fruste elettriche e proseguendo fino al completo raffreddamento del composto.
Otterrete una crema spumosa e soffice.

per la crema tiramisù classica

225 gr della base che avrete appena realizzato (io l'ho messa tutta, cioè 300 gr.Se volete seguire le proporzioni di Montersino mettetene solo 225 gr, ed il resto...finitelo a cucchiaiate ;o))
250 gr di mascarpone
250 gr di panna semimontata

Mescolate il mascarpone alla base, una volta che sarà completamente amalgamato uniteci la panna montata lucida (non completamente, lasciata morbida e semi-montata).

per la bagna al caffé

350 gr di caffè espresso
150 gr di zucchero liquido (se non l'avete niente panico. Zuccherate normalmente a piacere ed assaggiate. Io ho usato 110 gr di zucchero liquido)

400 gr di savoiardi
cacao amaro per spolverizzare


Preparazione

Una volta preparata la crema tiramisù classica, preparate il caffè per bagnare i savoiardi: zuccheratelo a piacere, poi iniziate a montare il dolce in una teglia.
Bagnate velocemente i biscotti nel caffè, fate tutto uno strato, ricoprite di crema e ripetete le operazioni fino ad arrivare a livello della teglia.
Spolverizzate di cacao e lasciate in frigo.
Io lo tolgo dal frigo una mezz'ora prima di servirlo.

tiramisu 5

47 commenti:

  1. :-DDDDD Sarah sembriamo io ed il mio fidanzato!!! uguale uguale, solo che i ruoli ce li scambiamo, ogni tanto sono io quella che fa la ramazina, ogni tanto lui...più io però! :-DDDD
    Questo libro mi gusta moltissimo davvero e guarda che meraviglia di tiramisù! Il fatto che sia fatto con le uova pastorizzato è ancora meglio :-D
    bacissimi
    Ago .-D

    RispondiElimina
  2. premesso che di solito faccio spesa da sola e quindi spargo piattini e ciotoline single per casa e ne centellino la comparsa......io ho un problema: i libri li acquisto tramite il marito (cartolibreria) ordinandoli direttamente online..però lui li vede!!!!!!!quindi mi arrivano le telefonate tipo: ma hai aggiunto tu quei due libri? ahem..veramente sono 3......
    detto questo adoro Montersino, questo libro sarà mio!!

    RispondiElimina
  3. io...io...io voglio sapere come cavolino fai a fare tutti sti dolci, a mangiarli e a non ingrassare nemmeno un etto???
    Io ho appena deciso che me lo compro coi "dindini" che mi ha regalato ieri mammà! ;)
    Montersino l'ho scoperto facendo la sua "quadro d'autore" buonerrima e da allora non l'ho più lasciato.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Ago, Giò: mi rincuora ritrovare nelle vostre parole i miei momenti di vita quotidiana :D
    Del resto, mica è colpa nostra se siamo delle perfezioniste e necessitiamo di tutti gli strumenti del caso per realizzare splendide cose in cucina...:P

    Cinzietta: ehm... Come dirti... Non è che io sia proprio una Silfide, eh? :)
    Detto ciò.... I modi che ho trovato per "attutire il colpo" sono i seguenti:
    1. fare e regalare
    2. realizzare dolci con ingredienti che non mi piacciono (che so? Spezie particolari oppure tuttotuttocioccolato, che mi nauseano e non mangio)
    3. mangiarmene una bella dose convertendo il pasto in un'insalatona gigante, ma togliendomi qualche voglia
    4. In questo momento..sono a dieta! :D

    p.s: quadro d'autore è splendido. Io devo trattenermi dal farli tutti , i suoi dolci!

    RispondiElimina
  6. Tutti uguali questi uomini. Ma nessuno uguale questi tiramisu! Ogununo ha la propria ricetta...e l'autore è una certezza! Una ricetta nuova, ma con un nome "vecchio"!

    RispondiElimina
  7. Ah ma se è di Montersino allora è una garanzia. Io pastorizzo sempre le uova quando faccio il tiramisù, le uova crude mi hanno sempre spaventato. Ora non posso farmi sfuggire di provare questa versione :)

    PS: mi ha fatto troppo ridere la trascrizione dellla conversazione. Anche a me ormai capita sempre la stessa cosa...lui che dice..."ma è mai possibile che quando gironzoliamo per una libreria ti ritrovi sempre nel reparto cucina?"

