OverBlog

28 dicembre 2011

Pan brioche senza impasto. Non solo è possibile ma anche meraviglioso!

Panbrioche senza impasto

[English recipe after the italian one]

Vi pare impossibile ottenere un pan brioche soffice come una nuvola, aerato, profumatissimo di burro e vaniglia e perfettamente incordato non solo senza l'uso di una planetaria ma anche senza quello delle vostre braccia? Dite di no? E se vi dicessi di sì invece?
Questa preparazione è stata amore a prima vista: letta da Tuki pochissimi giorni fa, 24 ore dopo averla vista l'ho messa in produzione, ed il risultato è stato a dir poco fantastico.
E' una preparazione perfetta per tutte quelle che non possiedono una planetaria in grado di incordare gli impasti alla perfezione, è facilissima e l'impasto può essere realizzato con ampio anticipo, lasciato in frigo fino ad un massimo di 5 giorni e cotto.
Meno lavoro di così non ve lo potrebbe dare, ed il risultato è meraviglioso: un pane appena appena dolce, soffice come una nuvola, aerato, profumatissimo di burro: io vi ordino di correre a provarlo, non potete davvero esimervi!

EDIT del 09/01/12 → già un paio di lettrici mi hanno informata che la ricetta si realizza bene anche usando della comunissima farina 00.


panbrioche senza impasto

PANBRIOCHE SENZA IMPASTO (presa da Tuki)

Ingredienti per un pane di 26 cm circa

250 gr di farina forte (tipo Manitoba)
100 gr di burro fuso a temperatura ambiente
75 gr di acqua a temperatura ambiente
2 uova medie a temperatura ambiente
50 gr di miele di acacia
1/3 di bacca di vaniglia, i semi (l'ho aggiunta io, l'adoro coi prodotti burrosi e lievitati)
pizzico di sale
3 gr di lievito di birra liofilizzato (o 10-12 di fresco)


Preparazione

In una ciotola unite uova, miele, acqua, vaniglia, sale e burro e mescolate.
In un'altra ciotola mescolate la farina col lievito ed aggiungetela al composto liquido, mescolando bene con una forchetta fino a che non saranno presenti grumi e diventi tutto omogeneo.
Otterrete una sorta di pastella sostenuta.
Coprite la ciotola con della pellicola e lasciate a temperatura ambiente per 2 ore, poi mettete il tutto in frigo: a questo punto potete lasciare l'impasto lì dalle 24 h fino a 5 giorni: sarà comodo?! E' una cosa fantastica!
Io l'ho ripreso dopo 48 h, così che avesse acquisito una sorta di *media maturazione*.
Ho diviso l'impasto in 4 panetti di identico peso, aiutandomi con un poco di farina per fare delle palline, ed ho depositato le pallette una accanto all'altra in uno stampo da plumcake lungo circa 26 cm, imburrato alle pareti (non infarinato!) e con un velo di carta forno sul fondo.
Coprire nuovamente con pellicola o panno umido e lasciare a temperatura ambiente 2 ore e mezza, o finché l'impasto non sarà quasi al bordo dello stampo.
Spennellate con tuorlo e poco latte sbattuti (io ho aggiunto anche dello zucchero in granella) ed infornate a 180° per circa 30 minuti. Prova stecchino come sempre per controllare che il panbrioche sia cotto.

panbrioche senza impasto

NO KNEAD PANBRIOCHE


Ingredients for one loaf (26 cm)

250 gr strong flour (like Manitoba)
100 gr butter, room temperature
75 gr of water, room temperature
2 medium eggs, room temperature
50 gr honey
1 / 3 of vanilla bean, the seeds 
pinch of salt
10-12 gr fresh yeast



Dissolve the yeast in the water.

In a bowl, add eggs, honey, water+yeast, vanilla, salt and butter and stir.
In another bowl mix the flour and add it to the liquid mixture, stirring well with a fork untilthe dough will be completely homogeneous.
Cover the bowl with plastic wrap and leave at room temperature for 2 hours, then put it in the fridge.
You can leave the dough in the fridge from 24 h to 5 days.
I took it after 48 h, so that it had a sort of average maturity.
I divided the dough into 4 pats of equal weight, helping me with a little flour to make balls, and I lodged them side by side in a loaf pan (26 cm long), buttered on the walls (not covered in flour! ) and put parchment paper on the bottom.
Cover again with plastic wrap and leave at room temperature 2 hours or until the dough is almost to the edge of the mold.
Brush with beaten egg yolk and a little milk and bake at 180 degrees for about 30 minutes. As usual toothpick test to check that the panbrioche is cooked.

90 commenti:

  1. l'ho letto due volte per essere socira di non fare una domanda inutile ;) ma il dubbio mi resta: cosa intendi per burro fuso a tempratura ambiente? che prima lo faccio fondere e poi un po' freddare? ma così non si solidifica nuovamente? iluminami perchè a me il pan brioche non entusiasma ma la preparazione è così semplice che mi incuriosisce...

