OverBlog

6 aprile 2010

Fragola & Limone con l'Abruzzo nel cuore: 99colombe in volo

SORELLE NURZIA 1bis


[...] Dove vive mamma è una zona assolutamente non sismica, perciò sono cresciuta correndo felice tra le verdi colline elvetiche senza mai avvertire movimenti tellurici, leggendone solamente o vedendo le devastazioni in tv.
Poi mi sono trasferita a Roma e le cose sono un po' cambiate.
Il mio primo terremoto fu nell'estate del 2005: il caso voleva che fossi a Roma sola, nel senso che non c'era nessuno che sentissi di famiglia perché il fidanzato era via con genitori e sorella.
Erano circa le 14, ero seduta sul divano a leggere un libro, uno dei miei gatti sul tavolino del salone di fronte a me, stranamente inquieto.
Era già una mezz'ora che si agitava, e non capivo perchè.
Poi, tutto d'un colpo, ho visto gli specchi dell'armadio in ingresso cominciare a tremare, ed il pavimento sotto di me che si muoveva.
Il terremoto. Ero sola.
Che faccio? Oddio, adesso che faccio? In questi casa dicono di correre fuori dall'edificio... Ma non posso uscire e lasciare qui i gatti. E nemmeno portarmeli entrambi.. Prendo Lilli, è qui di fronte a me: ora che trovo Lillo se deve crollare qualcosa ci uccide entrambi.
Il tempo di fare tutti questi ragionamenti, 5-6 secondi, ed il terremoto si placa.
Avevo pensato ad altre 1000 cose in quei 5-6 secondi, ma ero rimasta lì, completamente immobile, incapace di prendere una decisione, di fare qualcosa.
Appena finito mi sono precipitata a telefonare a mamma, ancora scossa (è il caso di dirlo) dall'evento.
Dopo aver riagganciato mi sono accorta che mi tremavano le gambe per lo spavento: mi sono seduta sul divano e sono scoppiata a piangere.
Non dimenticherò mai la sensazione di impotenza e terrore che ho provato col mio primo terremoto: puro panico.
Dopo quella, ho sentito scosse leggere un altro paio di volte, sempre mentre ero a letto.
Stando fermi si sente bene, anche se è un leggero movimento.
Il panico puro della prima volta non l'ho più provato: nemmeno stamattina, con la scossa più forte che abbia mai avvertito.
Ancora a letto, verso le 7.50, in quel leggero torpore che ci avvolge quando non si è ancora del tutto svegli: dei colpi netti al letto, come se qualcuno lo stesse prendendo a calci, i quadri che sbattono alle pareti, tutto trema.
Ed io lì, ancora una volta, ferma, paralizzata, ad aspettare e pregare che finisse presto, che non peggiorasse.
Il terremoto è orribile: ti rendi conto di quanto sei piccolo ed impotente, di quanto la Natura ti sovrasti, di quanto siamo insignificanti di fronte alle sue manifestazioni più violente.
[...]

Queste poche righe le ho scritte io, 3 anni fa.
I terremoti di cui scrivo sono stati nulla a confronto di quello vissuto in Abruzzo un anno fa esatto. E nonostante fossero nulla, ricordo ancora distintamente la paura, il panico, il profondo terrore che ho provato durante le scosse che avvertivo quando vivevo a Roma.
Sensazioni che non dimenticherò mai.
Io non ho perso nessuno, non ho perso niente, in quelle scosse: ci ho guadagnato solo qualche attimo di terrore.
Non riesco lontanamente ad immaginare cosa debba esser stato un anno fa, e cosa sia oggi, per chi è rimasto, vedere la propria terra ancora profondamente ferita, dilaniata, ed aggiungere la perdita di propri cari, delle proprie case, delle proprie vite.
Non riesco, non posso immaginarlo.
Ricordo, appena appresa la notizia, di aver cominciato a pensare ai nonni del mio ragazzo, abruzzesi, ed a tirare subito un sospiro nel ricordare che ormai vivevano a Roma da qualche anno e che quindi stavano bene.
Ed appena tirato il fiato ricominciare a chiedermi degli amici che vivevano a L'Aquila, carissimi amici: non siamo riusciti a sentirli subito, perché essendo medici si sono subito resi disponibili ad aiutare, e quanta paura nel non avere subito loro notizie.
Fortunatamente a tutte le persone a cui voglio bene non è successo nulla e le loro case hanno retto, ma sentirli raccontare fa ancora venire i brividi.

