OverBlog

29 ottobre 2012

Donuts o Doughnuts: un morso (e due e tre...) nei ricordi

004editeddecentrata

Se uno pensa all'estate, al caldo, ad agosto, ad una panzona all'8° mese che deve fare attenzione a quel che ingurgita, a tutto pensa meno che ai donuts.
Ecco: questi io li ho fatti proprio ad agosto, anche se qui li pubblico oggi.
L'accavallarsi di post prioritari ed i nuovi ritmi di casa ci hanno spinti fino a qui, ma poco male: le temperature attuali sono indubbiamente più adatte ora, volendo cimentarsi :).
Essendo, all'epoca, in modalità panzona gravida, ho evitato di lasciare in casa tutto questo bendidddddio:: mi sono tenuta i famigerati ritagli e sempresanti bocconi del cuoco per me e le ciambelle, dopo il doveroso servizio fotografico, sono finite tra le fauci dei colleghi di lavoro del marito.
Le avessi tenute in casa credo non ne sarei potuta uscire senza un'indigestione ed un cazziatone apocalittico del medico!
Era un pezzo che morivo dalla voglia di fare questi donuts, almeno dal viaggio di nozze dello scorso ottobre (mamma mia, è già passato un anno!): ne ho trangugiati non so nemmeno quanti, mai abbastanza di sicuro. Homer sì che la sa lunga, altroché. :P
Ovviamente ho anche deciso, sempre durante la vacanza, di comprarmi un libro tutto solo sui famigerati donuts, con ogni variante possibile ed immaginabile.
Quella che troverete di seguito è la ricetta base, quella classica, dei donuts: ho modificato le dosi dopo alcune prove, principalmente nelle farine e nel burro.
Dare un morso ed avere la sensazione di essere seduta da Starbucks a Times Square è stato un attimo.
Potete finirle con zucchero a velo (che sconsiglio perché con l'olio delle ciambelle tende a fare un po' un pastone), con zucchero semolato, con zucchero semolato aromatizzato -alla cannella magari, un classico-, e ancora possono essere glassate, con glasse allo zucchero o al cioccolato, al caramello,... Insomma, vedete voi di che morte morire :).

p.s: prima che mi chiediate se possono essere fatti al forno, continuate a leggere ;)

009editedtesto

DONUTS (o DOUGHNUTS) CLASSICI

Ingredienti per una 15ina di ciambelle + i ritagli per voi :)

360 gr di farina 00
140 gr di farina manitoba (o forte, con W340)
180 gr di latte intero
45 gr di burro a temperatura ambiente, soffice soffice
90 gr di zucchero semolato
1/2 cucchiaino di sale
7 gr di lievito di birra secco (o un cubetto di fresco)
2 uova codice 0
1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia o semi della bacca

olio di arachidi per friggere
zucchero per terminare

donuts Collagetesto

Preparazione

Intiepidire il latte (a cui si sarà aggiunto il burro) fino a che il burro non si sarà sciolto.
Tenere da parte e lasciar andare a temperatura ambiente.
Mescolare in una ciotola la farina 00 con quella forte.
Nella ciotola della planetaria mettere 390 gr del mix di farine, lo zucchero, il sale, il lievito e mescolare quel tanto da uniformare le polveri.
Aggiungere il latte e mescolare a media velocità, fino a che il tutto sarà omogeneo.
A questo punto mettere le uova e l'estratto di vaniglia -o i semi della bacca- ed impastare un paio di minuti.
Da ultimo aggiungere la farina rimasta da parte e lasciar impastare fino ad avere l'impasto perfettamente incordato.
Impastare leggermente a mano, fare una palla, porre in una ciotola e coprire con pellicola: mettere a lievitare in luogo tiepido ed al riparo da correnti d'aria fino al raddoppio del volume (le tempistiche variano a seconda della vivacità del lievito e della temperatura di casa, si oscilla dall'ora alle 2 ore di solito).
Riprendere l'impasto e posizionarlo su una spianatoia leggermente infarinata: stendere col mattarello fino ad uno spessore di circa 1 cm e ritagliare i donuts con l'aiuto di due coppapasta (ho usato un diametro 7,5 cm e un 3,5 per il foro centrale).
Mettere le ciambelline su una placca foderata di carta forno e leggerissimamente spolverata di farina, coprire nuovamente con pellicola e lasciar lievitare per circa 30 minuti.
Portare a temperatura l'olio (l'ideale sarebbero 170°) e tuffarci i donuts: pochi pezzi alla volta, così da non abbassare la temperatura dell'olio.
Una volta cotti scolarli, passarli velocemente su carta da cucina e poi direttamente nello zucchero, a velo o semolato.

NdA: siccome succede spesso che, al proporre un fritto, una delle prime domande sia "pensi si possa fare al forno?", ho provato a cuocerne 4 proprio al forno.
Li ho infornati a 200° circa per 12-15 minuti, spennellati di burro fuso appena tolti dal forno e passati in zucchero alla cannella (tanto per variare).
Vengono anche così, eccoli!

