OverBlog

4 gennaio 2010

Fortissimamente ricotta

ravioli cotti

Ormai un mesetto fa, rientrando a casa dall'ennesima manifestazione (mangereccia e non solo), Artigiano in Fiera,  mi sono ritrovata per le mani una splendida ricotta di bufala.
All'inizio la mia idea era di farci dei ravioli, ma buttando lì la cosa ad alcuni amici su FB mi è stato caldamente sconsigliato: "E' un vero peccato farne ravioli, perchè così non te la godi appieno! L'ideale è mangiarsela a cucchiaiate", l'opinione generale era pressapoco questa.
In realtà la mia idea dei ravioli era nata proprio ritrovando questo prodotto così trattato su alcuni siti/blog, ma vista l'unanimità del consiglio così è stato.
Non avevo mai mangiato ricotta di bufala, perciò non ho un metro di paragone, ma questa ci è piaciuta moltissimo: più sostenuta rispetto alla ricotta vaccina classica, ma anche più cremosa e sapida.
Una vera goduria.
Sono ben contenta di aver dato retta ai suggerimenti di godermela così, perchè in effetti era squisita.
Però, c'è un però (altrimenti non ci sarebbe questo post) ;).
Ormai la voglia di ravioli mi aveva presa, e io li ho praticamente sempre fatti con ricotta e spinaci: l'idea di un delicato raviolo solo di ricotta mi stava tartassando, così raviolo di ricotta fu. Di ricotta vaccina, nel mio caso. No, non ho avuto proprio il cuore di usarla di bufala, ma se avessi la fortuna di trovare uno "spacciatore" di fiducia e di averne più facilmente e di qualità, penso che li farei anche con quella.:)

ravioli aperti 4

RAVIOLI DI RICOTTA CON SUGO AL POMODORO

Ingredienti per - nel mio caso - 51 ravioli

per la pasta:
400 gr di farina 00 (oppure metà semola rimacinata di grano duro Senatore Cappelli - acquistata qui - e metà 00, come nel mio caso)
4 uova
1 cucchiaio di olio
pizzico di sale

per il ripieno:
500 gr di ricotta (usate quella che preferite: vaccina, pecora o entrambe)
noce moscata a piacere
parmigiano reggiano a piacere
un pizzico di sale
pepe bianco a piacere

per il sughetto:
due cucchiai di cipolla di Tropea tritata
4 cucchiai di olio extravergine
200-250 gr di passata di pomodoro (o se preferite potete usare i pomodori freschi quando sono in piena stagione)
basilico se vi piace
sale, pepe

parmigiano per spolverare


Preparazione

Per prima cosa io preparo il ripieno, mescolando gli ingredienti (setacciate la ricotta se ne usate una molto sostenuta) ed assaggiando man mano, per regolare la sapidità e la noce moscata a seconda del gusto personale.
Poi metto tutto in un sacchetto per alimenti, facendo andare il ripieno tutto in uno solo degli angolini (come se fosse una sac à poche): chiudo il sacchetto, metto in frigo e me ne dimentico fino al momento dell'uso.

A questo punto mi dedico al sugo.
Trito la cipolla (non usatene troppa, altrimenti col sugo coprirete il sapore delicatissimo del ripieno) e la lascio stufare nell'olio: mi raccomando, non deve prendere colore ma appassire dolcemente, in maniera da concentrare gli zuccheri della cipolla rendendola dolcissima e digeribile.
Quando la cipolla si è ammorbidita, dopo circa 5-10 minuti, aggiungete la passata di pomodoro, aggiustate di sale e pepe e lasciate cuocere per circa 15 minuti.
Spegnete il fuoco e lasciate da parte.

