OverBlog

15 gennaio 2010

Agrumi, fortissimamente agrumi!

brioche mandarino 4


In questo periodo dell'anno ho la cucina letteralmente invasa dagli agrumi: la cosa è tutt'altro che fastidiosa, sia perché sono frutti che adoro sia perchè in questi giorni sono stata parecchio raffreddata, ed un'overdose di spremute mi sta facendo un gran bene.
Quando li trovo belli adoro comprarli, per poi farci mille cose diverse: con le scorzette si possono realizzare liquori, polvere o scorze candite: col succo spremute, sorbetti, gelati, sciroppi e salse: con gli spicchi si possono guarnire gelati, sorbetti od insalate di frutta.
Insomma, via libera alla fantasia!
In questo caso ho usato i mandarini, e con scorza e succo ho profumato un panbrioche.
La ricetta da cui sono partita è quello della brioche col latticello.

brioche mandarino 6


TRECCE AL MANDARINO CON BUTTERMILK (LATTICELLO)

Ingredienti per due trecce piccole o una grande

250 gr di farina 00
350 gr di farina Manitoba
70 gr di burro
20 gr di lievito di birra fresco
40 gr di zucchero muscovado
60 gr di zucchero semolato

2 mandarini (succo e scorza)
2 uova (uno e mezzo nell'impasto, il mezzo rimanente serve per spennellare le trecce -allungato con un po' di panna o latte-)
8 gr di sale
125 gr di latticello
4-5 cucchiai di acqua se serve



Preparazione

Consiglio vivamente l'uso di un'impastatrice.
Versare nella ciotola dell' impastatrice nell'ordine il sale, gli zuccheri, le farine, il lievito (sciolto in 3-4 cucchiai di acqua), il latticello, l'uovo e mezzo, la scorza ed il succo dei mandarini: iniziare ad impastare per circa 5 minuti, poi aggiungete il burro a pezzettini.
Una volta messo tutto il burro l'impasto non dovrà essere sostenuto ma morbido, non dovrà risultare appiccicoso ma manipolabile: se vi sembra troppo sostenuto aggiungete qualche cucchiaio di acqua.
Proseguite a lavorarlo per 15 minuti, poi chiudetelo a palla, coprite con un canovaccio o della pellicola per alimenti e lasciate lievitare, lontano da correnti d'aria ed in posto tiepido (nel mio caso, a 21°, ci sono volute un paio d'ore).

Collage trecce

Riprendete l'impasto e ricavate il numero di cordoni che vi servono per il tipo di treccia che volete ottenere (per vedere i diversi passaggi degli intrecci, a 3-4 o 5 cordoni, potete guardare questo video).

Spennellate le trecce con l'uovo ed il latte e lasciate a lievitare per una mezz'ora.
Accendete il forno a 180°.
Quando arriverà a temperatura spennellate nuovamente le trecce ed infornate a metà altezza per 20-25 minuti finché le trecce saranno belle dorate e, se battute sul fondo, suoneranno "vuote".

brioche mandarino 3

Nota: se per caso vi state chiedendo cosa sia quella salsa/crema che ho messo sulla fetta della treccia... Beh... Lo scoprirete nel prossimo post! ;o)
Stay tuned!

brioche mandarino

Nota 2: nella colonna di sinistra troverete alcuni posti in cui mi è stato detto essere in vendita il latticello. Se abitate in quelle zone potete provare lì, altrimenti potete sostituire il latticello o con latte oppure con 12 gr di latte in polvere ed acqua, in entrambi i casi dello stesso peso indicato per il latticcello.
Potete, ancora, farvelo in casa, anche se il prodotto ottenuto sarà leggermente diverso da quello commerciale, chè è fermentato. Per il procedimento potete guardare qui.

39 commenti:

  1. Questa treccia è fantastica!!!Io adoro i lievitati,le torte le faccio-ma non le mangio.Ma i lievitati....vanno giù una meraviglia...buono.

