OverBlog

2 ottobre 2009

Latticello, tu mi hai provocata ed io...

Passeggio tranquilla al supermercato, il cestino contiene già tutto ciò che mi serve ed è in lista.
Mi guardo in giro, con la pace di chi sa di aver già preso tutto il necessario e può perdersi un po' tra i reparti, curiosando qua e là in cerca di qualche nuovo prodotto.
Un giretto anche al banco frigo, chè qui hanno un sacco di yogurt ai gusti più dispar....Ahhhhhhhh, cosa vedono i miei occhi? Proprio lì, vicino alle bottiglie del latte? Non è possibile, è un miraggio, ne sono quasi certa...
Prendo il bricco, leggo sulla confezione.
Nessun miraggio, è davvero lì, tra le mie mani. Senza averlo cercato ho trovato quel fetentone del latticello! :D
Fetentone perchè lo cercavo da una vita e non lo vedevo mai in giro. L'unico che avevo trovato fin'ora era un latticello aromatizzato ai fiori di sambuco ed uno al lampone, ma mai quello naturale.
Miiiiiiiiiiiiiiiiiiii, non ci posso credere!
Lo prendo. Mi pare ovvio a questo punto. :)
Schizzo a casa, apro la cartellina creata una vita fà in cui avevo accumulato tutte le ricette golose che prevedessero il latticello e che mi ero salvata, se mai un giorno dovessi riuscire a trovarlo. Quel giorno è finalmente arrivato, eureka!
Ho 1000 ricette che voglio provare, ma è anche vero che mi avanzano in frigo un paio di albumi che mi rifiuto di trasformare nelle ennesime meringhe o nei brutti ma buoni che faccio ormai a cadenza mensile.
Non se ne può più.
Mi torna in mente che avevo visto una ricetta col latticello e che prevedeva l'uso dei soli albumi: eccola!
Perfetto.
Dimezzo ed adatto leggermente le dosi, metto il lime anzichè il limone ed il gioco è fatto.
Io ho usato dei classicissimi ramequins da soufflé di 8-9 cm di diametro, ottenendo 5 dolcetti.
Ne vengono dei simil soufflés molto carini, ma se non li avete andranno benissimo degli stampini da muffins oppure una teglia, da cui ricaverete dei quadrotti proprio come ha fatto Mariluna.
I dolcetti sono soffici soffici, cercate comunque di non cuocerli eccessivamente, altrimenti si asciugheranno troppo.
Il mio rapporto col latticello inizia decisamente alla grande! :)

c

DOLCETTI CON LATTICELLO E LIME

Ingredienti per 4-5 ramequin da 8 cm di diametro (oppure una dozzina di muffins)

100 gr di zucchero
60 gr di burro
2 albumi
225 gr di farina 00
6 gr di lievito per dolci
1 pizzico di sale
75 gr di latticello
60 gr di yogurt naturale
Buccia grattugiata di un lime

Per la glassa

75 gr di zucchero a velo
succo di 1 lime
confettini colorati


Preparazione
Preriscaldate il forno a 150°c.
Nella ciotola sbattere burro morbido e zucchero fino a rendere il composto spumoso, aggiungere uno per volta i bianchi d'uovo continuando a sbattere.
In un'altra ciotola unire la farina setacciata col lievito e il pizzico di sale e la scorza del lime: dovete aggiungerli poco per volta al composto di burro, zucchero ed albumi alternando con il latticello e lo yogurt per meglio amalgamare gli ingredienti.
Otterrete una crema morbida ma sostenuta (il composto non "scriverà", per intenderci. E' leggermente più sostenuto): versate a cucchiaiate negli stampi da soufflés rivestiti di carta forno (vi aiuterà a sformarli da cotti) oppure negli stampini da muffins rivestiti coi pirottini di carta.
Infornate e cuocete: per i ramequins nel mio forno ci sono voluti 35 minuti, ma dopo i primi 25 controllate con lo stecchino.
Quando uscirà asciutto saranno pronti. Per i muffins possono esser sufficienti 22-25 minuti, perchè sono più piccini.

mentre intiepidiscono sulla gratella preparate la glassa unendo lo zucchero a velo col succo di lime: non fatela troppo fluida, dev'essere un po' densa. Se il succo del lime fosse troppo poco aggiustatela aggiungendo un goccio d'acqua.
Aspettate che i dolcini siano tiepidi, poi glassateli e decorateli con codette colorate, mompariglia o ciò che preferite.

f

nota: se non trovate il latticello e volete comunque provare ricette che avete trovato il modo migliore per ovviare è farselo in casa, anche se è leggermente diverso dal prodotto in commercio.
Per realizzarlo potete dare un'occhiata qui.

nota 2: nella colonna di sinistra ho inserito un elenco di posti in cui ho avuto conferma trovarsi il latticello. Man mano che avrò segnalazioni lo aggiornerò.

