OverBlog

23 febbraio 2012

I gyoza che sembrano panadas :D

gyoza drittaedited
[Recipe in English after the italian one]

Ollah.
Ma mica va di moda la cucina fusion?
Sulla scia della mia attuale fissa per la riproduzione di pietanze asiatiche (involtini e dan dan noodles le ultime vittime) sono riuscita, in modo del tutto involontario quanto goffo, a realizzare dei gyoza (ravioloni ripieni con la crosticina croccante e cotti parzialmente a vapore) che fossero chiusi in modo molto simile alle panadas sarde: quando si dice essere incapace :D
La cosa che più mi è spiaciuta è stata rendermi conto di aver capito come avrei dovuto mettere dita e mani solo una volta finito di realizzarli. La solita svegliona.
Comunque... Saranno pure chiusi sbagliati ma il risultato finale, in sapore e consistenza, è davvero ottimo: al gusto hanno ampiamente compensato lo scorno della forma :)
Questi gyoza li ho fatti tutti io, ossia non ho usato i dischetti di impasto già pronto che si possono trovare nei negozi etnici: non è che volessi fare quella del "io so far tutto in casa tiè", semplicemente non li ho trovati nei negozi che frequento di solito, così ho optato per farmi da sola la pasta.
Per carità, nulla di complicato, ma proprio perché non richiedeva particolari accorgimenti l'impasto avrei anche evitato volentieri d' impastare, rendendo la preparazione notevolmente più rapida.
Quindi, riassumendo: se volete farli potete fare da voi anche la pasta, se volete farli ma siete pigri e/o non avete tanto tempo comprate i dischetti di pasta già pronta, se li fate e volete chiuderli molto meglio di come ho fatto io digitate semplicemente "gyoza" su Gooooooogle, entrate nella sezione immagini e vedrete esattamente come devono esser fatti.
Alla fine così i vostri saranno molto più belli e simili agli originali dei miei. :)

gyoza 018editededited

GYOZA DI MAIALE E GAMBERONI

Ingredienti (a me con queste dosi ne sono venuti 21)

per il ripieno
100 gr di code di gamberone
200 gr di trito di maiale (se non siete amanti del maiale vengono ottimi anche col trito scelto di scottona)
1-2 cipollotti (a piacere)
2 cucchiaini rasi di maizena
50 gr di germogli di soia (se non piacciono sostituite il peso con altra verdura o con gamberi o carne)
1 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato
2 cucchiai di salsa di soia
1 cucchiaio di aceto di riso

per la pasta
180 gr di farina
1 cucchiaio di olio di semi
acqua calda q.b

per la "colla" da usare nella chiusura dei gyoza
1 cucchiaio di maizena
acqua q.b

per finire
1 cucchiaio di olio di semi
1/4 di tazza di acqua

per la salsetta agrodolce (quella che vedete in foto non mi è piaciuta per nulla, così ho optato per questa che fa decisamente al caso nostro)
6 cucchiai di salsa di pomodoro
1 tazza di acqua
1/2 tazza di aceto di riso
1 cucchiaio raso di amido
1/2 tazza di zucchero semolato


Preparazione

In un minipimer tritare le code di gambero con salsa di soia, aceto di riso, maizena e zenzero.
Mettere il tutto in una ciotola ed aggiungere il trito di maiale, i cipollotti tritati finemente ed i germogli di soia e mescolare bene.
Mettere in frigo e preparare la pasta.
In una ciotola versare la farina e l'olio di semi ed aggiungere acqua calda fino ad avere un impasto simile a quello della pasta all'uovo: morbido ma sostenuto a sufficienza da essere lavorato agevolmente.
Coprire a campana e lasciar riposare una mezzora.
Stendere la pasta col mattarello, tirandola bella sottile.
Con un coppapasta di circa 8-9 cm di diametro (il mio era di 9) ritagliare i dischetti, passare un po' di colla per assicurarsi che siano completamente sigillati, mettere al centro di ognuno un cucchiaino di impasto, chiudere a mezzaluna e pizzicare la pasta (QUI trovate una sequenza fotografica che vi può aiutare a capire come si devono chiudere correttamente).

collage gyozaedited

In una pentola antiaderente far scaldare un cucchiaio di olio di semi: quando sarà caldo mettere i gyoza con la parte piatta a contatto della padella: farli cuocere così, senza coperchio, fino a che sotto non si sarà formata una crosticina.
A quel punto versare l'acqua ed incoperchiare subito, abbassando la fiamma e proseguendo 3 minuti con la cottura a vapore: quando l'acqua si sarà quasi del tutto ritirata levare il coperchio e far finire la cottura, lasciandoli dorare bene sulla base.
Per sicurezza tagliarne uno e verificare che la carne sia completamente cotta.
Per la salsa agrodolce, basterà mettere tutti gli ingredienti in un pentolino, portare a bollore e cuocere fino a densità voluta (ci vorrà un minuto o poco più).

gyoza 021editededited


PAN FRIED SHRIMPS AND PORK GYOZA



filling
200 gr ground pork 
100 gr raw shrimp, shelled and deveined
2 tsp cornstarch
1-2 green onions cut into 2 inch sections 
2 tbsp soy sauce
1 tsp freshly grated ginger 
50 gr bean sprouts 
1 tbsp rice vinegar 

dumpling skins
180 gr strong white flour
1 tbsp oil 
hot water q.b


for the slurry
1 tablespoon cornstarch 
1/4 cup water


cooking oil
1/4 cup water


dipping sauce
3 tbsp tomato sauce
1/2 cup water
1/4 cup sugar
1/4 cup rice vinegar
1 tsp cornstarch




In a food processor put the shrimp, soy sauce, cornstarch, ginger, rice vinegar and pulse until the shrimp is finely chopped.
In a large bowl combine the shrimp mixture with chopped green onions, ground pork and bean sprouts and mix it very well.


