OverBlog

08 novembre 2009

La crostata di mele e mandorle è di Adriano Continisio

...sottotitolo: foodbloggers mobilitati contro il plagio.

torta

Perchè oggi 8 novembre 2009 molti food bloggers e forumisti pubblicano in contemporanea questa ricetta?

Per solidarietà con Adriano Continisio che l'ha inventata e pubblicata sul suo blog già nel 2007.
Riassumendolo in pochissime parole, questa manifestazione vuole porre l'attenzione prima di tutto sulla necessità di un comportamento corretto per chi usa la rete nei confronti di chi pubblica materiale. Spesso si sceglie di mettere a disposizione il proprio materiale o lavoro con una licenza che permette di usarlo a condizione che se ne citi la fonte e questo è già un dono, a mio avviso. Si dice a chi legge: puoi gratuitamente utilizzare il materiale, puoi prenderlo, ma devi specificare che è mio e dire dove l'hai preso. Non è chiedere molto!

Altra importante condizione è che il materiale non venga usato a scopo di lucro.
Quando tutte e due le condizioni non vengono rispettate è evidente che la cosa è ancor più grave.

Questa volta è capitato ad Adriano, ma nel tempo è già capitato ad altri. Creare un tam tam è forse il primo di tanti passi per avversare il fenomeno, perciò ci siamo uniti e oggi pubblichiamo con il nome del suo autore la ricetta e la foto della crostata che ognuno di noi ha preparato.

E' ora che tutti sappiano di chi è la farina e pure il sacco!!!!!

fetta

La ricetta di questa meravigliosa crostata (che consiglio a tutti perchè vi voglio bene :o)) la trovate qui.
Io ho fatto due minuscole modifiche, una per necessità ed una a ragionamento personale.
Per necessità ho messo il rum scuro al posto dell'amaretto che non avevo: di testa mia ho, anzichè fatto apposta uno sciroppo per lucidare la torta a fine cottura, ridotto il liquido rilasciato dalla cottura delle mele, fino ad avere una consistenza sciropposa. E con quello ho spennellato.

Ultima cosa: è possibile realizzare questo splendore in una variante gluten free, sostituendo la frolla indicata con una frolla di riso.

9 commenti:

  1. Ti ringrazio anche qui, per la tua gentilezza.e...buona torta!

    RispondiElimina
  2. la crostata merita quindi farla oltre è essere un piacere per il palato è anche un atto di solidarietà con adriano quindi buona e giusta!!!baci imma

    RispondiElimina
  3. Cette tarte est un bonheur pour les yeux.

    RispondiElimina
  4. Molto bene! Facciamo vedere di chi è la farina e pure il sacco!
    Remy

    RispondiElimina
  5. Evviva, ma quanti siamo oggi a mangiare questa buonissima crostata!

    Ciaooo!
    Aiuolik

    RispondiElimina
  6. la mia non l'ho lucidata,ma nessuno ci ha fatto caso,è stata divorata!
    bella iniziativa!

    RispondiElimina
  7. Questa crostata è stato un vero successo (gastronomico e di denuncia): assolutamente fiera di averla fatta e di aver fatto parte di questa civilissima ed altrettanto importante protesta! :)

    RispondiElimina

Se avete domande o curiosità di qualsiasi genere inerenti a quanto trovate nel blog, sono qui per rispondere più che volentieri.
Vi chiedo però la cortesia, prima di domandare, di leggere bene i post: spesso e volentieri le domande che ricevo hanno già risposta.
Se una volta letto restate con qualche dubbio...sono a completa disposizione. :)

Grazie.