Per dare più visibilità inserisco la lista anche negli attuali 3 post riguardanti questo ingrediente, sperando di aiutare qualcuno tra voi a trovarlo.

Dove trovare il latticello (buttermilk)?
Canton Ticino (Svizzera): supermercati MIGROS
Milano: nei negozi "Delicatessen" (Piazza Santa Maria Beltrade o Corso San Gottardo)
Negozi Naturasì (in Lombardia sicuramente)
Rieti: supermercati Todis
Roma: Naturasì, Eurospin, supermercati Todis; da "l'albero del pane" (traversa di via Arenula); da "Canestro" (viale Gorizia)

34 commenti:

  1. A colpo d'occhio conquista senza dubbio la grassatura con confettini colorati ma poi a leggere meglio la ricetta questi dolcetti sembrano proprio una delizia e sono sicura che la consistenza che si ottiene utilizzando il latticello è tutta un'alta cosa! Buonissimi da provare! Appena faccio incursione al natura si!

    RispondiElimina
  2. Allora natura si a gogò...grazie della ricettina, sto facendo una bella scorta di idee per i prossimi mesi! Ciao!

    RispondiElimina
  3. ma sono stupendi, anzi dire stupendi è poco!!! complimenti :-)

    RispondiElimina
  4. il latticello lo trovo straordinario...lo uso, nei dolci, nel pane, nelle focacce e non mi ha mai deluso!!
    i tuoi dolci sono riusciti eccezionali!! si sciolgono in bocca!
    ciaoooooo

    RispondiElimina
  5. Elisa: sì, devi provare ad usare il latticello! Io sono giorni che oltre alle ricette sul web sfoglio libri, voglio provare 1000 cose! Mi ha affascinata :)

    Solidea: prego carissima, è un piacere :)

    Micaela: :)

    Federica: vero, è stato amore al primo assaggio! Ora sono in fase sperimentale ;)

    RispondiElimina
  6. Sono contenta per te!!!!MI fa sempre piacere quando qualcuno riesce a trovare quello che cercava da tanto tempo! ottimo utilizzo sono venuti benissimo!!!
    Ciao un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. ..capita spesso anche a me che quando non cerco più una cosa la trovo subito!!!... il latticello non l'ho mai provato, ma il tuo dolcetto solo a guardarlo è delizioso...ciaoooooo

    RispondiElimina
  9. cliccando sui commenti ho visto anche i biscotti qua sotto! ragazzi ma qui si cucina alla grande, bravaaa :D

    RispondiElimina
  10. Che belli!!! Davvero invitanti...io aspetto ancora che il mio miraggio diventi realtà!!!

    RispondiElimina
  11. Marifra: son contenta anch'io in effetti ;)

    Ciapi ciapi: verissimo! probabilmente se l'avessi cercato non l'avrei visto :P

    Elisa: se lo trovi provalo :)

    Salsa: senti un po' chi dice che qui si cucina alla grande! Una delle migliori foodbloggers in circolazioni! Onorata di averti vista qui :)

    Lauretta&Mary: abbi fede... ;)

    RispondiElimina
  12. Sembrano morbidissimi!!!!
    Ecco! ora nasce l'esigenza primaria di trovare il latticello!
    mi armo (di pazienza) e vado.
    ciao

    RispondiElimina
  13. Non potevi fargli festa in modo migliore! Certo bisogna stare attenti quando ti si provoca :-)

    RispondiElimina
  14. miiiiii, non ci posso credere mariaaaaa ahahahahah
    immagino la commozione, nemmeno io l'avrei lasciato li ma ... piccolo dettaglio non trascurabile non ho slavato alcuna ricetta...
    comincio da questa? ahahahahah
    *
    grazie
    cla

    RispondiElimina
  15. ohhh sembrano dei mini panettoncini!!!! che spettacolo, urge trovare il latticcello
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  16. Pinar: mi hai fatta ridere, e soprattutto mi rispecchio pienamente in questa tua reazione! :)

    Dada: eh sì, son pericolosissima ;)

    Claudia: di commozione si è trattato, in effetti. Tanto che ci sono ricapitata (per puro caso eh?) stamattina e me ne sono accattata un'altra bottiglia... Sia mai che lo finisco o peggio che non lo commercializzino mai più! :)))

    fra: urge urge ;)

    RispondiElimina
  17. ma che bontà questi dolcetti!!mi sa che sto latticello lo devo trovà pure io perchè se i risultati sono questi...:D!!!
    baci

    RispondiElimina
  18. Il latticello? Un miraggio! Lo usa sempre Nigella. Miiiii, lo devo trovare!