    RispondiElimina
  2. Monica: certo, freddo completamente torna solido, intendo che non deve essere bollente ;)
    Fai conto di fonderlo e poi lasciarlo stiepidire una decina di minuti, giusto per avere tutti gli ingredienti a temperatura ambiente o simile e non creare sbalzi termici.

    RispondiElimina
  3. Fantastico questo pan brioches...assolutamente da provare!!!!

    RispondiElimina
  4. CI PIACE!!! che fantastica idea :-)) appena le acque si calano un po e smaltiamo la mega riserva di panettone & co. Lo proviamo di sicuro..non si può nn provarlo!! un po bacio e buona fine d'anno!

    RispondiElimina
  5. ok, segnata e fatta mia. lo amo già!

    RispondiElimina
  6. Questa te la copio in un battibaleno!
    Buona, bella e senza impasto? E' praticamente già in forno :-)

    RispondiElimina
  7. Ma é fantasticoooo
    se volessi provarlo con il paté basta togliere il miele?
    grazie

    RispondiElimina
  8. Germana: no, ti direi di lasciarlo il miele, perché è veramente un leggerissimo spunto dolce... Di sicuro togli lo zucchero in granella che ho messo io in superficie, al massimo il miele puoi dimezzarlo.

    A tutte: mi raccomando, fatemi sapere se la fate! :)

    RispondiElimina
  9. Ogni volta che leggo un tuo post mi assale un dubbio atroce: le ricette saranno davvero così splendide o è solo merito delle tue bellissime foto? In questo caso, però, visto che la ricetta è proprio facile facile e sembra comodissima, non ho scuse: provo e poi ti saprò dire! :-)
    Tanti auguri di buon tutto, intanto!

    RispondiElimina
  10. Mi piace, mi piace, accipicchia se mi piace! Una cosa che fai in cinque minuti e in più la lasci lì pronta fino a 5 giorni è un tesoro prezioso!!
    Ti dico da subito che proverò e che me ne sono già innamorata! Poi ti racconterò come mi è riuscito!

    RispondiElimina
  11. Viviana: credi, ho molte belle foto di piatti che una volta assaggiati non mi hanno convinta per nulla e non ho postato. Di contro, ne ho un tot buonissime che attendo di rifare perché le foto sono non solo pietose, ma deleterie: a vederle vi passerebbe la voglia di rifare la ricetta :)

    Auguri in anticipo anche a te ;)

    RispondiElimina
  12. Patrizia: ah sì, vi aspetto tutte col resoconto! :)

    RispondiElimina
  13. come si fa a non provare??? si si....segno e provo...un bacio e buon anno

    RispondiElimina
  14. è stupendissimo, eseguo al più presto l'ordine!

    RispondiElimina
  15. Che meraviglia!!!! Da fare assolutamente!! MI innamorai del pane senza impasto figuriamoci di questo!!!

    RispondiElimina
  16. Anche se non l'avessi ordinato, l'avrei fatto sicuramente: mi ha conquistato subito la foto e poi la semplicità della ricetta!

    RispondiElimina
  17. direi che questa è LA scoperta dell'anno! fra tante cose che imparo e scopro leggendo in giro questa è proprio da rubare immediatamente, e anche se non faccio mai colazione mi istighi a cambiare abitudine!!

    RispondiElimina
  18. Ho copiato la ricetta e la proverò quanto prima, ciaoooo

    RispondiElimina
  19. Se invece della vanillina l'estratto(alcolico di vaniglia handmade?) l'alcool rovina l'impasto? grazie mille Franca

    RispondiElimina
  20. Ormai ne sono convintissima....ogni tua ricetta è speciale,mai deludente,di sicura riuscita e invitante! Io copio copio copio.....e copio ancora! Grazie per tutte le cose squisite che prepari!!
    Buone Feste cara!!

    RispondiElimina
  21. Giuro: ho letto anch'io due volte per essere sicura di aver capito bene....Corro a comprare il lievito di birra, ti dico solo questo!!!!
    Ricetta da stracopiare!
    Grazieeeeee
    simona

    RispondiElimina
  22. Mi hai convinta. Segnata, assolutamente da provare :-)
    Auguri per un 2012 favoloso!

    RispondiElimina
  23. Franca: la vanillina no, mai e poi mai! :) L'estratto di vaniglia va benissimo, non rovina l'impasto. La versione "originale" comunque nemmeno la prevede, quindi volendo puoi anche ometterla.
    Se caso non è tanto l'alcool a rovinare l'impasto quanto il liquido in più non previsto nella preparazione: mettine un cucchiaino al massimo, così da non sbilanciare il rapporto ingredienti liquidi/ solidi della ricetta ;).

