OverBlog

6 luglio 2009

Superfrolla per Margherite scioglievoli

biscotti e cappuccio 3
Questi meravigliosi biscotti li ho conosciuti grazie alla bravissima MarinaB di Coquinaria. Sono dei deliziosi frollini che si sciolgono in bocca.
Oltre all'alta percentuale di burro che contengono, devono la loro straordinaria friabilità ai tuorli d' uovo sodo che sono all'interno dell'impasto. Anzichè l'uovo crudo si usano infatti tuorli sodi: questa la particolarità che rende così scioglievoli i biscottini.
Proprio per la sua innata delicatezza e friabilità questa frolla non è assolutamente adatta per crostate & affini: non sarebbe in grado di reggere il ripieno in esse contenuto.
E' una frolla da utilizzare esclusivamente per la realizzazione di biscottini: squisiti a colazione, perfetti per merenda, deliziosi per accompagnare un thé accanto ad altre friandises.

biscotti e cappuccio

MARGHERITE DI STRESA (presa da Marina B. -Coquinaria-, che l'ha presa a sua volta da Elena Chesta)

Ingredienti

250 gr di burro morbido
120 gr di zucchero a velo
1/2 buccia di limone grattugiata
un pizzico di sale
bacca di vaniglia ( o estratto)
4 tuorli di uova sode
200 gr di fecola di patate
200 gr di farina 00


Preparazione

In una ciotola unire il burro, lo zucchero, il limone, il sale e la vaniglia e mescolare.
Aggiungere a questo punto i tuorli delle uova, amalgamarli bene al burro fino ad ottenere un composto giallo ed omogeneo.
Unire fecola e farina, ottenere un composto liscio e riporre in frigo a riposare, finchè l'impasto si sarà rassodato a sufficienza per essere steso col mattarello (il composto sarà sempre comunque morbido, quindi per non aggiungere troppa farina stendetelo tra un foglio di carta forno ed uno di pellicola).
Riprendete l'impasto, stendetelo ad 1 cm di spessore, ritagliate delle margheritine con dei taglia biscotti, disponetele sulla placca rivestita di carta forno, fate una fossetta al centro delle margherite con dito indice e cuocete 10 minuti a 220° (nel mio forno 7 minuti sono stati sufficienti).



I biscotti non devono prendere colore, ma rimanere pallidi: alcuni dei miei si sono coloriti troppo.
Una volta fredde spolverizzate di zucchero a velo.


nota: dovete assolutamente cercare di non consumare subito queste piccole delizie. E' un impasto molto burroso, e appena fatte risulta "sabbioso" in bocca. Se invece date ai biscottini il tempo di assestarsi, diciamo almeno qualche giorno, allora saranno veramente squisiti.
Conservateli al fresco (come suggerito saggiamente proprio da Marina) in scatole di latta o contenitori di vetro che facciano un minimo di sottovuoto.


nota 2: l'estate non è certo la stagione più adatta per cimentarsi in lavorazione ricche di burro come questa, ma se voleste provare vi consiglio di lavorare metà composto alla volta, lasciando l'altra metà in frigo. Se lavorando l'impasto per stenderlo si ammorbidisse troppo e diventasse di difficile gestione, passatelo una decina di minuti in frigo, il tempo di farlo rassodare nuovamente, e proseguite con la preparazione.

29 commenti:

  1. Bravissima! Stupendi questi biscottini

    RispondiElimina
  2. Buonissime e dolcissime!
    un bacione

    RispondiElimina
  3. E' tantissimo che voglio fare anche io questi biscottini! sono una vera goduria!

    RispondiElimina
  4. avevo letto anch'io tempo fa la ricetta delle margheritine di Stresa ma devo ancora provarle, le tue sono perfette! un bacione

    RispondiElimina
  5. Bellissime, sono tra i biscotti che preferisco. Devo assolutamente provarle. baci

    RispondiElimina
  6. Wow mi sa tanto che se li facessi avrebbero un insano effetto ciliegia...;D
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  7. Buonissime queste margherite!!!!!!
    Mi sembra di sentire la loro scioglievolezza in bocca!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. uhhhh buonissime le margherite! da quando le ho scoperte le faccio spessissimo...me ne hai fatto tornar la voglia...
    Sabrina

    RispondiElimina
  9. mi ero segnata quest'impasto con i tuorli sodi..visto il risultato devo assolutamente provarlo anch'io!

    RispondiElimina
  10. Ultimamente ho acquistato diversi tagliabiscotti con forme improbabili: pipistrello, cucchiaino, scarpetta...forse mi hai letto nel pensiero?...

    RispondiElimina
  11. Grazie per i preziosissimi consigli: i tuoi sono davvero belli, brava!