    RispondiElimina
  19. Belli!!! Ora lo devo andare a comprare anch'io il latticello...naturasì arrivoooo!! ;)

    RispondiElimina
  20. che bello quando le cose ci spuntano sotto il naso quando meno ce lo aspettiamo!!!! adesso vogliamo tutto il ricettario Buttermilk!!!

    RispondiElimina
  21. Un altro spunto interessante: pazzesca l'idea di latticello e burro fatti in casa...ma tu ci hai provato? L'idea mi stuzzica...

    RispondiElimina
  22. Spettacolo! Chissà se avrò anche io questa fortuna di incontrarlo "per caso" in qualche super.... Buon fine settimana Laura

    RispondiElimina
  23. menuda foto!! deliciosa receta! buen fin de semana

    RispondiElimina
  24. Fiorix: io ne ho fatto scorta, si sa mai che non lo ritrovo più :)

    Fantasie: vero, un miraggio! Non ci ho creduto finchè non l'ho toccato :)

    Laura: vaiiiiiiiiiiiii ;)

    Valeria: un po' alla volta arriva :)

    Virò: se non l'avessi trovato avrei sicuramente tentato di farlo in casa. Il procedimento è semplicissimo, anche se il sapore del latticello risultante è un po' diverso perchè quello "compro" è fermentato... Però è sicuramente una buona alternativa!

    Antro: spunta quando meno te l'aspetti come i funghi, magari dietro un vasetto di yogurt lo trovi prima o poi ;P

    Lola: gracias querida :)

    RispondiElimina
  25. Hanno un aspetto semplicemnete delizioso, quindi copio la ricetta e e al solito la farò con un simil latticello home made, ormai mi sono rassegnata a trovarlo dalle mie parti!!

    RispondiElimina
  26. che bell'aspetto! Bravissima!

    RispondiElimina
  27. io ne ho mezzo litro in freezer, dato che mi faccio il burro in casa.... quindi aspetto le tue ricette al latticello,e comincio a copiare...alla prossima allora,;-)

    RispondiElimina
  28. These cakes made with buttermilk look absolutely delicious! Just beautiful!

    You have a very nice blog!

    RispondiElimina
  29. mi ero limitata a vederli in lontananza su facebook, quando erano 'apparsi' .. ma ora che mi vedo luccicare così da vicino questi meravigliosi confettini argentei.. posso esclamare con gioia "uao!!" ma sono fantastici!! ah no, anche questo fa parte dell'esclamazione, 'spetta.. "uao! ma sono fantastici!!" così. Ha fatto bene a provocarti allora il latticello! A vedere quel simil soufflé che s'intravede sotto la glassa di copertura, è ben evidente la sofficità .. bella ricetta che hai provato, non c'è che dire! Un ottimo inizio per il latticello :)

    RispondiElimina
  30. Non credo di avere mai visto il latticello nei super...provo a dare un'occhiata al tuo collegamento perchè la ricetta mi piace parecchio...baci

    RispondiElimina
  31. (^_^) ciao Sarah , i dolcetti al latticello sembrano buonissimi ...anche se io in effetti non l'ho mai sentito nominare ma mi documneterò perchè l'aspetto di questi dolci mi ha conquistata (-_^)
    complimenti per il racconto molto divertente............. miiiiiiiii hihihihi!!!!
    un abbraccio baci baci ♫♫♪♪♥♥

    RispondiElimina
  32. Che bellezza, sono tenerissimi!

    RispondiElimina
  33. Cara Sarah, riusciresti a spiegarmi la differenza tra il latte fermentato - che trovo - e il latticello? :D

    RispondiElimina
  34. Francesca: il latte fermentato è yogurt.
    Se non ricordo male,per la legge italiana si può parlare di yogurt solo se viene fatto fermentare con lactobacillus bulgaricus e/o streptococcus termophilus.
    Nel caso in cui per produrlo vengano usati altri fermenti questi latti prendono la dicitura di "latte fermentato".
    Concettualmente è yogurt, ma per la legge commercialmente dev'essere definito latte fermentato.
    Volendo potresti usarlo, ma fai conto che è come se usassi come sostituto un qualunque yogurt da banco ;).

    RispondiElimina

Se avete domande o curiosità di qualsiasi genere inerenti a quanto trovate nel blog, sono qui per rispondere più che volentieri.
Vi chiedo però la cortesia, prima di domandare, di leggere bene i post: spesso e volentieri le domande che ricevo hanno già risposta.
Se una volta letto restate con qualche dubbio...sono a completa disposizione. :)

Grazie.