    A tutte: oh, aspetto valanghe di riscontri a questo punto, eh? :)

    RispondiElimina
  24. non ho la planetaria quindi la devo provare!!!

    RispondiElimina
  25. Eseguo l'ordine :))) con molto piacere!!

    RispondiElimina
  26. doppio wow... senza zucchero è praticamente già mia. Cercavo giusto qualcosa per la colazione e questo mi sembra perfetto.

    Grazie!

    RispondiElimina
  27. Avevo già visto in giro una ricetta simile per fare il pane senza impastare, ma questa mi stuzzica proprio!! La provo di sicuro e ti faccio sapere! Una domanda...secondo te posso farci delle singole brioches piccoline? Un bacione e a presto!!

    RispondiElimina
  28. un impasto senza impasto?? okkkkkkkkkkkkkk prendo copio stampo ecc.. devo provarla! grazie poi ti faccio sapere!! caspiiiterina quante ore di lievitazione.. ce la posso fare!! anche se sarei troppo curiosa di sapere che sapore ha ^_^

    RispondiElimina
  29. Caspita ma questo è da rifare subito!!!
    Oggi prendo lievito e manitoba!
    Grazie bella !!!

    RispondiElimina
  30. Patrizia: per le singole briochine ti direi di sì: l'impasto è sufficientemente sodo da essere lavorato, però ti consiglierei di inserirle in una qualche forma di stampino per evitare che tendano ad allargarsi anziché lievitare in altezza.

    Un bacione a tutte quante, bellessssssse :)

    RispondiElimina
  31. Che bello! Proprio adatto a me che non ho la planetaria e non ho MAI fatto il pan brioche. Appena la provo ti faccio sapere com'è venuta hihihi...sembra davvero facile da fare!grazie grazie grazie!!!!
    Baci e Buone Feste ^.^

    RispondiElimina
  32. ma è fantasticoooooo!
    ***
    grazie bedda, se non ci fossi stata tu me lo sarei perso *
    Cla

    RispondiElimina
  33. Bene grazie devo provarla ciaoooo Franca

    RispondiElimina
  34. Da provare ,non sembra vero,è di una morbidezza che già la foto la dimostraaaaaaaa.Bacioniiii

    RispondiElimina
  35. beh, quando le ricette oltre a essere buone semplificano la vita in questo modo, io sono strafelice!
    grazie e tanti auguri

    RispondiElimina
  36. fantastico :O è da provare assolutamente!!!! copio la ricetta :)

    RispondiElimina
  37. O.o cosa vedono i miei occhi? devo assolutamente provarla questa ricetta dell'autoincordamento così la mia impastatrice sarà finalmente felice di non bruciare il motorino per colpa della mia solita fissa con i lievitati :)

    RispondiElimina
  38. questa la stampo di corsa!
    Buon anno nuovo!

    RispondiElimina
  39. Assolutamente da provare, grazie e auguri di buon anno!!!!

    RispondiElimina
  40. Per me che non ho la planeraria questa ricetta è davvero fantastica! :)

    Il mio ragazzo è intollerante al lattosio, dici che potrei riadattarla sostituendo il burro con l'olio o è meglio usare la margarina?

    Jennyfer

    RispondiElimina
  41. Jennyfer: ritengo improbabile che mi sentirai mai suggerire l'uso della margarina, quindi assolutamente olio. :) In questo caso essendo l'olio puro grasso ed il burro grasso mediamente all'80%, anziché 100 gr mettine 80,e compensa i restanti 20 con acqua: così la ricetta si mantiene equilibrata.
    Mi raccomando solo di usare un olio leggero e fruttato ;)

    A tutte quante ancora baci sparsi ed auguri :)))

    RispondiElimina
  42. Grazie mille, sempre gentilissima.
    Buon anno!

    RispondiElimina
  43. Anche io ho salvato questa ricetta, ma ancora non la provo...non dubitavo del risultato, complimenti per le tue foto, molto molto belle.
    Auguri di un felice 2012
    loredana

    RispondiElimina
  44. Ciao Sarah,bravissima come sempre e foto fantastiche!Volevo chiederti che bilancia usi per misurare i quantitativi piccoli (1-2 gr.)di lievito?Mi piacerebbe avere marca e modello o comunque un consiglio,visto che ne vorrei acquistare una.
    Un bacio e mille auguri di Buone Feste.
    Rita

    RispondiElimina
  45. Rosa (Gatteria's friend)2 gennaio 2012 15:01

    Ciao Sarah,

    gia' preparato due volte.

