OverBlog

25 giugno 2009

Pan brioche mille usi :)

Nei lievitati normalmente tendo a non avere fretta.
Decido per tempo quando realizzarli, così da potermi organizzare coi tempi di lievitazione in modo da ridurre al mimino il lievito ed ottenere così prodotti più profumati e che si conservino più a lungo.
Capita però la volta in cui si vuole avere qualcosa pronto in giornata, per levarsi la voglia di buono.
Se c'è un profumo che mi fa impazzire e che adoro sentire per casa è quello del pan brioche: quell'aroma burroso e leggermente zuccherato che pervade casa è così confortante.
Di ricette di pane brioche valide ne ho due, una più classica sia nei tempi di preparazione che nelle dosi e questa, più veloce da realizzare ma ciò non ne pregiudica affatto il risultato, anzi!
Il pan brioche che si ottiene è sofficissimo: non risulta spiccatamente dolce, perciò può essere usato sia come pane della colazione con un po' di confettura o Nutella, sia come base di tartine per aperitivi (in Francia si usa spesso per accompagnare il foi gras).
E' possibile realizzarlo in uno stampo a cassetta classico, da plumcake, in uno stampo di carta forno di quelli da panettone (come nella foto in fondo alla ricetta) oppure in pezzature più piccine, e farne delle mini briochine.
E' quello che ho fatto io in questo caso, usando uno stampo di silicone da babà.


006

PAN BRIOCHE RAPIDO (adattata leggermente da "Il libro del pane" di Alessandra Meldolesi)

Ingredienti per 1 pane

500 gr farina per pane
140 gr burro
16 gr lievito di birra fresco
60 gr zucchero semolato
2 uova intere (nell'impasto ne andranno 1 e mezza circa, e l'uovo rimanente si usa per spennellare prima di infornare)
25 gr latte in polvere (se non lo avete, usate 250 ml di latte intero e non mettete l'acqua prevista nella ricetta)
250 ml circa di acqua tiepida
10 gr sale

Preparazione

Impastate tutti gli ingredienti insieme (suggerisco caldamente un'impastatrice, perchè la lavorazione è lunga e faticosa, ma se volete cimentarvi a mano, olio di gomito in quantità industriale!) aggiungendo da ultimo il burro, un pezzetto alla volta, procedendo per 3-4 minuti a velocità 1 e poi altri 7-8 a velocità 2.
Se lavorate a mano, setacciate la farina in una ciotola e formate la fontana.
Al centro versate latte in polvere, uova (ricordate: un uovo e un po', non tutti e due: il rimanente vi servirà per spennellare il pane prima di infornare), zucchero, il lievito stemperato con un po' dell'acqua e il resto dell'acqua necessaria.
Cominciate a lavorare con la punta delle dita , inglobando pian piano tutta la farina, poi aggiungete il sale e il burro lavorato precedentemente a crema.
Impastate con forza per almeno 10 minuti(sarà un impasto molto appiccicoso, ma non dovreste aggiungere farina) battendo con forza l'impasto sulla spianatoia, per cercare di sviluppare il più possibile l'elasticità.



Quando tutto il burro sarà stato assorbito e l'impasto risulterà sodo ed elastico (ma non più appiccicoso), mettete la pasta in una ciotola, coprire con la pellicola e fate lievitare in luogo tiepido per circa 1 ora (o finchè raddoppia di volume).
A questo punto, lavorare nuovamente con forza, suddividendo l'impasto in stampi imburrati per piccole brioche o se preferite usando uno stampo unico più grande e mettete a lievitare per altri 45-60 minuti.
Accendete il forno a 180°, portatelo a temperatura, spennellate il pane con l'uovo rimasto e infornate per un tempo variabile a seconda della pezzatura delle brioche (con lo stampo grande da panettone ci vogliono circa 45 minuti, con quello dei piccoli babà circa 15).

Gustatelo tostato per colazione oppure per tartine da antipasto.

26 commenti:

  1. Mi piace , si vede che è molto soffice ..prendo nota!

    RispondiElimina
  2. Buonissimo, per una prima colazione da re!!!!!!

    RispondiElimina
  3. a me piace nella versione salata con salumi e formaggi...certo però che anhe un pò di marmellata...
    bella la tua ricetta!

    RispondiElimina
  4. molto molto versatile...e poi sembra di sentire il profumo fin qua! grazie per questa ricetta golosa
    un bacione
    fra

    RispondiElimina
  5. ottimo questo pan vrioche rapido e poi quando c'è da risparmiare tempo sono sempre in prima fila...e poi è anche buonissimo....somiglia molto al pan canasta o panettone gastronomico(quello nello stampo di carta)che va farcito a fette tipo tramezzino...cmq mi segno subito la ricetta!!bacioni imma

    RispondiElimina
  6. Deve essere gustosisimo...lo stampo!!
    Credo che impastarlo nel kenwood sia l'ideale....lo provo lo provo!!
    Ciaooooooo

    RispondiElimina
  7. Che spettacolo!

