OverBlog

18 gennaio 2011

Di foto, marmellate, confetture, errori e perdono :D

confettura 004editededited

Avete mai provato a fotografare un vasetto di marmellata?
Non so voi, ma io -probabilmente per manifesta incapacità o mancanza dell' "occhio dell'artista"- ho fatto una fatica del diavolo per riuscire a tirar fuori una foto accettabile.
Le marmellate sono estremamente invitanti ma riuscire a fare una foto come si deve a dei banalissimi vasetti...boh... Lo trovo difficile quasi quanto fotografare la carne.
Quindi accontentatevi per favore e perdonate -il perdono è un dono grande, fatene largo uso :D-.
Dopo questa doverosa premessa passo al secondo tema scottante: oltre alle foto mediocri ci sono 2 errori. Oh yes.
Prima di tutto il cappuccetto sopra il coperchio: il disegno non centra una lippa col contenuto (lo potrete vedere nell'ultima foto del post), ma avevo solo quello e lo trovavo tanto carino da meritare comunque i suoi 5 minuti di celebrità :D.
Secondo poi.... Si fa un gran dire e specificare che i termini corretti sono confettura per quelle preparazioni di frutta senza agrumi e marmellate per tutte quelle con gli agrumi... Io preparo la marmellata di limoni e cosa scrivo sull'etichetta? Confettura. Bingo. Genio incompreso: presente. :D
In pratica vi sto rifilando un post con foto mediocri e pieno di errori e contraddizioni. "Bello, brava, bis"...ma anche no.
Prometto di essere più attenta in futuro.

marmellata di limoni e vaniglia

Questa marmellata è realizzata partendo da quella letta sul libro "Falling cloudberries" che ho appena comprato, di Tessa Kiros.
Molte blogger hanno già parlato di questa autrice: per me questo è il primo libro e devo dire che mi piace molto.
La marmellata che propone lei è molto più sbrigativa della mia, perché in sostanza si prevede di tagliare semplicemente in spicchi i limoni, privarli dei semini, cuocerli così con zucchero e vaniglia, invasettare e stop.
Io amo le marmellate di limoni ma:
1. non le amo troppo amare
2. non amo trovarci i pezzettoni di scorza qui e là
Per realizzarla comunque e rimediare a queste due "pecche" ho pensato di frullare la scorza di una parte dei limoni utilizzati con parte dello zucchero, ottenendo così una pasta di limoni omogenea e che aromatizzasse tutto il composto: poi ho pelato a vivo i limoni e prelevato solo la polpa, evitando così tutta quella parte bianca che rende amara la preparazione. Così facendo il lavoro è sicuramente più lungo e serve un numero maggiore di limoni, ma il risultato mi ha entusiasmata, quindi è valsa la pena.

marmellata di limoni e vaniglia

MARMELLATA DI LIMONI E VANIGLIA -modificata dalla ricetta di Tessa Kiros-

Ingredienti per circa 2 vasetti e mezzo da 250 ml

1 kg di polpa di limone, senza la parte bianca (nel mio caso ne sono serviti 16)
scorza di 7 limoni non trattati
1 kg di zucchero
1 bacca di vaniglia (i semi)
200 ml di acqua


Preparazione

Lavate benissimo i limoni, poi prelevate la scorza da 7 di essi con l'aiuto di un pelapatate: cercate di prendere solo la parte gialla, quella bianca più interna è quella che dà l'amaro.
Prendete un macina spezie e lo zucchero previsto dalla ricetta: un poco per volta tritate le scorze con qualche cucchiaiata di zucchero, fino ad avere una pasta di limone.

scorza di limoni e zucchero

Io non amo trovare le scorze "intere" qui e là nella marmellata ma molto del sapore è dato proprio da loro, ed è per questo che seguo questo procedimento: non me ne privo ma le omogeneizzo al resto.
Ora pelate a vivo i limoni e prelevatene la polpa, eliminando i semini durante l'operazione.
Consiglio spassionato: siccome è un procedimento lunghetto usate dei guanti di lattice usa e getta per farlo. Dopo 4-5 limoni avevo la pelle che urlava vendetta!
Una volta pronta la polpa versatela nella casseruola di cottura, insieme all'acqua, alla pasta di limone, allo zucchero rimanente ed ai semi della bacca di vaniglia.
Portate a bollore la marmellata, schiumandola in superficie fino a che non sarà limpida e priva di impurità: portate a cottura.