    RispondiElimina
  2. Spettacolo!!!!
    Che brava!!! me ne papperei una fetta ora!
    che sia un curd quella salsina, di limoni...o magari di quei bei mandarini che vedo sul tavolo?:)

    baci

    Terry

    RispondiElimina
  3. Saraaaaaaaaaah...è un colpo basso a questo'ora!!! Per poco prendo a morsi lo schermo...il profumino agrumato di questa brioche arriva fin qui.
    Un abbraccio ^_^

    RispondiElimina
  4. Che spettacolo un fetta anche adesso sai che gioia sarebbe? ;-))

    RispondiElimina
  5. Ma che treccia favolosa, mi sembra di sentire il profumo da qui. E poi sembra davvero morbidissima. Per la crema rimango sintonizzata
    Bacioni e buon fine settimana
    fra

    RispondiElimina
  6. (^_^) ciao Sarah,che belle e che buone oserei dire (-_^) anch'io amo gli agrumi ....direi che non potrebbe essere diversamente visto dove mi trovo (-_^) un abbraccio baci baci ♫♪♪

    RispondiElimina
  7. anche io ho la casa invasa dagli agrumi!!
    Ma ne sono felice, li metterei ovunque!

    RispondiElimina
  8. anch'io ho tantissimi agrumi!!! questo treccione è stupendo!!! un bacione e buon weekend!

    RispondiElimina
  9. Ecco la briosciona agli agrumi!

    devo stare buonina perche' ho scorte da smaltire (tipo briochine siciliane preparate e poi congelate per eccesso di viveri...)

    Ti e' venuta magnificamente, sai che con le trecce non ci ho mai provato piu' di tanto, ma a quelle curve dorate e lucide non sara' facile resistere :)

    RispondiElimina
  10. Partecipa anche tu al concorso de La Cucina Italiana:
    LA TAGLIATELLA NAZIONALE

    Per info:
    http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=862&ID=337208&csuserid=2112&ar=

    Scade il 10 Febbraio 2010.
    Buon lavoro!

    RispondiElimina
  11. Mamma mia Sarah è splendida!!!! E profumatissima!!!
    Buon w.e.!

    RispondiElimina
  12. E' un capolavoro, favolosa...chissà che profumo!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  13. ho una cassetta di limoni di amalfi.
    :)
    evviva

    RispondiElimina
  14. Sarah, non pùòi immaginare quanto mi piacciono fare ilievitati.....sicurissma te la copio ...la rifarò con il mio lm!!!!!!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  15. che bella treccia, a Natale mi hanno portato dei mandarini appena raccolti dall'albero in Calabria... direi che potrei provare no?

    RispondiElimina
  16. Bando alla modestia e diciamocelo (perchè quando ci vuole ci vuole!): questa treccia è un vero capolavoro! Chapeau!

    RispondiElimina
  17. Complimenti! Queste trecce sono bellissime! Aspetto la ricetta della crema!

    RispondiElimina
  18. Avec du buttermilk, c'est une recette pour moi.
    Ta recette est absolument magnifique.
    A bientôt.

    RispondiElimina
  19. Favoloso Sarah...peccato che non ho il latticello, altrimenti l'avrei fatto anch'io...un bacione!

    RispondiElimina
  20. sublime! favoloso! goloso! per non parlare delle foto: eccezionali!

    RispondiElimina
  21. Tami: io purtroppo mangio anche le torte, con effetti notevoli sui fianchi ;P

    Terry: curd....mmmmm...potrebbe essere...:))

    Federica: eheheh, occhio a non lasciarci i denti ;P

    Lory: sarebbe una gioia potertela offrire ;)

    Fra: resta, resta, che mi fa tanto piacere! Buon fine settimana anche a te :D

    May: donna fortunata! Al posto tuo vivrei di agrumi ;)

    Alem: ti capisco, anch'io ne vado matta :)

    Micaela: un bacione a te e buonissimo fine settimana :)

    Cib: facciamo che tu mandi le briochine a me ed io mando il treccione a te? ;)

    Stefi, Simo: grazie ragazze, buon week end :)

    Enza: invidiaaaaaaaa :)

    Patty: bella col lievito madre! Al momento lo sto lasciando in pace in attesa del colomba time, ma mi pare un'idea ottima la tua ;)

    Colombina: e direi proprio di sì ;)

    Virò: ti ringrazio, troooooppo buona (tu, non la treccia... benchè, pure lei..) :)

