OverBlog

18 luglio 2012

Pomodori e patate... Un classico

pomodori di riso 7

Un grande classico della cucina italiana, o almeno: a casa mia, in estate, non manca mai.
A dirla tutta non posso certo dire che questo sia il mio piatto preferito, ma in casa ci sono altri che l'apprezzano enormemente, e così lo faccio e rifaccio da anni.
Il marito laziale (in tutti i sensi) lo ama molto, del resto è tipico della sua regione: è un piatto semplice da fare, economico, comodo da preparare e che si può consumare sia caldo -e con queste temperature ve lo sconsiglierei- sia tiepido.
Un evergreen insomma: anziché realizzarlo nella solita teglia del forno ho voluto provare nella tajine, visto che parte della cottura la effettuo solitamente con teglia coperta da carta stagnola: una buona soluzione anche la tajine devo dire, anche se certo non è legata minimamente alla tradizione del piatto realizzato :).

pomodori di riso 10
Tajine Emile Henry

POMODORI RIPIENI DI RISO CON PATATE

Ingredienti per due belle porzioni

4 pomodori ramati medio/grandi
2 spicchi d'aglio
origano abbondante
2 cucchiai di olio
4 cucchiai di riso (io uso il Sant'Andrea, o comunque riso da risotto che preferite)
sale
pepe
4 -5 foglie di basilico

per le patate
4-5 patate medie
olio
aglio in camicia
timo
origano
sale
pepe


Preparazione

pomodori Collage

Tagliare il cappello dei pomodori precedentemente lavati, scavare la polpa e tenerla da parte.
Frullare la polpa con l'olio, il sale ed il pepe, poi versarla in una ciotola ed unire l'origano, il basilico e l'aglio fatto a fette, così da poterlo eliminare in seguito (io l'aglio lo lascio solo in infusione, ma se piace si può anche aggiungerlo tritato e lasciarlo nella preparazione).
Unire il riso e mescolare bene: lasciar riposare un'oretta, così che il riso cominci ad assorbire il succo.
Pulire le patate e farle a spicchi della stessa misura.
Preriscaldare il forno a 180°.
Ungere una teglia in grado di contenere tutta la preparazione, unire l'aglio in camicia, l'origano ed il timo, aggiungere le patate scolate dall'acqua e condire con sale e pepe: mescolare bene.
Ricavare lo spazio per aggiungere i pomodori, salarli leggermente all'interno, riempirli col riso, unire un altro goccio d'olio e chiudere coi coperchietti.
Coprire con carta stagnola (o, nel mio caso, col coperchio della tajine) e cuocere coperto i primi 20-25 minuti: scoperchiare e proseguire la cottura altri 20-25 minuti circa: la cottura del riso dipende molto dalle dimensioni dei pomodori, da quanto liquido assorbe il riso,... Bisogna prenderci un po' l'occhio.

pomodori di riso 12
Tajine Emile Henry

20 commenti:

  1. Eh si a Roma è un must, non è nemmeno il mio piatto preferito ammetto, ma è talmente comodo... Un volta preparati si possono mangiare freddi e il giorno dopo sono anche meglio!
    Bella l'idea della tajine

    RispondiElimina
  2. Devo dire che qui in Liguria non si usa molto, io non l'ho mai mangiato...però ammetto che mi ispira parecchio e che è davvero comodo, un piatto utilissimo!
    Un bacione, GG

    RispondiElimina
  3. A Roma è uno dei piatti estivi per eccellenza e non a caso si dovrebbero usare proprio pomodori appositi, quelli che i fruttivendoli romani chiamano appunto "pomodori da riso" :D Io li adoro

    RispondiElimina
  4. ma sai che da me questo piatto non s'è mai visto! ma mi sembra decisamente buono, per cui a breve lo vedrai anche nella mia cucina! il tuo blog è diventato super solare cn l'estate.... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh eh eh... era proprio l'aura che volevo dargli :))

      Elimina
  5. Molto interessante la cottura in tajine, con questo caldo meglio evitare di accendere il forno ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai fatto venire il dubbio di esser stata poco chiara Rosalba :)
      Io ho usato la tajine come contenitore di cottura ma, ahimé, sempre nel forno è entrato :)

      Elimina
  6. Buonissimi, mi hai ricordato un piatto che mi preparava spesso mia nonna, anche se senza le patate!
    grazie per il bel ricordo, devo assolutamente rifarli e questa volta aggiungendo le patate!
    Ciao
    Ale

    RispondiElimina
  7. Che bella ricetta, la faccio spesso anche io, ho abitato qualche anno a Roma e lì davvero in estate non manca mai. Proverò questa tua versione con il riso crudo, io in genere lo lesso brevemente. Ciao!

    RispondiElimina
  8. sono romana e adoro questo piatto ovviamente!

    RispondiElimina
  9. Meravigliosa questa "padellata"! Anch'io ho bellissimi ricordi legatio a questo piatto...Un saluto
    simo

    RispondiElimina
  10. Non lo conoscevo questo piatto, e mi dispiace perchè mi fa molta molta gola =)

    RispondiElimina
  11. Mi fa piacere leggere che per molte di voi questo piatto porta bei ricordi: è una delle cose che più amo della cucina :)))

    RispondiElimina
  12. è uno dei miei piatti estivi preferiti....

    RispondiElimina
  13. E' appena rientrato mio marito da casa dei miei suoceri con patate e pomodori appena raccolti e vedo dal mio blog roll il titolo del tuo post...bhe...che dire? provo subito, mai fatti prima!!!
    Un caro saluto
    tamara

    RispondiElimina
  14. Un vero classico culinario! un piatto completo e non così complesso nella preparazione!
    baci baci

    RispondiElimina
  15. Pensa che dalle mie parti non si usa molto, al massimo si fanno le patate col sugo al pomodoro ma credo che sia tutta un'altra storia. Buone, le proverò! Bacio

    RispondiElimina
  16. Un grande classico che anche io adoro...potrei mangiarlo per settimane ininterrottamente senza stancarmi mai. Sempre fatto al forno, alla tajine non avrei mai pensato

    RispondiElimina
  17. che belli questi pomodori, hanno proprio l'aspetto dell'estate... e chissà che sapore. Mi sembra di sentirne il profumo da qui
    A.

    RispondiElimina
  18. ma che belli i cromatismi delle tue foto, racchiudono proprio lo spirito di questa stagione..

    RispondiElimina

Se avete domande o curiosità di qualsiasi genere inerenti a quanto trovate nel blog, sono qui per rispondere più che volentieri.
Vi chiedo però la cortesia, prima di domandare, di leggere bene i post: spesso e volentieri le domande che ricevo hanno già risposta.
Se una volta letto restate con qualche dubbio...sono a completa disposizione. :)

Grazie.