Now prepare the dumpling skin.
In a bowl mix flour and oil and add al the water you'll need to have a nice and smooth dough. Knead the dough until it is smooth and quite elastic. Cover with clean film and leave it for about 30 minutes.
Flour your work surface and start to roll out the dough, rolling from the middle, flipping it occasionally and flouring a bit to keep it from sticking.
Cut 9 cm discs and now you're ready to fill them.
Spoon 1 teaspoon of the filling onto dumpling skin. 
Brush a bit of the cornstarch slurry all around the edge of the dumpling skin, fold over and press to secure edges: make sure edges are sealed tightly. Shape the dumpling so that it has a flat bottom. 
When you are ready to cook, heat a nonstick pan with 1 tablespoon of cooking oil over medium-high heat. When the oil is hot add the gyoza, flat side down and not touching, to the pan. 
Let them cook for 2 minutes, until the bottoms are light golden brown. 
Pour the water into the pan and immediately cover with a lid. 
Turn heat to medium and let the gyoza steam for 3 or 4 minutes. 
Open lid and let them cook about 1 minute. 
Just cut a gyoza to make sure that the filling is well cooked. 
Serve with dipping sauce realized putting all the ingredients toghether in a pan and bringing them to boil for just one minute.

24 commenti:

  1. Beh io direi che sono bellissimi!!!!!!!!!!!!! che buoniiiiiii!!!!!! adoro i gyoza....in Giappone mi faccio certe scorpacciate!!!!!! bravissima!!!!

    RispondiElimina
  2. Ma che dici ??? ti sono venuti una meraviglia !!!
    Li voglio dare anche io, con la pasta pronta pero' :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me la pasta pronta ha un solo, piccolo neo: tende a seccare abbastanza rapidamente (almeno quella che mi è capitato di avere tra le mani). Questa è decisamente più morbida, ma quella pronta ha l'indubbio merito della rapidità :)

      Elimina
  3. Sono invitantissimi! quasi quasi ci provo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti piacciono provaci, non sono difficili davvero :)

      Elimina
  4. fantastici...per fortuna che ti sono venuti male!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No vabbé, non è che sono venuti male, però li ho chiusi nel modo sbagliato. :) Ancora mi rode, perché ho capito solo alla fine come dovevo fare, bestiaccia che sono! :)

      Elimina
  5. Wow che belli! Ti sono venuti divinamente!

    RispondiElimina
  6. ammazza come sono belli e che dici male? uno spettacolo

    RispondiElimina
  7. WOW che belli!!! Un capolavoro!
    Sicuramente buonissimi, complimenti :-)

    RispondiElimina
  8. ciaoo...bellissimo post
    passa da me se ti fa piacere :)
    aggiungimi anche su fb se hai un profilo :)
    http://www.facebook.com/profile.php?id=100000977905420

    RispondiElimina
  9. Allora da chi li ha mangiati live in Jappo ti dico che sono bellini davvero =) e poi danno dipendenza, iniziavi con il piattino da sei e dopo mezzora ne avevi accumulati uno sproposito -_- sono anche andata alla mostra sui gyoza!

    RispondiElimina
  10. Che bella ricetta! Mi piace questo post molto culturale e fusion..che brava!
    Non so se le mie manine possano preparare dei cofanetti segreti così belli, ma provando (e sbagliando) si impara! Davvero brava..
    Alla prossima..bacio!

    RispondiElimina
  11. Oddio ma sono splendidi...li adoro. Devo provarli al più presto, adoro il ripieno di carne di maiale ed una spruzzatina di salsa di soia...sono bellissimi, troppo brava. Un bacione, Pat

    RispondiElimina
  12. Adoro i ravioli cinesi, ho provato qualche volta a farli ma con scarsi risultati, riproverò con la tua ricetta presto.

    RispondiElimina
  13. Io li adoro e tu sei stata bravissima a fotografarli così bene!!
    che piacere passare di qua.. ho già l'acquolina in bocca :))
    A presto,
    Vaty

    RispondiElimina
  14. Grazie ragazze, siete tutte davvero carine, come sempre :)

    RispondiElimina
  15. non li ho mai sentiti nominare ma mi ispirano tantissimo!!!!!

    RispondiElimina
  16. Dopo due anni e mezzo di vita in Korea e di viaggi in Cina e Giappone....mamma mia quanto mi piacerebbe ri-assaggiarli!!! Bravissima! Oltre che l'acquolina, mi hai fatto venire una terribile nostalgia...

    RispondiElimina
  17. Sarah sei veramente brava!!I ravioli sono strepitosi ed anche le foto...

    RispondiElimina

Se avete domande o curiosità di qualsiasi genere inerenti a quanto trovate nel blog, sono qui per rispondere più che volentieri.
Vi chiedo però la cortesia, prima di domandare, di leggere bene i post: spesso e volentieri le domande che ricevo hanno già risposta.
Se una volta letto restate con qualche dubbio...sono a completa disposizione. :)

Grazie.