011editedtesto

23 commenti:

  1. Evviva la versione fornosa (che qui, al solo pensiero di pulire e puzzare post frittura, viene la pellagra) ed evviva queste meraviglie di fotine!
    ps: la adoratissima Genny 'dillà' mi chiede da dove provengano le mitiche forbicine..e mo' chi glielo dice?? buahahah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Zitta va Reb, che la mia unica salvezza col fritto è proprio che odio prepararlo, altrimenti avrei un fegato devastato e peserei giusto quei 150 kg per gamba :D

      p.s: quelle forbicette colpiscono al cuor peggio di una stilettata, adorable. :)))

      Elimina
  2. sono una vera sostenitrice di homer in questo! ... E va bè ovviamente del tue blog, foto meravigliose e ricetta golosissima! Non sembrano niente male quelli fatti in forno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti quelli al forno non sono male per nulla Kitty: chiaramente quelli fritti hanno una scioglievolezza che al forno non si ottiene, ma direi che sono un'ottima alternativa se non si ama il fritto o semplicemente si detesta farlo in casa (e qui mi chiamo presente: limito proprio alle voglie estreme le preparazioni)...e grazie dell'attestato di stima, apprezzatissssssimo :)))

      Elimina
  3. Mi hai fatto sorridere con questo post.
    Ti ho immaginata col pancione tutta intenta in queste manovre.
    Io adoro le ciambelle e ne ho parlato sul blog proprio questo mese perchè avevo scoperto delle ciambelle nuove che non sono propriamente le classiche deliziose che hai preparato tu - e che fammelo dire, ti sono venute troppo bene e io col cavolo che le facevo uscire di casa - ma che negli ultimi anni si trovano in commercio nelle grandi catene.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, tu non sai la fatica che ho fatto nel vederle andar via, è stato un dolore vero, solo che temevo di più il dolore delle sprangate del ginecologo alla successiva pesata :D (che poi sono stata bravissima -e lo ammetteva anche lui- perché in tutta la gravidanza ho preso giusto quei 10 kg... Se avessi dato retto alla gola, ne avrei presi almeno il doppio!).

      Elimina
  4. uh bene, per la mia panzetta di cinque mesi quelli al forno andranno benissimo! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooooooooooooooooooooooo: dai Marta, sei incinta???? Non lo sapevo, che bello!!! Tantissimi auguri allora e...sì, quelli al forno sono decisamente più consigliabili :P
      Un bacione sul pancino :)))

      Elimina
  5. siiii di una bimba! ;) grazie!!!

    RispondiElimina
  6. le ciambelle di homer....se le vedesse mio figlio!!!!
    bravissima!
    un bacio

    RispondiElimina
  7. Queste foto mi hanno davvero incantato. Ancora complimenti! Homer ti farebbe l'applauso, ma siccome lui non c'è... te lo faccio io! :-)

    RispondiElimina
  8. Grazie Sarah.. volevo proprio chiederti se potevano essere fatti in forno..devo dire che anche quelli al forno sembrano ottimi (piacerebbero anche ad Homer penso).. li proverò. Ciao!

    RispondiElimina
  9. Ma che meraviglia *_* Ne vorrei una adesso... al forno, così mi sento meno in colpa! :)

    RispondiElimina
  10. quali saranno più buoni??? uhmmmm indecisione!!! ;)

    RispondiElimina
  11. uh, anche i miei ricordi si destano. e l'acquolina pure! ne ho una ricetta di cui provai la cottura in forno ma si rivelò un disastro. Allora provo con la tua, e... pancia mia fatti capanna!!

    RispondiElimina
  12. mi homerizzerei volentieri con le tue ciambelle! :D

    RispondiElimina
  13. No ma....ne vogliamo parlare??
    Parliamone perchè è dalla settimana scorsa che ho voglia di ciambelle fritte e tu mi schiaffi queste davantial naso..nun ze pò!!:-))
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  14. mamma se sono buoni! io le avevo sembre snobbate e poi ne ho assaggiata una negli states. AMORE. Come quando assaggiai la mia prima fetta di bacon in un panino al tacchino.

    RispondiElimina
  15. D'oh!!! Davvero super,al forno poi perfetti.Bravissima,un bacione.

    RispondiElimina
  16. quando vedo le donuts....mi sento tanto Homer!!!! sono fantastiche!!!!
    baci bella mammina!

    RispondiElimina
  17. Sono irresistibili!
    La versione al forno, forse sarà meno gustosa, ma dalle foto direi che non è niente male e salva la cucina dalla devastazione della frittura!
    :))))

    RispondiElimina
  18. Fatti!!! Buoni buoni buoni!
    Lo scorso we ho svaligiato il tuo blog di ricette... ahahha

    http://ilmondodalmioufficio.blogspot.com/b/post-preview?token=GVFDiDwBAAA.I4--mMhOvwbBHoZvrdbqVw.7Bs023rXS9ppcOctvMtUuA&postId=4568991194482530185&type=POST

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D sono qui apposta per esser saccheggiate, mica a prender polvere! :)))

      Elimina

Se avete domande o curiosità di qualsiasi genere inerenti a quanto trovate nel blog, sono qui per rispondere più che volentieri.
Vi chiedo però la cortesia, prima di domandare, di leggere bene i post: spesso e volentieri le domande che ricevo hanno già risposta.
Se una volta letto restate con qualche dubbio...sono a completa disposizione. :)

Grazie.