    Barbara: grazie, per la crema solo qualche giorno d'attesa...;)

    Saveurs: si tu arrive a trouver le buttermilk tu dois absolument essayer cette tresse. ;)
    Bises e bonne soirée

    Ylenia: puoi farla anche senza, usando il latte, oppure comprare della panna fresca e fartelo in casa ;)

    Federica: ti ringrazio ;) Buon week end

    RispondiElimina
  22. Oddio che meraviglia!!! Stasera sto facendo un giretto per i blog e sto leggendo tante ricette: non me ne voglia nessuno se dico che questa treccia è la cosa più favolosa che ho visto fin'ora e che le ma sto letteralmente mangiando con gli occhi!!! Wow sei bravissima!!!

    Una domanda: il latticello si può sostituire? Se si con cosa? Yogurt?
    Grazie ciao

    RispondiElimina
  23. è stupendo, morbidissimo! Davvero lo trovo perfetto, bravissima

    RispondiElimina
  24. Luna: ti ringrazio moltissimo, ho iniziato bene il sabato mattina :)
    Per pigrizia, per rispondere alla tua domanda ti rimando in fondo al post, alla nota 2. Ho indicato le varie alternative :)

    Marta: ti ringrazio davvero, buon sabato ;)

    RispondiElimina
  25. Una delle cose che mi piace fare di più sono i lievitati e questa treccia sarà una delle mie prossime preparazioni. E' strepitosa. Eccezionele!
    Bacioni.

    RispondiElimina
  26. Innanzi tutto dovrebbero proibire per legge a gente come me - in sovrappeso post/libagioni/natalizie - di accedere a blog come questo e quello di Nutella (tanto per citarne un paio).
    Poi... ma dico... che modi di fare sono questi? Una viene qui, mettendo in serio pericolo la sua volontà di stare a dieta, e tu non spieghi cos'è quella salsina lì?
    Ma dai, non si fa! :-)

    RispondiElimina
  27. Oh che treccia fantastica! Adoro impastare e i lievitati...anch'io avrei voluto farti la stessa domanda di Luna...vado a vedere con cosa posso sostituirlo!!!!UN ABBRACCIO e buona domenica

    RispondiElimina
  28. Sandra Firenze17 gennaio 2010 09:42

    Se può interessare, a Firenze il latticello si trova nei negozi NaturaSì. Siccome non sono molto vicini a casa mia, io ho imparato a riprodurlo. A parte che fa benissimo alla salute berne un po' tutti i giorni, è utilissimo in cucina (indispensabile per i muffin!). Per chi proprio non riesce a reperirlo, si può sostituire con 50% yogurt 50% latte, non è proprio la stessa cosa, ma è sempre meglio che solo latte.
    Faccio spesso la tua brioche col latticello che è uno spettacolo e adesso, figurati se non provo pure questa treccia!
    p.s. completa l'opera e dicci anche cos'è quella bella salsina lì!

    RispondiElimina
  29. Che meraviglia questa treccia!

    PS:Sono passata per comunicarti che ho trasferito il mio blog, adesso lo trovi qui:

    http://lapatataingiacchetta.com/


    A presto!

    RispondiElimina
  30. Lory: se ti diverti coi lievitati questo è uno dei posti giusti ;)
    Se la fai fammi sapere. Buona serata :)

    Viviana: c'hai ragione. Si dovrebbe iserire una sorta di "parental control" ai blog che istigano all'abbuffata selvaggia. Come lo chiamiamo? "golosoni control", "chièadiet alla larg", "se nun vo ingrassà pussa via"? :)))
    p.s: la salsina sta per arrivare ;)

    Marifra: brava, corri a ripassare ;P

    Sandra: mi interessa eccome, tant'è che ho già inserito la tua segnalazione nella colonna a sinistra insieme alle altre. Conto di dare più indicazioni possibili così da riuscire a renderlo reperibile a più persone, quindi ti ringrazio tantissimo. :)
    ...e la salsina è in arrivo ;)
    ...e mi fa un sacco piacere sapere che qualcuno ha rifatto qualcosa che ho proposto e che gli sia piaciuto tanto da rifarlo e rifarlo. :) E se quella ti piace, questa è lei versione mandarino (che a noi piace da matti)

    Guya: ok, grazie mille della segnalazione ;)

    RispondiElimina
  31. che treccione stupendo.......
    aspetto di sapere cos'è quella
    coloratissima cremina!!!!!