Ora dedicatevi alla pasta.
Impastate gli ingredienti fino ad ottenere un composto liscio e setoso.
Coprite a campana con una ciotola e lasciate riposare una mezz'ora.
A questo punto io procedo lavorando con pezzi di impasto, un po' alla volta, lasciando il resto sotto la ciotola per evitare si secchi. Così facendo formerò i ravioli un po' alla volta, l'impasto non si seccherà e non avrò bisogno di inumidire la pasta per sigillarla bene.
Con la macchinetta per la pasta stendo l'impasto (lo so, i ravioli dovrebbero essere molto sottili, perchè il vero protagonista qui è il ripieno, ma a noi la pasta piace consistente, che si senta sotto i denti e non si sciolga in bocca, perciò io tiro la pasta fino al livello 5 dei rulli, non oltre), ottenendo una striscia.
Ora spolvero benissimo di farina sotto la sfoglia, ma non sopra, così i ravioli sigilleranno perfettamente.
Col ripieno faccio tanti mucchietti, lasciando spazio tra uno e l'altro, circa 3 cm.
Con delicatezza chiudo la pasta sopra il ripieno, levo benissimo l'aria all'interno per evitare che i ravioli si rompano in cottura, e sigillo le due estremità, ottenendo una mini-batteria di ravioli:

bat

Ora, con un coppapasta di misura adeguata (il mio era da 5 cm) o una rotella tagliapasta ricavate i vostri ravioli.
Il bello del farli quadrati è che avrete sicuramente meno scarto di pasta.
Proseguite così fino ad esaurire gli ingredienti: con queste dosi e tirando la pasta a quella misura a me sono venuti 51 ravioli e mi sono avanzate due strisce di pasta.
Le quantità però dipendono molto dalle dimensioni dei ravioli e da quanto sottile stenderete l'impasto, quindi è molto soggettivo.

ravioli crudi 1

Portate a bollore l'acqua per i ravioli, salate e tuffateli, facendo attenzione a partire da quelli che avete realizzato per primi: in questo modo, inserendoli per realizzazione, dovreste ottenere una cottura omogenea.
I primi, che si saranno seccati un po' aspettando che siano pronti gli altri, cuoceranno qualche attimo più di quelli realizzati e tuffati per ultimi, che saranno sicuramente più "freschi" e morbidi.
Intanto scaldate il sugo: tuffate i ravioli cotti, saltateli (possibilmente toccandoli meno possibile con posate varie per evitare di romperli) e, a fuoco spento, spolverizzate di basilico tritato se vi piace.
Servite ben caldi, con anche un po' di parmigiano a finire il tutto.

ravioli aperti


Nota: coi ritagli avanzati dei ravioli reimpastati io ricavo o delle tagliatelle o le sfoglie per le lasagne al forno.

Nota 2: realizzando questi ravioli mi è venuto in mente che se ne otterrebbe una versione deliziosa aggiungendo della scorza di agrume al ripieno e condendoli con un buon ragù di pesce.

36 commenti:

  1. Tu mi fai morire..questo è cibo per gli dei..in un altra vita devo essere stata emiliana, perchè le paste ripiene mi fanno sbarellare, soprattutto queste molto saporite all'interno ma condite semplicemente con un buon sugo di pomodoro dolce..e allora quando verrò da te mi raccomando voglio questi!!!!!!;-) ovvio che scherzo...

    come stai? spero ti sia un pò ripresa dall'ultimo dell'anno ho letto cose un pò tristi su twit..
    baci a te e ai pelosi..

    RispondiElimina
  2. Bè mangiata così da sola sempicememtne avrebbe reso al amssimo, ma certo anche in dei semplicissimi ravioli rende altrettanto! E poi condirli semplicemente con il pomodoro è stata l'idea migliore.

    RispondiElimina
  3. a me piace tantissimo la ricotta di bufala, alla coop vicino da me ne hanno una favolosa e ogni tanto il sabato la compriamo e la mangiamo così oppure con un pochino di vino cotto..
    ottimi questi ravioli..
    buon anno Giulia
    ps ti ho scopiazzato la ricetta della scorza di arancia grattugiata..mmm ottima
    è qui: http://amaradolcezza.blogspot.com/2010/01/petrali-o-buccellati-siciliani.html

    ciaoo

    RispondiElimina
  4. Ma dai, anche tu all'atigiano in fiera, ma c'ero anche io!!!!!!! Che abito a 10 minuti dal polo fieristico!
    Chissà, magari in futuro...
    Complimenti per i ravioli, quelle foto mi fanno quasi sognare..

    RispondiElimina
  5. secondo me hai fatto proprio ben a farci anche i ravioli, certamente al naturale renderà al massimo come sapore ma il ripieno di sola ricotta mi sembra davvero un'ottima idea!