[NdA: ricordate sempre che la marmellata calda è più liquida rispetto a quando raffredda: se la portate ad una densità troppo elevata da fredda sarà un mattone.
Per regolarsi sulla consistenza c'è il solito metodo del piattino: mettete in frigo un piattino, quando pensate che possa essere pronta prelevate un cucchiaino di composto e mettetelo sul piattino. Inclinatelo: se "scivola" a fatica dovrebbe essere pronta.
Io confesso di non trovarmi per nulla con questo sistema, non riesco a regolarmi. Ormai, dopo diverse confetture-mattone ho imparato a regolarmi ad occhio sulla consistenza.
Indicativamente posso dirvi che questa marmellata, nel mio caso, ha cotto circa 40 minuti, ma è un'indicazione di massima.
L'unica con le marmellata è prenderci l'occhio (o affidarsi al piattino :D).]

Invasettatela in vasetti precedentemente sterilizzati (e coperchi nuovi), chiudete bene e capovolgete fino a completo raffreddamento, in maniera da creare il sottovuoto.

marmellata di limoni e vaniglia

37 commenti:

  1. io non sono un'amante delle marmellate, ma questa m'attizza un bel po'.
    Dove lo vendono un po' di tempo per poter pastrocciare in santa pace?

    RispondiElimina
  2. Buona...io ho provato a fare la marmellata di limoni ma era immangiabile da quanto era acidissima!!!! Devo provare questo metodo!!!
    Ma questi libri in inglese sono capibili anche da chi ha un'inglese a livello delle scuole medie???

    RispondiElimina
  3. Perdonatissima: i tuoi sono davvero peccati veniali!

    Che bel colore: me la immaginavo più chiara...

    RispondiElimina
  4. A me queste foto piacciono davvero parecchio e adoro la marmellata di limoni, con o senza scorzette. Aromatizzata alla vaniglia poi la trovo divina. Certo non è rapidissima ma ripaga con la sua bontà. Una sola domanda: non dovrebbe avere un colore giallo-ambrato? Perchè è rossa?
    Baci, buona giornata

    RispondiElimina
  5. Golosastra: hai provato in qualche e-shop? E' un prodotto di difficile reperibilità, il tempo, ma magari qualcosa salta fuori ;)

    burrofragola: fatico a risponderti a proposito della facilità di comprensione dei libri solo perché ho fatto il linguistico e quindi diversi anni di inglese.
    A me non sembrano difficili, forse anche perché ormai i termini usati per le ricette mi sono diventati piuttosto familiari anche grazie ai programmi di cucina in lingua che vedo su satellite..
    Secondo me sono facili, ma la difficoltà o meno è molto soggettiva.

    RispondiElimina
  6. Virò, Federica:il colore in foto è anche un po' parte della "bruttura" delle foto :)
    Comunque resta color ambra, è lo zucchero che caramellando il cottura tende a scurirla. Se diventasse però troppo scura probabilmente vorrebbe dire che la parte zuccherosa sta "bruciando", o comunque sta passando la giusta cottura.
    Bisogna regolarsi un po' con la fiamma, senza tenerla eccessivamente alta, per portare a cottura senza rovinarla.

    RispondiElimina
  7. Ohhhh!!! io adoro le marmellate ma non mi sono mai azzardata a fare quella di limoni. L'idea della vaniglia mi fa venir voglia di provare :) Grazie

    RispondiElimina
  8. Ciao. Da qualche giorno cercavo una ricetta di marmellata di limone che mi convincesse... e questa mi ha proprio convinto! Farò a breve.
    :))
    Devo ringraziare anche Martina che mi ha segnalato il tuo post.

    ...e mi piacciono molto anche le tue foto. Altro che perdonata...elogiata!!!
    :)))

    RispondiElimina
  9. wow...qui non c'e' proprio nulla da perdonare... ANZI!
    Foto e ricette da OLA!!!! Buonissima giornata
    Paola

    RispondiElimina
  10. Voi siete fin troppo indulgenti: grazie :)

    RispondiElimina
  11. Come dire, a me interessa più il contenuto che il contenitore, quindi errori perdonati in toto!
    Ho riconosciuto la foto del libro. Molto bello, rilassante, familiare. Un tipo di lettura che mi piace molto, anche perchè spazia tra vari stati e tradizioni e si può davvero imparare tante cose diverse.
    Nonostante io abbia una vera fissa con marmellate e co. non ne ho mai fatta una di agrumi. Mi vorrei buttare su qualcuna della Ferber di cui ho riprodotto con successo una confettura di banane, arance e vaniglia. Tu hai provato qualcosa?

