OverBlog

27 marzo 2012

La prima volta con la (simil) pasqualina

pasqualina 009editededited

Una torta salata mai fatta prima.
Mica per nulla ma... dove la trovo la prescinsêua (cagliata o quagliata) ?
Mi piace, quando voglio riprodurre in casa una ricetta regionale, cercare di usare gli ingredienti esatti, quelli veramente imprescindibili affinché il prodotto si avvicini il più possibile alla tradizione.
Come fare una vera pasqualina senza la prescinsêua?
Ok, tecnicamente potrei anche tentare di riprodurmi in casa qualcosa di simile ma... francamente diventa davvero davvero lunga l'operazione.
Diciamo che la mia variante è una simil pasqualina imbastardita, lontana parente dell'originale. :D
E' stata divertente da realizzare, soprattutto la preparazione e stesura della pasta: quando ci sono ricette un pochino elaborate mi fa piacere potervi mettere foto dei vari passaggi, il che rende la realizzazione (per me) un attimo più laboriosa, però ciò non toglie che sia stato divertente realizzarla.
Se avete un pochino di manualità e vi va di tentare, ve la consiglio: la pasta croccante ed il ripieno morbido e profumato sono davvero invitanti.

pasqualina fettaedited

TORTA (SIMIL) PASQUALINA

Ingredienti
350 gr di farina
1 cucchiaio di olio
acqua q.b
sale

per il ripieno
500 gr di bietole
250 gr di prescinseua (che per me è impossibile trovare, quindi ho sostituito con dello stracchino e ricotta)
100 gr di grana
maggiorana (a piacere)
4 uova medio/piccole
sale
olio extravergine d'oliva ligure q.b


Preparazione

Preparate per prima cosa la pasta.
Prendete la farina, versateci l'olio, il pizzico di sale ed acqua sufficiente ad ottenere un panetto bello morbido ma che non appiccichi sul piano di lavoro (con l'impastatrice è operazione veramente rapidissima).
Lavorate a mano un attimo l'impasto, poi pesatelo e da esso ricavate 6 pastelli dello stesso peso.
Coprite i pastelli a campana e lasciate riposare.
Intanto preparate il ripieno.
Pulite le bietole e sbollentatele in acqua bollente per alcuni minuti.
Scolate, strizzatele bene e tagliuzzatele grossolanamente.
Una volta fredde uniteci il grana, un pizzichino di sale e la prescinseua (o lo stracchino).
Mescolate bene e tenete da parte.

Collage sfoglia pasqualinaedited

Ora prendete i pastelli e stendeteli uno alla volta, sottilissimi. Devono essere un velo.
Prendete uno stampo da 22 cm circa di diametro (io ho foderato la base di carta forno e stop) e stendeteci il primo velo. Spennellate generosamente di olio extravergine, poi prendete il secondo velo e stendetelo delicatamente sul primo.
Spennellate di nuovo di olio e stendete anche il 3° velo.
Ora riempite col ripieno di bietole, livellate bene: una volta ben uniforme, col dorso del cucchiaio ricavate quattro nicchiette, in cui romperete le quattro uova (se avete paura che l'albume sia troppo, potete separare delicatamente i tuorli dagli albumi, mettere i tuorli nelle nicchie e poi versare tanto albume quanto basta a riempirle, evitando così che ecceda).

Collage pasqualinaedited

Prendete di nuovo un velo di pasta e stendetelo delicatamente sopra il ripieno, spennellate di olio, e proseguite così fino ad usare tutti i veli di pasta.

pasqualina 007editededited

Eliminate la pasta eccedente i bordi con un coltello affilato, lasciandone un paio di cm.
Coi bordi rimasti create un cordoncino decorativo sulla pasta, poi spennellate tutta la superficie di olio ed infornate a 180° per 30 minuti (ripiano centrale del forno) ed altri 15 minuti spostando però sul ripiano più basso.
Lasciate raffreddare su una gratella.

NdA: vi avanzerà sicuramente della pasta dalle dosi indicate, perché dovrete tirare le sfoglie veramente sottili.
Con la pasta rimanente, grazie ad un suggerimento di Dora sulla pagina fan di Fragola e Limone su Facebook, ho fatto dei semplicissimi crackers aromatizzati (semi di cumino, di nigella, di papavero, di sesamo,...), tirando la sfoglia sottilissima, spennellando con olio e spolverizzando di semini.
Buonissimi e croccantissimi!