    Per farina per pane intendi la 0 o la manitoba? Che differenza sostanziale c'è tra questa preparazione e la treccia della Migros che mi ispirava moltissimo?

    Mi piace molto il tuo modo di proporre i lievitati: le ricette sono anche alla mia portata senza 2000 pieghe del tipo 1, 2, 3 che mi inquietano per la mia imbranataggine...

    RispondiElimina
  8. Come ti è venuto bello!!! Una volta ho fatto anche io il pan brioche...c'era un profumino in casa!!

    RispondiElimina
  9. ti è venuto benissimo! complimenti!

    RispondiElimina
  10. Com'è invitante questo pane dolce!
    bravissima!!
    baci baci

    RispondiElimina
  11. Virò: la farina Manitoba è una farina 0 a tutti gli effetti, ma ha un più alto contenuto di proteine (glutenina e gliadina) rispetto alla farina 0 comune. Queste proteine a contatto con le parti umide che aggiungi alla preparazione, debitamente manipolate creano una maglia glutinica forte, che permette ai lievitati di trattenere i gas e far quindi sviluppare meglio il prodotto.
    Una buona farina Manitoba assorbe anche più liquidi rispetto ad una farina meno forte.

    Per quanto riguarda i lievitati "semplici"... Ogni tanto mi ci metto anch'io, ma confesso in ginocchio sui ceci che amo molto di più le preparazioni più elaborate e lunghe. I prodotti ottenuti sono decisamente migliori, ma ogni tanto fa piacere avere dei buoni risultati con tempi più ridotti. Era questo il caso, quindi approfittane, prima che ti rispunti fuori con ricette lunghe 3 giorni, 4 lievitazione con pasta madre ed ingredienti improbabili! ;)

    RispondiElimina
  12. Virò: dimenticavo. Non ha nulla a che vedere con la treccia della Migros, credimi. Nè la consistenza nè il sapore.

    RispondiElimina
  13. VIrò: aridimenticavo... Dopo tutto il papozzo sulla farina non ti avevo risposto. Intendo la farina Manitoba quando parto di farina per pane :)

    RispondiElimina
  14. wow che bontà!! prima o poi proverò anche io a fare qualcosa di lievitoso XD

    RispondiElimina
  15. era da tanto che cercavo questa ricetta!!! ora devo annotarmela!! poi quando ho un po' di tempo a disposizione la faccio!!! grazie!
    il tuo pan brioche è stupendo!!bacioni!!

    RispondiElimina
  16. Che buono ,e quanto ti è venuto alto ,spettacolare,mi copio la ricetta la proverò per la festa di compleanno di mio figlio!!!

    RispondiElimina
  17. non conoscevo questa versione + veloce, grazie per averla condivisa! l'altra settimana stavo per comprare il libro che hai citato..allora dici che merita?

    RispondiElimina
  18. Giò: il librino non è male. Io ho fatto 3-4 ricette. Quelle provate erano tutto ben calibrate nelle percentuali liquidi/solidi (il pane all'olio è ottimo). L'unica cosa che faccio ormai quasi sempre è ridurre di molto le dosi di lievito, ma questo si può dire che lo faccio con quasi tutte le ricette che trovo...
    Comunque mi sentirei di appoggiare l'acquisto, almeno sulla base delle ricette fatte.

    RispondiElimina
  19. Devo ammetterlo il pan brioche non l'ho mai preparato!
    Il tuo ha un aspetto così invitante (bella la versione babà) e non oso immaginare il profumino in casa!

    RispondiElimina
  20. ehi ma tu con i lievitati sei proprio bravissima! complimenti! ecco un altro blog da consultare quando sono in cerca di ricette di lievitati dolci e salati! proprio adesso ho una gran voglia di mettermi ad impastare ma pochissime uova...forse due...vediamo cosa trovo qui! ah...che sia dolce però...

    RispondiElimina
  21. L' ho fatta ieri sera senza modifiche (salvo il cardamomo nell' impasto :-), procedura semplice e risultato ottimo

    RispondiElimina
  22. Bello lavorare coi lievitati, se poi i risultati sono questi :)))

    RispondiElimina
  23. cercavo un pan brioscè tipo quello del M.B. quelli da colazione, cosa ne dici potrebbe essere l'ideale? Messo in uno stampo da plumcake? Ciao Any

    RispondiElimina
  24. Any: è molto che non mangio quello del M.B ma a memoria direi che questo ci può andare piuttosto vicino.
    Se provi fammi sapere com'è andata :)

    RispondiElimina
  25. ma allora Alessandra Meldolesi sai più o meno chi è! :)

    che bellezza questi lievitati!

    RispondiElimina

Se avete domande o curiosità di qualsiasi genere inerenti a quanto trovate nel blog, sono qui per rispondere più che volentieri.
Vi chiedo però la cortesia, prima di domandare, di leggere bene i post: spesso e volentieri le domande che ricevo hanno già risposta.
Se una volta letto restate con qualche dubbio...sono a completa disposizione. :)

Grazie.