    Per i barattoli stendiamo un velo pietoso..anzi x tutte le cose in vetro che si prendono quei tremila riflessi da impazzire. Devo procurarmi un polarizzatore!

    RispondiElimina
  12. Queste sono brutte foto!??!
    vabbè...
    cmq anche io trovo difficile fotografare i barattoli, la luce riflessa dalle curve è terribile da gestire!

    cmq mi piace la tua confettura ;)
    un bacino
    Vero

    RispondiElimina
  13. Dora: della Ferber ho i libri, regalo di un'amica foodblogger e presi in loco, ma confesso di non aver fatto ancora nessuna delle sue proposte. Proprio nel periodo in cui volevo cimentarmi avevo letto di un sacco di fallimenti tra diverse blogger, così mi sono un po' "scornata" ed ho messo da parte ogni velleità su quei libelli.
    Sentire da te che ti ci sei messa e che è venuta però mi ringalluzzisce parecchio: ricomincio ad avere un po' di fiducia e non escludo di provarci!
    Sul polarizzatore... nella wish list d'ufficio. :)

    Vero: oddio, ho fatto parecchio di peggio eh? Se riguardo le prime foto mi vengono i brividi, ma ci sono soggetti che mi viene più facile fotografare rispetto ad altri...ed ho scoperto di detestare i vasetti di marmellata! :)

    RispondiElimina
  14. ma a me la tua foto piace....
    e poi la ricetta di questa marmellata è davvero invitante!

    RispondiElimina
  15. Che buona la marmellata di limoniiiiiiiiii, Sarah posso chiederti dove potrei trovare quelle belle etichette?

    RispondiElimina
  16. Micol: grazie :)

    Titti: guarda, le ho comprate una vita fa quelle etichette e non ricordo per certo dove, ma sono quasi sicura di averle comprate in Svizzera.
    Ogni tanto fanno delle zone saldi a tema, e quindi ci sono i reparti coi vasetti per le conserve, i tappi, gli imbuti col collo largo, coperchietti di stoffa ed etichette... penso proprio di averle prese in queste occasioni.

    RispondiElimina
  17. Foto splendide, altro che! Ma il contenuto ancor di più...interessante l'aggiunta della vaniglia, da provare senz'altro. Io mi sono cimentata in quella di arance di recente...semplice ma buonissima! Complimenti
    s

    RispondiElimina
  18. Brutte foto, eh già. Davvero orrende, inguardabili. Ma dai :D Io sono quella delle brutte foto, le tue sono dignitosissime. Limoni e vaniglia dev'essere deliziosa, ottima scelta!

    RispondiElimina
  19. So che probabilmente sei una purista della cucina, non ho letto ancora moltod el tuo bel blog, però se avessi usato la pectina, leggi fruttapec, che è innoqua e nn fa male :) , avresti ottenuto una marmellata + chiara vicina al colore del limone.
    E' comunque bella così e sarà sicuramente buonerrima.
    Appena mi libero un po' da vari impegni sfrutto i kili di limoni che il mio albero fa.
    Per le fotografie.....sai che ho avuto gli stessi problemi a Natale? Non che io sia una fotografa, anzi...però è complicato veramente.
    Buon pomeriggio
    al prosismo post

    RispondiElimina
  20. la foto della pasta di limone è bellissima, cosi solare, cosi essenziale! magari avere dei bei limoni per farla..mi dovevo fidanzare con uno di ischia..ihiihihi http://ilpomodorosso.blogspot.com/

    RispondiElimina
  21. Alberodellacarambola: buona la marmellata di arance!

    You noise: grazie :)

    Flo: conosco la pectina e so che è innocua. Ho provato ad usarla un annetto fa ma non mi piace per nulla la consistenza finale che da, senza contare che gli agrumi sono ricchi di pectina e sarebbe forse l'unica marmellata in cui non mi verrebbe in mente di usarla.
    Se ci si trova bene con la pectina, perché no? :)

    Cleare: limoni come si deve sono indispensabili. Io in questo caso ho potuto reperirne sono di non trattati, ma appena mi capitano di nuovo per le mani quelli di Amalfi...:)

    RispondiElimina
  22. Tesoro, sei perdonata eccome, tutto quel che fai è una meraviglia, sempolicemente. A me della confettura-marmallata interessa la sostanza, quanto alla forma...si evde benissimo che il vasetto è delizioso!