    RispondiElimina
  32. che immagini spettacolariiiiI!!!!!!!
    che fame mi fai venireeeee!!!!
    buon inizio settimana!! a presto qui o su facebook o da me!!
    abbracci da Coccole di marzapane!!!

    RispondiElimina
  33. Sandra Firenze18 gennaio 2010 18:05

    Ho imparato a riprodurre il latticello seguendo le indicazioni di Croce e Delizia qui
    http://croce-delizia.blogspot.com/2009/09/buttermilk-o-latticello-come.html. riassumendo occorrono:
    Contenitore di vetro (barattolo o bottiglia a collo largo) da 1 lt
    750 ml latte fresco parzialmente scremato
    250 ml di latticello
    Scaldare leggermente il latte, la temperatura ideale è 38°
    Versarlo, filtrando con un colino per evitare residui di panna, nel contenitore
    aggiungere il latticello a temperatura ambiente o comunque non freddo di frigo (altrimenti vi si accaglierà tutto)
    mescolare e chiudere
    avvolgere il contenitore con un panno per mantenere il calore e lasciare riposare per circa 8 ore (solitamente sono sufficienti, ma potrebbe occorrere anche più tempo)
    Capovolgere il contenitore. Se il vetro rimane opaco, il latticello è pronto.
    Riporre in frigo. Si conserva per molti giorni.
    Ricordatevi di lasciare 250 ml per riprodurlo ancora.
    Sciacquare sempre molto bene il contenitore prima di ripetere l'operazione.
    Con lo stesso metodo si può riprodurre anche il kefir
    Io ho finito col fare sia l'uno che l'altro e più si fanno, più vengono buoni!
    Adesso devo studiare questa cremina...mmmhhh sulla treccia ci deve stare d'incanto!
    Ciao Sandra

    RispondiElimina
  34. emamama: segreto svelato ;)

    Ally: buonissima settimana anche a te :)

    Sandra: sì, i blog che hanno postato il procedimento ormai sono diversi, io stessa ne ho linkato uno dei tanti nel post: ho la fortuna di trovare il latticello quindi non mi capita di farlo in casa, ma hai fatto bene a scriverlo qui comunque, che una volta di più non fa male a nessuno, anzi! :)

    RispondiElimina
  35. Ecco... poi uno dice che il cibo non rientri tra i veri piaceri della vita... te immagina (anzi immagino io :D)... me, seduta nel labile tepore di una di queste mattine invernali, con un vago accenno di sole e quella fitta coltre brinosa che sembra quasi penetrarti fino alle ossa... e poi una bella tazzotta fumante davanti ed una fettazza di questa goduria. Ditemi se non sia anche solo paragonabile al Paradiso uuuh???!!! :D

    Sei il TOP! ;D

    Baciottoli***

    RispondiElimina
  36. hummm!!ta brioche est superbe!!bravo!!c'est du mandarinecurd qui est tartiné sur le la brioche?

    RispondiElimina
  37. Sister: ti ci immagino benissimo e ci stai una meraviglia :***

    Kouky: mais oui, t'as deviné ;)

    RispondiElimina
  38. fantasticaaaaaaaaaaa
    mannaggia vedi cosa significa non avere l'impastatrice.. :( incordare a mano non è cosa da tutti i giorni .. uff.
    Sembra (è!) sofficissima e golosissima!!

    RispondiElimina
  39. Fior: questa a mano se po' fa perché non è così tanto idratata. Ti metto il link per il procedimento col video(http://mollicadipane.blogspot.com/2009/05/la-romana-impastata-mano.html), ma sicuramente per questa treccia avresti pochi problemi.

    RispondiElimina

Se avete domande o curiosità di qualsiasi genere inerenti a quanto trovate nel blog, sono qui per rispondere più che volentieri.
Vi chiedo però la cortesia, prima di domandare, di leggere bene i post: spesso e volentieri le domande che ricevo hanno già risposta.
Se una volta letto restate con qualche dubbio...sono a completa disposizione. :)

Grazie.