    RispondiElimina
  8. Ma che bello questo racconto !!!
    E' proprio vero che gli uomini si prendono per la gola...
    La foto e sicuramente il tiramisù sono fantastici !!!!
    Ciao..Stefania

    RispondiElimina
  9. Hai fatto benissimo! Guarda che meraviglia:))

    RispondiElimina
  10. Mi sento male...chefame!Complimentissimi..io per ora non ne faccio nemmeno per evitare di cadere in tentazione ma forse per questo weekend potrei fare un'eccezione...

    RispondiElimina
  11. Mamma mia, Sarah per colpa tua la lista di libri di Montersino da comprare si allunga paurosamente...con mio marito non ho il problema acquisto, ma il problema trasporto...mi spiego meglio, hai presente una pazza con circa 90 Kg di bagagli a Fiumicino ed un marito con 15, scarsi pure? Siamo noi, e ci riconosci perche' io sorrido soddisfatta e lui suda freddo continuando a ripetere : " oddio, se stavolta ci fanno pagare 100 dollari a Kg siamo perduti..."
    Un bacione!

    RispondiElimina
  12. Una domanda sorge spontanea: CHI MANGIA tutti questi meravigliosi dolci che prepari?
    Più che una panetteria, potresti aprire una caffetteria (tanto già non dormi di tuo, no?) e vendere i tuoi capolavori.
    Alla faccia di Starbucks :-P

    RispondiElimina
  13. Grazie a tutte ragazze, mi consola sentire che altre hanno il mio stesso problemino... E Araba anche peggio, :)))

    Zia: come dicevo qualche commento sopra a Cinzia... Il trucco è fare e regalare, ma non essendo io una Silfide...dimostro che ogni tanto ci casco con entrambi i piedi ;)

    RispondiElimina
  14. se piace farli spesso piace anche mangiarli, i dolci! non è un problema da poco, in primavera i nodi vengono al pettine...
    che carini voi fidanzatini! conosci i suoi punti deboli e lui sa che alla fine gli farai qualcosa di buono... ;-D
    come questo tiramisù, segno!!!

    RispondiElimina
  15. Uhuh...Sarah...scena vista e rivista questa...indovina un pò dove?
    Ma fra me e mio marito!
    Quando compro qualche libro, ehm..lo nascondo ma puntualmente salta fuori, lui lo trova non so come...
    Però magna...oh se magna!!!!
    Grazie, mi salvo la ricetta perchè io il tiramisù non lo facevo mai per paura della salmonella, ma la tua versione fa al caso mio

    RispondiElimina
  16. mamma mia questo libro l'ho comprato l'anno scorso, solo a vedere la copertina ero morta annegata nella mia bava (immagine graziosa assai...) poi l'ho sfogliato e ho fatto esattamente come te: non era urgente, solo indispensabile!
    carino il coordinato teglia-tovaglia, sono quelle nuove?
    baci!

    RispondiElimina
  17. Acquolina: è vero, infatti io detesto cucinare carne e ne consumo anche poca... Coi dolci invece è tutta un'altra storia, ahimè :)

    Simo: con questa vai tranquillissima. A me spaventava un po' che sapesse troppo di vaniglia, o che fosse piu' lunga da realizzare, ma non è il caso ;)

    Alice: immagine poco elegante ma assolutamente adatta a descrivere la situazione :)
    Il coordinato è...coordinato per caso, nel senso che sono due acquisti indipendenti. Si vede che era proprio destino li avessi, che ti devo dire? :P

    RispondiElimina
  18. sapessi quante volte rivivo la scena della libreria!!! anch'io sono come te però mio marito non è come il tuo.. non cede e si incavola di brutto... così alla fine lo frego e mi compro i libri su internet :-)
    buonissimo il tiramisù! un bacione.