    RispondiElimina
  6. sononera: ciao bella, rientrata da Berlino? Com'è com'è????
    Qui tutto bene, mal di testa lancinante a parte: il Capodanno lo odio da sempre, l'importante è che sia passato anche quest'anno :)

    p.s: che scherzi! Se li vuoi davvero quando vieni a trovarmi te li faccio! :)

    piccipotta: buonissimo anno a te! Devo anch'io guardarmi in giro e sperare di trovare uno "spacciatore di ricotta di bufala", perchè me ne sono innamorata! :)

    Manu e silvia: forse mi sono spiegata male io. La ricotta di bufala l'abbiamo mangiata così, al naturale. Questi sono con ricotta vaccina :)

    Simona: anch'io abito a 10 min dal polo fieristico! ora salta fuori che siamo vicine di casa magari :) Grazie dei complimenti ;)

    Giò: ok, ora il mio dubbio di essermi espressa male ha una conferma in più :)
    Con la ricotta di bufala non ho osato farli, ce la siamo mangiata così, al naturale. Questi sono con semplice ricotta vaccina, ma se trovo uno spacciatore di ricotta di bufala all'altezza, in modo da averne di più a disposizione e più spesso, sicuramente nei ravioli ci finisce... oh sì :)

    RispondiElimina
  7. che belle foto, che bei ravioli e che bella ricetta!!! Fa venire voglia di mangiarli!!! Brava

    RispondiElimina
  8. Prima di tutto BUON ANNO!!!
    Ottima idea quella dei ravioli!!!!Sono buoni e delicati...li ho preparati per Natale e come ricotta ho messo quella mista, devo dire che il ripieno si sente maggiormente rispetto all'altra!!!Mi piace il tuo condimento...ho visto che di solito si usa burro e salvia, però non mi ha entusiasmata troppo!!!!UN ABBRACCIO e buona giornata

    RispondiElimina
  9. La tua nota n.2 mi ha ricordato che in Sardegna ho assaggiato dei ravioli con ripieno di sola ricotta e scorza di limone, che avevano lo zafferano nella sfoglia... Il condimento era un sughetto di pomodoro fresco molto leggero che accompagnava la delicatezza del ripieno...

    Mi hai fatto venire la voglia di riprovarli...

    RispondiElimina
  10. Buoni, buoni semplicemente buoni!!!
    Non dico altro...il piatto è perfetto così com'é!!!

    RispondiElimina
  11. Auguri di buon anno.Non ho dimenticato i tortellini che hai postato tempo fa e che ho preparato con risultato eccellente e allora mi permetto di darti un suggerimento.
    In casa,da mia nonna, i ravioli ripieni di ricotta andavano zuccherati e condidi con sugo di carne:agnello o pollo(ruspante). Mi risulta che in alcune zone del sud italia ancora si preparano.Pia

    RispondiElimina
  12. Buonissimiiiii spettacolari!!!
    dettagliate spiegazioni....ricetta da provare!

    RispondiElimina
  13. Ciao.Mi piacciono tantissimo le tue foto(sono loro a raccontare la ricetta...)e mi ritrovo in tantissime cose scritte nel tuo profilo.Mi piace il tuo racconto...

    RispondiElimina
  14. colombina: che gentile sei :) Grazie mille

    marifra: prima di tutto buon anno anche a te ;)
    Per la ricotta. Ho visto al super che ora la Vallelata sta proponendo le ricottine di bufala.Immagino, senza grande sforzo, che sarà sicuramente meno saporita di quella che ho assaggiato io, ma voglio provare a prenderla ed a rifarli con quella, per rendermi conto della differenza.
    Io adoro burro e salvia, ma il fresco del sughetto al pomodoro ci stava una meraviglia e cosi' ho scelto quello :)

    Virò: quant'è intrigante la versione di cui mi parli! Io ci vedrei bene anche della bottarga di muggine nell'insieme, giusto un'idea, per non coprire la delicatezza del tutto. Splendida,questa variante me la segno e la proverò di sicuro!