25 commenti:

  1. ah però.. qui entriamo nel vivo delle ricette Pasquali ma con piccola rivisitazione.. me gusta! eh sì, me gusta proprio! ottima la ricetta per la pasta! baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, tocca rivisitare per necessità ahimé: ma qualcosa di buono viene fuori uguale :)

      Elimina
  2. Che bella e allegra!
    Grazie della spiegazione minuziosa :-)...ed anche del resto ;-)

    RispondiElimina
  3. Bravissima! Da genovese ti dico che anche qui non è poi così facile trovare della prescinseua, ancor meno facile trovarla buona e fresca. Moltissimi a Genova sostituiscono con la ricotta. La tua torta è davvero splendida!
    (Con la pasta matta, al mattino, per colazione, faccio delle simil piadine: non troppo sottili, cotte in padella. Per chi è intollerante ai lieviti sono ottime sostitute del pane! Aromatizzate con semini o erbe aromatiche)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, ti aspettavo con ansia proprio in qualità di genovese, ero pronta a beccarmi qualche bastonata sulle dita per qualche gravissimo errore di cui non ero a conoscenza :)
      (gnamme l'idea della piada di pasta matta: coi vari semini poi è davvero la fine del mondo!)

      Elimina
  4. ti è venuta benissimo, e le foto passo passo sono molto utili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, mi sarebbe piaciuto farne di più, magari mentre si lavora la pasta, ma le mani sono quelle, quindi o sulla pasta o sulla macchinetta (oppure la prossima volta aspettare che in casa ci sia qualcun'altro oltre me :))

      Elimina
  5. Wow, è bellissima!!! E credo anche super slurposa ;-D

    RispondiElimina
  6. Stupenda, anche senza quell'ingrediente dal nome difficilissimo! :)
    ... anche i crackers non devono essere niente male! :)

    RispondiElimina
  7. E' perfetta, davvero bellissima, e il sapore sarà unico!!!

    RispondiElimina
  8. Spesso le varianti sono buone quanto le ricette originali, e questa è proprio bella!
    Buona giornata,
    Andrea

    RispondiElimina
  9. complimenti per la sfogliatura fatta a regola d'arte! A me pare perfettissima...che voglia di assaggiarne una fetta ;)

    RispondiElimina
  10. pensa che sabato ho fatto una pizza rustica (la classicissima ricotta e spinaci) usando la pasta strudel, che assomiglia molto a questa, solo che ha in più l'uovo, e mi chiedevo se avessi potuto evitare di mettercelo. Ora ho la risposta!

    RispondiElimina
  11. Bellissima spiegazione davvero...salvo tutto...complimenti!
    simona

    RispondiElimina
  12. Quando da una fetta fa capolino un ovetto sodo in tutta la sua perfezione ..ecco non so perchè ma quasi mi commuovo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D E' vero, è proprio il tempo di cottura perfetto per avere l'ovetto sodo e senza quell'orrenda rigagnola verde :D

      Elimina
  13. mamma mia e' strepitosa! io non la conoscevo... pensa che ignorante! ora so anche con cosa farla:-) bacioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh beh, il mondo della cucina è talmente vasto che mi autoprofesso ignorante suprema per tutto ciò che ancora non conosco :)
      Felice di avertela fatta scoprire e che possa piacerti!

      Elimina
  14. Sarà stata la prima volta, ma ti è venuta la fine del mondo, pare di poterla toccare in foto.

    RispondiElimina
  15. bellussimi tutti i vari passaggi fotografati!

    RispondiElimina
  16. queste torta salate pasquali sono una botta di calorie ma hanno un gran sapore
    ma a Pasqua se po fa'! ;)
    buon we

    RispondiElimina
  17. bellissima!!! e chissà ceh buona!!!!

    RispondiElimina
  18. (Simil)o no questa torta è deliziosa, complimenti!

    RispondiElimina

Se avete domande o curiosità di qualsiasi genere inerenti a quanto trovate nel blog, sono qui per rispondere più che volentieri.
Vi chiedo però la cortesia, prima di domandare, di leggere bene i post: spesso e volentieri le domande che ricevo hanno già risposta.
Se una volta letto restate con qualche dubbio...sono a completa disposizione. :)

Grazie.