    RispondiElimina
  19. Lo dite voi poi a mia mamma che ho fatto il tiramisù senza seguire la sua ricetta? Già la sento dire che non è buono come il suo :)
    Proverò, proverò!

    ps: ho lavorato qualche mese in una libreria qui a Cagliari. Spendevo 1/4 dello stipendio in narrativa ed 1/4 in libri di cucina. Argh!

    RispondiElimina
  20. Ahahah in libreria i nostri comportamenti compulsivi si somigliano!!ho tantissimi libri se poi si aggiungono anche quelli di cucina,devo andare via di casa per far posto a loro,questo libro l'ho già comprato e il tiramisù fatto .Hai visto che crema nuvolosa e ariosa che diventa.?buonissimo.Brava sarah

    RispondiElimina
  21. Micaela: io ci provo sempre sui libri che so che toccheranno le sue golose corde... Con quelli che non lo attirerebbero piu' di tanto vado via Internet...oppure in libreria da sola! ;)

    Francesca: anche qui, come credo in tutte le famiglie d'Italia, c'è la ricetta di famiglia.
    Ho fatto il tiramisu' senza dire che non era realizzato con quella ed è evaporato... Tu prova ;)

    Nitte: tu quindi sai benissimo di che cosa buona sto parlando, per esserci passata personalmente ;)

    RispondiElimina
  22. Noi, io e il mio marito, non DOBBIAMO nemmeno passare vicino a libreria, figuriamoci entrare;DDD....Spenderemmo tutto per i libri, io - di cucina e arcitettura....Bellissima foto! Mi piace questo colore e disegno;))
    Un bacione!

    RispondiElimina
  23. Ecco un altro dei libri che devo assolutamente avere..dopo l'esperienza lo scorso anno con il 1000 foglie croccante semifreddo al caffè non posso non avere tra le mani le altre ricette..se poi ci mettiamo pure quei favolosi croissants che sappiamo ..non posso proprio evitarlo..da ora ho deciso..pochi libri ma di qualità..questo sarà il prossimo...!!
    Il tiramisù non lo faccio da anni proprio per il discorso delle uova crude..magari copio da te!..ciao ciao

    RispondiElimina
  24. Aaaarggg Sarah...attentatoooo...l'avrò preso in mano non so quante volte quel libro in libreria e puntualmente mi dicevo: "ora no, non è il momento.." ma la prossima volta temo che non resisterò!! E poi ci sono una serie di piccoli librini editi da Biblioteca Culinaria che sono uno spettacolo...stamattina ne stavo per compra già tre on-line, poi il caso ha voluto che mi si bloccasse il pc! :-)
    L'ho fatto già molte volte anch'io il tiramisù del maestro, non c'è che dire...
    Bellissimo il tuo blog...simpaticissima tu.
    Monica

    RispondiElimina
  25. Ma che splendido post! Mi sono divertita un sacco e...ho imparato una marea di cose che non sapevo. Mi sono segnata la ricetta e il titolo del libro: grazie! ;-)
    Un caro saluto
    simona

    RispondiElimina
  26. Racconto spassoso, ricetta intrigante, libro imperdibile...e grazie della dritta del 3 x 2: ora chi mi ferma più?!

    RispondiElimina
  27. 'Sti uomini son tutti uguali ;) meno male che poi hanno anche loro delle debolezze! Tiramisù ottimo e in questo periodo ne avrei bisogno a "vangate"...
    bacioni
    Sonia

    RispondiElimina
  28. Hai ragione, scusa, non avevo letto attentamente i commenti precedenti al mio :-\
    Il tuo creare e donare è ancor più dolce dei dolci stessi!
    Quanto al tuo non esser Silfide, puoi sempre dare la colpa a Giove, è lui che dona a noi Pescioline il (buon) gusto di goderci la vita (quando si può), anche se con certe inevitabili conseguenze, ahinoi ;-)

    RispondiElimina
  29. Il racconto è simpaticissimo e sono certa che non si è pentito di aver concesso il "via libera" a questo meraviglioso libro ....
    La pstorizzazione delle uova nel tiramisù per me è fondamentale!

    RispondiElimina
  30. sono svenuta solo a guardare le foto...che golosità!!!
    la crema del tiramsù è adorabile, segno la tua ricetta...