Avrei partecipato in ogni caso all'iniziativa di 99colombe, perché sono fatta così, ma proprio per i loro racconti, che ho nel cuore, ho partecipato ancora con più voglia e desiderio di provare ad aiutare per come potevo.
Aiutare Sorelle Nurzia a risollevarsi, unendo tutti i foodblogger in una sorta di abbraccio collettivo all'Abruzzo, è una di quelle iniziative di cui sarò per sempre orgogliosa.
Un tamtam prima di emozioni, poi concreto, nella mobilitazione generale di tutti quelli che volevano sentirsi utili e sapere di dare un aiuto concreto ad un'azienda storica improvvisamente in difficoltà, e non per demerito, ma per puro caso.
A Pasqua, a casa mia, abbiamo finito il pranzo con la colomba ed il torrone morbido mandorle e pistacchio di Sorelle Nurzia: il nostro pensiero è volato, è il caso di dirlo, a tutti gli abruzzesi colpiti nell'anima.
La nostra speranza è che possiate risollevarvi, con tutta la forza che la dignità e l'amore per la vostra terra vi darà.

SORELLE NURZIA 2

COLOMBA CON SEMIFREDDO AL MIELE E TORRONE MANDORLA E PISTACCHIO


Ingredienti per il semifreddo (nello stampo da plumcake corto viene una mattonella di semifreddo)

300 gr di panna
100 gr di miele delicato (io ho usato quello di acacia)
1 uovo intero
4 tuorli
torrone morbido mandorla e pistacchio Sorelle Nurzia a piacere

altro miele e torrone per terminare e decorare

per finire il piatto
qualche fetta di colomba Sorelle Nurzia fatta a dadini
lamponi e panna a piacimento


Preparazione

Spezzate del torroncino grossolanamente e tenete da parte.
Rivestite lo stampo che volete usare con della pellicola, così da aiutarvi quando dovrete sformarlo.
Spolverizzate sul fondo grosse briciole di torrone e mettete da parte.

                      Foto da Scattidigusto, gentilmente concessa

In una ciotola adatta a fare il bagnomaria mettete il miele coi tuorli e l'uovo (eliminando se riuscite la pellicina del tuorlo, che è quella che dà il sapore forte di uovo*).
Con una frustina sbattete il composto, come si procede con lo zabaione, e proseguite fino ad aver ben montato il tutto (5-7 min).
Intanto montate la panna (non deve essere troppo sostenuta, solo montata quel tanto da lasciare i picchi sollevandone un po' con le fruste elettriche).
Levate il composto di uovo e miele dal fuoco, aspettate un qualche minuto e poi versatelo sulla panna, incorporandoli mescolando dal basso verso l'alto.
Versate il composto nello stampo, chiudetegli sopra la pellicola e mettete in freezer fino al giorno seguente.

Se fate fatica a sformarlo immergete lo stampo per pochi secondi in una ciotola con acqua calda.
Porzionate e finite il semifreddo con una colata di altro miele ed altro torroncino a pezzetti.
Servite con dadini di colomba, qualche ciuffo di panna e del lamponi, o a piacere vostro.
(La colomba mangiata col semifreddo ed il lampone è davvero paradisiaca: provare per credere ;o)).

SORELLE NURZIA 6

* quando aprite l'uovo separate bene il tuorlo dall'albume, senza romperlo, e poggiatelo su di un piattino. Ora con uno stuzzicadenti fate un buchino nel tuorlo, poi con pollice ed indice "pizzicate" la pellicolina che riveste il tuorlo e sollevatela, eliminandola. Questa pellicola è quella che lascia il sapore forte dell'uovo, anche nei dolci in cui di solito si mette la scorza di limone per paura che "sappia di uovo". Levando quella si leverà il forte odore, e in un prodotto delicato e fresco come il gelato, è un bell'aiuto. :)
Io avevo imparato questa cosa su cooker, ma non ci sono le foto, così vi rimando da Lory che le foto le ha fatte, e pure belle: scendete nel post e le trovate ;) 

28 commenti:

  1. Il tuo post mi ha commosso, Sarah...
    bello il volo della tua colomba!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Un bacio, Sarah. So cosa vuole dire rimanere impotenti e paralizzati in circostanzi simili...
    E complimenti per il tuo dolce, davvero, ma da te non ci aspettiamo niente di meno :-*

    RispondiElimina
  3. (^_^) ciao Sarah,anche il mio pensiero è volato da quelle parti ♥
    complimenti per il dolce molto intrigante (-_^) un abbraccio baci baci ♫♪♪

    RispondiElimina
  4. Simo: grazie, un bacione :*

    Araba: anche tu, eh? Ci si sente davvero infinitesimali in certe circostanze... Un abbraccio e buona settimana :)

    may26: grazie bella, un bacio a te ;)

    RispondiElimina
  5. un semifreddo da tener presente sicuramente....hai descritto benissimo quei pochi secondi di terrore che sembrano dilatarsi come fossero ore, fotunatamente qui a parte qualche scossa di terremoti non ne abbiamo mai avuto, ciao!