    Alex: ti ringrazio. Non so se sia perfetto, ma ci è piaicuto una cifra ;P

    Pia: quindi, se ho capito bene, il ripieno sarebbe composto da ricotta e zucchero e il condimento è di carne. Ma tipo ragù? E nel ripieno solo ricotta e zucchero, null'altro?
    E lo spunto dolciastro del ripieno è netto o solo accennato?
    Non avresti anche delle proporzioni da darmi, perchè mi piace moltissimo questa ricetta, e son curiosa (se non si fosse ancora capito ;)).
    E' particolarissima questa cosa, non ne ero assolutamente a conoscenza (e già solo per questo ti ringrazio per avermene parlato)!

    Terry: ma grazie :)

    RispondiElimina
  15. Tami: ti ringrazio, sei molto gentile :)

    RispondiElimina
  16. hai fatto venire voglia pure a me di fare i ravioli di ricotta!!Non li ho mai fatti, però mangiati sì e mi piacciono molto..prendo nota delle tue dosi e ci provo quanto prima..!
    P.S. hai fatto bene a gustarti la Ricotta di Bufala al naturale...Gnam!!

    un bacio Morena

    RispondiElimina
  17. RAVIOLI DOLCI AL POMODORO
    Per la pasta:
    · 300 g di farina 00
    · 300 g di semola rimacinata di grano duro
    · 2 uova
    · acqua q. b.

    Per il ripieno:
    · 500 g ricotta di pecora
    · 2 uova
    · prezzemolo q. b.
    · pepe q. b.
    · formaggio grattugiato ( parmigiano ) q. b.
    · zucchero q.b
    · sale q.b.

    Per il condimento :
    · sugo di pomodoro
    oppure ragù di carne

    Preparare il ripieno schiacciando la ricotta con i rebbi di una forchetta, aggiungere le uova leggermente sbattute, il prezzemolo tritato, il pepe, il sale, il formaggio e lo zucchero ( non devono essere eccessivamente dolci ma lo zucchero deve sentirsi ).

    A piacere si può aggiungere un pizzico di cannella.Spero di essere stata chiara ed esauriente .Pia

    RispondiElimina
  18. Sono rientrata in questo momento,infreddolita dopo essere stata 3 ore su di un campo di calcio.
    Per riscaldarmi avevo pensato ad un bel brodo caldo ma guardando questi ravioli mi è venuto un languorino terribile....mamma mia sono irresistibili :P

    RispondiElimina
  19. Sono le 2 del mattino e farei or ora uno spuntino notturno con questi ravioli. In vece mi accontento d vederli da qui e mi riprometto di farli.

    Auguri per un ottimo 2010!

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. wow, looks delicious! compliments!

    RispondiElimina
  22. Morena: direi che "gnam" è il termine piu' corretto ;P

    Pia: sei stata chiarissima e questi mi incuriosiscono talmente da mettere da parte questa ricetta e volerla provare alla prima occasione. Ti ringrazio moltissimo!

    Nanny: ti diro', che fossero buoni ce lo aspettavamo (gli ingredienti erano tutti di nostro gradimento, quindi andavamo tranquilli) ma ci sono piaciuti davvero moltissimo. Dopo 3 ore al freddo in effetti ce li vedrei benissimo: quelli oppure una fumante tazza di cioccolata calda :P

    comida: questi ravioli sono perfetti per tutte le occasioni mi sa (come scalda budella per Nanny, come spuntino notturno per te, per pranzo nel mio caso,...) :)
    Auguroni di uno splendido 2010 anche a te ;)

    Nina: thank's ;)

    RispondiElimina
  23. Ciao Sarah...innanzitutto auguri...poi per quanto riguarda la ricotta..ti capisco io ne mangerei a quintalate...quella di bufala poi è una goduria...la prossima volta provala con un po di miele e dei marroni tritati su è semplicemente divina!!!
    I ravioli da me sono un piatto molto comune si cucinano con ricotta e salsiccia e ...mmmhhhh sono troppo golosi!!!
    ciaooooo

    RispondiElimina
  24. Certo che se riuscirai sul serio a ricreare una ricetta assaggiata da altri e poi raccontata in un commento sei un vero genio!