    RispondiElimina
  31. Ma che magnifico post...!! Foto, ricetta e racconto..!!
    Che ridere...sembro io col mio ragazzo...troppo forti :-P

    RispondiElimina
  32. Il tiramisù... che passione... di uova pastorizzate... che particolarità per me... Insomma... che bontà! Io ci farei il "bagno"! La scena in libreria, lo confesso, è una scena che ho vissuto anch'io... diverse volte! Deborah

    RispondiElimina
  33. Sembra di sentire mio marito..con la differenza che lui si agiterebbe moltissimo per un libro con questo titolo, vedrebbe già tutto il tiramisu del libro sul mio didietro :-)
    Anche se è vero..adesso che ci penso..si lamenta che spendo troppo per mangiare e per le riviste di cucina ma poi..dalla tavola si alza sempre tutto soddisfatto!

    RispondiElimina
  34. Che colpo dritto dritto al Cuore!! Dev'essere a dir poco libidinoso!! Sarà banale/scontato ma adoro il tiramisù effettivamente in ogni sua possibile declinazione: è proprio il dolce simbolo all' "Elogio della Semplicità"... naturalmente perfetto!

    Baciottoli Sister e buon giovedì! ;o)

    Ele :*

    RispondiElimina
  35. ah ah ah..... ahi giocato sporco però!!!!!
    grandissima!!
    e questo tiramisù è da rifare subito!!!

    RispondiElimina
  36. sinceramente grazie per questa risata strappata di prima mattina..con il "pezzo" in llibreria! purtroppo dopo aver visto la tua magnifica foto col tisamisu nella teglia di coccio a pois, deliziosa, ho saltato a piè pari di leggere la ricetta erchè non mi voglio fare del male ( divieto di latte e uova :-( ) ma ti lascio ugualmente i miei saluti ..con un sano piccolo tocco di..invidia per voi ..che potete!

    RispondiElimina
  37. ma com'e' stato piacevole leggere la vostra "simpatica"discussione"!!!!mi hai fatto sorridere!!!ci scommetto che il tuo lui ha preso doppia porzione del tuo incantevole tiramisu'....ne 'e' valsa la pena!!!!hhihiiihi...ciaooo

    RispondiElimina
  38. l'appunto sulle quantità industriali delle ricette mi ha strappato un sorriso, soprattutto pensandole a tiramisù. Mamma si è fatta un discreto nome con il suo e quando lo prepara si parte sempre da un minimo di 1 kg o 1.5kg di mascarpone. Lei tra l'altro usa molte uove, tutte rigorosamente bio delle sue galline che scorazzano tutto il giorno nei prati, ed è per questo che ci fidiamo a consumarle crude, anche se mi ha sempre affascinato l'idea di provare la pastorizzazione. Sui libri non posso che essere solidale con te, rinuncio ad altre spese che considero supreflue, ma i libri no, anche se dovessero restare lì a lungo prima di essere letti o studiati a fondo sono per me un bene tangibile di cui resta traccia soprattutto nella mente. Quelli di cucina ho iniziato a comprarli recentemente, soprattutto quelli dedicati al pane, ma ho imparato ad osservarli bene prima di acquistarli, si vedono spesso prodotti editoriali che all'apparenza sembrano interessanti ma poi si rivelano piuttosto inconsistenti.
    E gli acquisti librosi della tua dolce e golosa metà di che tipo erano?

    RispondiElimina
  39. mi tocca andare contro corrente, io invece non me li compro mai così finisce che me li regalano e non sono mai quelli che vorrei: ho la libreria intasata di librini divulgativi e nemmeno un guido tommasi... =_(

    questo tiramisù comunque è assolutamente da rifare, la base pastorizzata poi sogno di farla da secoli (peccato che il mio termometro da zucchero sia rimasto nella valigia dei regali di Natale rubati... forse ora mi suggerirete di farmi benedire, cosa che in effetti dovrei prendere in considerazione)

    RispondiElimina
  40. Oxana: anche noi siamo un vero disastro! Fra tutti e due non riusciamo mai a venirne fuori indenni :)

    Morena: a me coi croissants mi aveva proprio conquistata, nemmeno fossero stati un fascio di meravigliose rose ;) Ormai posso considerarmi a tutti gli effetti una Montersino's girl :P