    RispondiElimina
  6. Avrei voluto dare anch'io il mio contributo a questa iniziativa, ma come mi hanno scritto le sorelle Nurzia non forniscono all'estero. Tuttavia con la tua ricetta certamente potrò riciclare qualche fetta di colomba rimasta dopo la festa. Grazie e buona giornata!

    RispondiElimina
  7. bellissimo post tesoro e golosissima la ricetta...bacioni imma

    RispondiElimina
  8. Anche io ho provato il panico del terremoto, ma grazie a Dio, senza mai perdere nessuno, ma il terrore che si prova è davvero paralizzante. Io quando è successo il terremeto in Abruzzo mi trovavo in Andalusia ed è stato così brutto essere lontani in un momento come quello! Bellissima questa iniziativa e ottima la tua ricetta. Molto utile il trucchetto dell'uovo.
    Baci
    Stefania

    RispondiElimina
  9. Stupendo e delizioso questo semifreddo...ottima idea per utilizzare il loro delizioso torrone!
    stupendo contributo!:)

    RispondiElimina
  10. è stupendo questo post!!! un bacione.

    RispondiElimina
  11. Le tue parole mi hanno commossa. La fotografia che apre il post è semplicemente splendida. La ricetta deliziosa!

    RispondiElimina
  12. Grazie ragazze! Sto facendo un volo tra tutte le proposte delle altre colombe, e sono uscite delle cose davvero splendide :)

    RispondiElimina
  13. Sarah, a parte la bellezza del post, toccante in molti punti, e a parte la bonta' di questo dolce..le foto stavolta spaccano piu' di tutte le altre volte! Bellissimo l'effetto antico sulla prima!

    RispondiElimina
  14. sono rimasta affascinata dalla bellezza totale del post...foto...commento...ricetta....complimenti!

    RispondiElimina
  15. Bello il semifreddo ed ancora di più questa gara di solidarietà...

    RispondiElimina
  16. Bellissimo post e bellissime foto! complimenti! per non parlare del dessert....

    RispondiElimina
  17. Hai ragione, sono dei momenti terribili!!
    Bellissimo il tuo post e il tuo dolce!!
    Baci :)

    RispondiElimina
  18. Un post molto commuovente ed un dolce veramente buono...grazie!
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  19. Sarah, questa iniziativa e' meravigliosa, e tu sei un'anima meravigliosa per averci partecipato.

    Bravissima!

    RispondiElimina
  20. Cib: possibile mai che anche nella peggior giornata di luna storterrrrima riesci sempre a strapparmi il sorriso? grazie mille, un bacione

    Chiara: grazie :)

    Virò: vero, è stata un grandissimo successo... Speriamo che ora resti una scia positiva ;)

    Acquolina, Laura: grazie ragazze :)

    Anna Luisa: grazie mille :)

    Laura: mi fai arrossire... Comunque sì, è stato un onore partecipare a qualcosa di così sentito e soprattutto riuscito.
    Un bacio

    RispondiElimina
  21. il tuo contributo all'iniziativa è un vero capolavoro, anche dal punto di vista fotografico. ammetto di non capirci molto di fotografia..ma la prima foto, insieme ai racconti che ci hai fornito, è davvero toccante.
    grazie!

    RispondiElimina
  22. semplicemente toccante...

    che carino il tuo blog...
    ti lascio il mio nuovo indirizzo
    http://unpodibricioleincucina.blogspot.com/
    se ti và passa a trovarmi.. ^_^
    mercy

    RispondiElimina
  23. Bellissima e gustosissima idea!!! Bel post e bellissima foto !
    Un bacione!

    RispondiElimina
  24. non stento a crederci, il semifredddo al miele deve essere paradisiaco già da solo!!

    RispondiElimina
  25. bellissimo il tuo post!!!!!!!! denso di emozioni!!!!
    i gatti, lo scorso anno quando in abruzzo la terra tremava da far paura le scosse si avvertivano anche nelle marche e il mio amato cricchetto lo tenevo sempre con me!

    la ricetta e le foto sono meravigliosiiiii!!!

    RispondiElimina
  26. Ciao!

    E' partito il Contest di Aprile de LA CUCINA ITALIANA: LA FOCACCIA!
    Partecipa anche tu ed invita i tuoi amici di blog.

    Per info:

    http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=862&ID=337208&csuserid=2112&ar=

    Scade il 10/05/10

    Buon Lavoro!

    La Redazione Online

    RispondiElimina

Se avete domande o curiosità di qualsiasi genere inerenti a quanto trovate nel blog, sono qui per rispondere più che volentieri.
Vi chiedo però la cortesia, prima di domandare, di leggere bene i post: spesso e volentieri le domande che ricevo hanno già risposta.
Se una volta letto restate con qualche dubbio...sono a completa disposizione. :)

Grazie.