    RispondiElimina
  23. davvero una meraviglia!!! complimenti!!!

    RispondiElimina
  24. Bellissima ricetta e sopratutto molti accorgimenti utili. Ciao, Simona

    RispondiElimina
  25. La ricetta originale la definisce marmellata. Primo errore che non hai fatto.
    Secondo: non hai niente da farti perdonare, anzi. Io le foto le trovo belle.
    Terzo: grazie, prendo nota!

    RispondiElimina
  26. Tranquilla anche io ho bastemmiato in aramaico antico con le foto delle marmellate, tanto che mi sono stancata di metterle nel blog! E pensare che per Natale ne avevo create davvero tantissime e con gusti sfiziosissimi!

    RispondiElimina
  27. errori tutti perdonati, la marmellata è ottima!
    del libro di tessa kiros sei l'ennesima che me ne parla bene mi sa che tocca comprarlo :)

    RispondiElimina
  28. Sinceramente che sia marmellata o confettura a me non importa molto.. l'importante è che sia buona come sembra!! ciao! :)

    RispondiElimina
  29. La marmellata di limoni mi piace moltissimo e questa con la pasta la trovo fantastica. Appena recupero dei limoni buoni buoni la faccio di sicuro.
    Stavo scrivendo il commento e l'occhio mi è caduto sul pane tigrato...
    Ma è bellisimoooooooooooooo
    Voglio farlo....mgari per una serata trendy :D Mi fa piacere che sia passata da me.
    Un bacio e a presto

    RispondiElimina
  30. Cara ma sei stata bravissima! Hai fatto vedere sia il contenuto sia il barattolo, e che vuoi di più??? Poi da autodidatta sei eccezionale, quindi i complimenti sono doppi!!!
    Un bacione ... :*

    RispondiElimina
  31. Ieri sera l'ho fatta!
    Ora è lì che riposa. Appena assaggerò ti farò sapere.
    Ah, al posto dell'acqua ho messo del centrifugato di mela.
    ;-)

    RispondiElimina
  32. @ tutte: grazie ragazze, un bacione :)

    Zio Piero: vista e fatta :) Buona idea quella della mela: ci avevo pensato anch'io ma volevo farla "pura" la prima volta.
    Aspetto notizie allora ;)

    RispondiElimina
  33. Per i miei gusti usa troppo zucchero. Io sono abituata ad usarne poco, perchè mi piace sentire la frutta. Ma parli di fallimenti per quanto riguarda l'addensamento? La mia confetture di banane non era particolarmente sostenuta, però cremosa e a me piace!

    RispondiElimina
  34. Dora: è un po' la ragione che mi ha frenata all'inizio. Poi leggendo di qualcuna a cui non veniva la confettura (restava lenta oppure i tempi di cottura erano comunque lunghetti..) ho preferito passare.

    RispondiElimina
  35. Si, in effetti con quei tempi di cottura che dice lei, resta molto più morbida. Bah, forse bisognerebbe provare con lo zucchero cristallizzato, così come da ricetta.
    In ogni caso, se ci provo, ti faccio sapere!

    RispondiElimina
  36. Ciao!
    Capito qui per caso....bellissimo il tuo blog complimenti!!!

    La Ceci

    RispondiElimina
  37. Come promesso: allora l'ho assaggiata. A mio avviso è ancora piuttosto asprigna, ma probabilmente avevo dei limoni molto "forti" ma, si sa, è una marmellata che tende all'aspro.
    Di mio, oltre al succo di mela, ci ho aggiunto della scorza a listarelle (come nella marmellata d'arance), ma non lo rifarei e mi limiterei solo alle zeste.
    Grazie :)

    RispondiElimina

Se avete domande o curiosità di qualsiasi genere inerenti a quanto trovate nel blog, sono qui per rispondere più che volentieri.
Vi chiedo però la cortesia, prima di domandare, di leggere bene i post: spesso e volentieri le domande che ricevo hanno già risposta.
Se una volta letto restate con qualche dubbio...sono a completa disposizione. :)

Grazie.