    Monica: pensa che invece io era la primissima volta che lo vedevo, e non ci ho nemmeno provato a resistergli :)
    E conosco bene i libi di Bibliotheca Culinaria di cui parli; ce ne sono diversi che attendono di entrare nella mia "scuderia" :)

    Simona: sono contenta che questo post possa tornare utile, ed anche che abbia strappato un sorriso a qualcuna di voi ;)

    Virò: non me lo dire. Tra libri presi in libreria e quelli acquistati online non so più quanta roba ho in giro! :)

    Sun: col tiramisù ero proprio certa che avrebbe ceduto, è una sua grandissima passione. Ma che addirittura schiantasse così rapidamente non me lo aspettavo, sai? :P

    Zia: grazie a San Giove che mi permette di scaricare le responsabilità su di lui :P

    Milena: io era da parecchio che volevo cimentarmi, ma poi non so perché non l'avevo ancora fatto.
    Ora che ho sperimentato quanto è facile e soddisfacente il risultato finale, sarà decisamente il mio Mantra :)

    Federica: grazie mille :)

    Piccolacuoca: ma che bello rileggerti, era un sacco che non passavi di qui! Un bacione :)

    Deborah: mi pare di capire che è una scena parecchio comune in effetti :P

    Aniko: il tiramisù sul didietro mi ha fatta proprio ridere :)))) Che poi vedi? Tutto uguali: chiacchierano chiacchierano e poi mangiano...Ingrati ;)

    Sisteruccia adorée: se solo fossi certa che bastasse fartene una cofana per averti qui...:*

    Alem: hai ragione, il mio è stato un colpo bassissimo :P

    Simoff: felice di averti strappato una risata, meno che tu non possa affondare il cucchiaino nel tiramisù :( Un bacione

    lafamevienmangiando: ehm... tripla.... Ssshhtttttt ;P

    Asa: beh sai, qui la famiglia è proprio piccina piccina, quindi in quelle dosi sarebbe davvero troppo per noi, ma la tua mamma mi pare perfettamente in linea coi dosaggi dei professionisti ;)
    p.s: i libri del mio lui vertono sempre sulla Storia, è appassionato ;)

    Cavoliamerenda: (te la butto lì eh...) quando sai che capita l'occasione di poter ricevere un regalo, far rotolare lì qualche nome di libro interessante, con la speranza che il suggerimento venga raccolto? ;) :P
    Un bacione

    RispondiElimina
  41. Sarah, sei geniale!! dovrei cominciare a ragionare come te..
    p.s. i complimenti per il tiramisu sono assolutamente superflui!!

    RispondiElimina
  42. Questo libro, assieme a "Golosi di salute" ed a "Croissant e biscotti" (sempre degli stessi autori) tra un po' credo che li saprò a memoria! Sono veramenre fantastici, ho fatto moltissime ricette, alcune le ho anche pubblicate sul mio blog, e non ce n'è una che non sia eccezzionale!
    Bella scelta!

    RispondiElimina
  43. English please.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. You'll find the google translator on the right side on top of the page, it will translate everything.

      Elimina
  44. Ciao!! Ma la ricetta originale prevede il pan di spagna inzuppato di caffè? grazie..Elisabetta..p.s.: lo vorrei fare sabato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisabetta!
      Io ho seguito para para la sua, e nel libro si parla di savoiardi: se preferisci il pan di spagna però puoi sostituire tranquillamente! :)

      Elimina
  45. Sono sempre stata titubante con il tiramisù, anche io lo preparavo per consumarlo solo in famiglia. Conoscevo i trucchetti di Montersino per la pastorizzazione delle uova e credo che sia arrivato il momento di provarli. Mi cimenterò quanto prima. Bello il tuo blog, molto belle le foto. Emanuela

    RispondiElimina

Se avete domande o curiosità di qualsiasi genere inerenti a quanto trovate nel blog, sono qui per rispondere più che volentieri.
Vi chiedo però la cortesia, prima di domandare, di leggere bene i post: spesso e volentieri le domande che ricevo hanno già risposta.
Se una volta letto restate con qualche dubbio...sono a completa disposizione. :)

Grazie.