    RispondiElimina
  12. complimenti!!
    hanno un aspetto delicatissimo ed al contempo delizioso ;)

    RispondiElimina
  13. li provo, li provo... per ora mi segno la ricetta e poi quando è più fresco li farò, grazie per la ricetta!

    RispondiElimina
  14. che ricettina sfiziosa!! ma penso che in casa mia non riusciranno a rimanere dentro le scatole di latta neanche per un giorno!! ho dei lupi affamati che quando sentono odore di forno si lanciano all'assalto e divorano tutto!!! baci e buona settimana!!!

    RispondiElimina
  15. Hanno un aspetto perfetto! Anch'io sto provando a preparare dei biscotti, ma ho un pò di problemi con la cottura...mi sarei dovuta chiamare "cuoca bruciacchiona"..proverò a fare anche i tuoi! Ciao un abbraccio!

    RispondiElimina
  16. Grazie per questa ricetta dettagliantissima. Stampata.
    Ciao

    RispondiElimina
  17. Mi fanno impazzire questi biscottini! con il tè (anche se fa un pò caldo x ora!) devono essere fantastici!un bacio e complimenti!;)

    RispondiElimina
  18. invece quest'impasto é perfetto per il clima di questa stagione qui a Lima, ma una domanda: questa é la pasta ovis mollis ? la faró quando viene Victor, cosí si ricorda subito che buona che é la cucina italiana

    RispondiElimina
  19. affascinata! non me ne vado piu dalla tua cucina! complimenti e grazie per l'ispirazione che sei :)

    RispondiElimina
  20. che bella ricetta...copiatissimi
    grazie!!ciaooo

    RispondiElimina
  21. Buongirono ragazze!
    Qui oggi il tempo è assolutamente clemente, sarebbe stato perfetto per realizzare questi biscottini, anzichè morire di caldo in cucina quando li ho preparati sabato! Uff... Magari approfitto del clima accessibile per accendere lo stesso il forno: sia mai che non lo sfrutto! ;)

    Estrella: l'impasto assomiglia agli ovis molis per la presenza di tuorli sodi, che li rende entrambi friabilissimi. In questo caso però la differenza sostanziale (oltre al rapporto diverso tra i vari ingredienti) sta nella presenza della fecola, mentre per gli ovis molis c'è solo farina 00.
    Personalmente mi piacciono entrambi, ma se devo scegliere mi butto senza alcun dubbio su questa frolla: è una cosa libidinosa.
    Noiosetta da lavorare perchè molto morbida, ma il risultato vale indubbiamente il lavoro.
    Mentre scrivevo la ricetta, tra l'altro, mi sono accorta di essermi completamente dimenticata di mettere la vaniglia nei miei, profumandoli così solo con scorza di limone. Squisiti anche così.

    Lacrima: sei troppo gentile, grazie mille dei comlpimenti. Mi fa molto piacere quando scopro di aver postato qualcosa di interessante o sconosciuto :)

    RispondiElimina
  22. Tu lo sai quanto mi hai fatta felice con questi meravigliosi biscottini?
    E quanto mi ha fatto soffrire doverli dividere col Pelagio???
    La prossima volta, dammeli di nascosto!!!!

    RispondiElimina
  23. Mamit: quindi la favola che gli hai raccontato dicendogli che te ne avevo portati solo tre e che due te li eri già mangiati...non se l'è bevuta, eh? Quanti te ne ha sottratti, l'Infido?

    RispondiElimina
  24. Ci siamo messi a mercanteggiare come alla fiera del bestiame.
    Dammene almeno 6, lui a me.
    Massimo 4, io a lui.
    Facciamo 5 e non se ne parla più.
    Umiliante. Alla nostra età!!

    RispondiElimina
  25. Mamit: in effetti, da un'adulta e un (quasi) adulto non me lo aspettavo. Datevi una raddrizzata immantinente.

    RispondiElimina
  26. I tuoi si sono coloriti troppo???ti ricordi dei miei meravigliosi biscottini...????????

    RispondiElimina
  27. Sononera: tesoro, tra coloriti troppo e carbonizzati ci passa un mondo ;P
    Comunque sì, sono troppo abbronzati... Devono essere pallidissimi:appena prendono colore via, fuori dal forno!

    RispondiElimina

Se avete domande o curiosità di qualsiasi genere inerenti a quanto trovate nel blog, sono qui per rispondere più che volentieri.
Vi chiedo però la cortesia, prima di domandare, di leggere bene i post: spesso e volentieri le domande che ricevo hanno già risposta.
Se una volta letto restate con qualche dubbio...sono a completa disposizione. :)

Grazie.