    RispondiElimina
  25. Berlino è gialla!
    e sì, li voglio davvero!;-9

    RispondiElimina
  26. E infatti in Sardegna i ravioli di ricotta hanno la scorza di limone nel ripieno e lo zafferano (come altri hanno già detto) nella sfoglia.
    E vabbè saretta.... io ormai appendo la digitale al chiodo e mi do alla cucina rapida!
    tanto non c'è storia con te!
    nasinasi

    RispondiElimina
  27. che buoniii, anche se sono le 5 del pomeriggio, me ne farei almeno una dozzina!! credo che proverò anche io questa versione spinaci-free!! giusto in questi giorni mia suocera deve procurarmi della cremosissima ricotta direttamente dal pastore!!!
    auguri di buon anno, cara

    RispondiElimina
  28. hai fatto benissimo, lla ricotta di bufala come la mozzarella vanno mangiati da soli,giusto per apprezzarne meglio la tipicità del sapore, la scioglievolezza, la consistenza, insomma brava e complimenti per i ravioli quando il tarlo entra è difficile farlo sloggiare...bacio

    RispondiElimina
  29. io pure ti dico che hai fatto bene a mangiarla al naturale..la ricotta di bufala è troppo BBuona!!
    e questi ravioli sono ..una goduria
    bravissima!!!
    Buon Anno!!!

    RispondiElimina
  30. Lady: ricotta di bufala+miele+marroni. Stampata indelebile nella mia mente!
    ...e ravioli ricotta e salsiccia...Mmmmm, con questo post ho rimediato 3 ricette di ravioli, mi toccherà fare il sacrificio di provarle tutte e tre...che fatica la vita :D

    Virò: io ci provo, del resto è anche lì che sta il divertimento, no? ;)

    sononera: ok. ora manchi solo tu!

    Micina: tu non ti azzardare neppure nemmanco ad appendere la digitale al chiodo, con tutto quello che devi insegnarmi!!!!

    Valeria: ormai abbiamo appurato che questi rvioli son buoni a tutte le ore, quindi perchè non alle 5 di pomeriggio? CI manca la colazione e poi abbiamo riepito tutta la giornata! ;)

    mike: verissimo. Io la mozzarella di bufala migliore l'ho mangiato 3 o 4 anni fa, comprata a Grottaferrata ad una fiera che racchiudeva i migliori produttori d'Italia nei vari settori artigianali (e loro avevano vinto il titolo per miglior mozzarella di bufala proprio quell'anno): era qualcosa di eccezionale, e non ho mai più mangiato nulla di così buono (e amo talmente la mozzarella di bufala che ad ogni occasione la cerco e provo). Se ora trovassi uno spacciatore di ricotta di bufala degno del nome potrei andare tranquillamente in overdose, ma felice. :)

    emamama: vero, è davvero deliziosa. Buonissimo 2010 anche a te! :)

    RispondiElimina
  31. i ravioli di ricotta sono i miei preferiti. Mia madre li fa con la mentuccia. ;)

    RispondiElimina
  32. Sarah, pubblicchero' la tua riccetta dei tortellini, dandoti il credito. Ti va bene?

    RispondiElimina
  33. A casa la ricotta di bufala la mangiamo con il miele x antipasto. Una volta ci ho fatto i cannoli (tipo cannolo siciliano) con una composta di fichi..mhmmm...
    anche in versione salata deve essere speciale.

    RispondiElimina
  34. Alem: un'altra variante ancora! Che meraviglia :)

    Laura: certo, fai pure! ;)

    Dodò: mmmm...anche tu mi parli del miele.. Devo assolutamente provarla (più sopra mi parlavano di miele e marroni...miiiii altro che dieta qui!) :)

    RispondiElimina
  35. Ciao bellezza! Passo di qui solo per augurarti un buonissimo (visto anche l'argomento del blog...) 2010.
    E adesso scusa, scappo via. Tornerò con vero piacere quando avrò smaltito i tre chili di ciccia accumulati durante queste feste e quando potrò gustarmi, se non i sapori, almeno ricette e foto. Ora rifuggo da qualunque cosa sia più consistente di un thè...
    Ciao e tanti tanti auguri!

    RispondiElimina
  36. Ciao Viviana!
    Tantissimi auguri per uno splendido 2010 anche a te! :)

    RispondiElimina

Se avete domande o curiosità di qualsiasi genere inerenti a quanto trovate nel blog, sono qui per rispondere più che volentieri.
Vi chiedo però la cortesia, prima di domandare, di leggere bene i post: spesso e volentieri le domande che ricevo hanno già risposta.
Se una volta letto restate con qualche dubbio...sono a completa disposizione. :)

Grazie.