    Una volta seguendo esattamente la tua ricetta usando la farina manitoba e la seconda volta usando la farina ALL PURPOSE.....e non spennellando la superficie con il tuorlo e il latte.
    E' piaciuta la seconda versione, con la farina ALL PURPOSE resta molto piu' soffice e comunque sempre ben aerato...ah dimenticavo..non riiesco ad aspettare piu' di 24 ore di lievitazione;-)

    Grazie per aver condiviso la ricetta.

    RispondiElimina
  46. Rita: bilancia bilancia, tasto dolentissimo :)
    Ho una bilancia che pesa al max 2 gr (è una Polti, credo sia il modello "gourmand" ma non ci giurerei... Ha diversi anni ormai), è da un pezzo che vorrei prendermene una che misuri anche quantità più piccine ma al momento sto ancora con questa... Comunque devo dire che riesco a muovermi abbastanza bene, forse è per questo motivo che alla fine ancora non ho cambiato :)

    Rosa: fantastico! Sapere che è fattibile anche con una farina comune farà la gioia di molte che magari non hanno la Manitoba abitualmente in casa: proverò anch'io a questo punto!

    RispondiElimina
  47. Ciao Sarah! Questa ricetta è davvero fantastica wow, la proverò sicuramente. Grazie per la condivisione.

    RispondiElimina
  48. Che meraviglia! ho provato a fare questo "dolce" facendolo lievitare solo 24 ore ( ero curiosa!!) Ottimo e super veloce.Unica diversità ...dopo il frigo ha dovuto lievitare più di 2 ore.....per raggiungere il bordo dello stampo!!GRAZIEEEEEEEEEEEE di questa splendida ricetta!

    RispondiElimina
  49. Anonimo (il secondo): bene, sono contentissima sia venuta! :) Certo, i tempi di lievitazione cambiano a seconda anche delle temperature delle nostre cucine e della stagione in cui lo realizziamo, l'importante è avere la pazienza di attendere il momento giusto :) Bene, sono proprio contenta di sentire che la provate e vi piace: io lo amo alla follia :)))

    RispondiElimina
  50. Ciao Sarah,
    ho l'impasto non-impasto in frigo da ieri, ma prima di metterlo in frigo mi sono dimenticata di lasciarlo lievitare a temperatura ambiente per un paio d'ore! E' tutto compromesso?? Lo lascio furoi dal frigo un paio d'ore prima di cuocerlo, vale lo stesso???

    Besos e complimenti!

    RispondiElimina
  51. Ska: secondo me non è compromesso. Il riposo fuori dal frigo lo deve fare comunque di almeno un paio d'ore se non di più, per via della lievitazione, quindi ti direi di procedere come da tabella di marcia. ;)

    RispondiElimina
  52. Ciao! ho provato subito la ricetta e sono due giorni che faccio colazione con questa soffice creazione, però non sono soddisfatta al 100% del risultato, con la marmellata è fantastico, ma da solo lo trovo un pochino insipido (ammetto di avere usato solo 45 gr di miele di acacia e non 50), ho sbagliato qualcosa secondo te nel processo?
    Altro dubbio appena sfornato aveva un sapore leggermente alcolico, dipenderà dalla fermentazione del lievito di birra fresco o è il burro di qualità forse non così ottima come credevo? Grazie

    RispondiElimina
  53. Rieccomi! E' al calduccio per la lievitazione prima di infornare.. questo impasto è davvero fantastico, mentre preparavo le palline era super malleabile!
    Ho uno stampo un po' più grande del tuo (30 cm di lunghezza) quindi verrà un pochino più bassa... ma non importa.. non vedo l'ora di cuocerla! Speriamo bene..

    RispondiElimina
  54. Ottavia: immagino che per insipido tu intenda più che altro poco dolce. In effetti è un pane abbastanza neutro che io vedrei benissimo anche abbinato (ad esempio) a terrine di varia natura. E' anche la ragione per cui, a differenza della ricetta originaria, ho preferito aggiungere anche la granella di zucchero in superficie. Puoi provare a farlo aumentando un pochino il miele, ma ovviamente si avrà una ricetta con diverse proporzioni ed è quindi tutta da sperimentare.
    Diverso il discorso sul sentore alcolico: io quello non l'ho riscontrato, tenderei a pensare ad un'eccessiva fermentazione del lievito in effetti, più che al burro...
    Quali tempi di lievitazione hai scelto? 24 ore, 48 o più?

    Ska: sì, nello stampo così lungo verrà più bassino e di conseguenza dovresti avere anche tempi di cottura più brevi, occhio alla penna ;)

    RispondiElimina
  55. Rieccomi, rieccomi!
    L'ho fatto ed è superbo!
    Qui (http://ilmondodalmioufficio.blogspot.com/) il post..
    Io non ho riscontrato sapore alcolico.
    Sarah, ma tu lo sformi da freddo o quando è ancora caldo lo metti sulla gratella? La superficie era croccantina appena tirata fuori dal forno e morbida una volta freddo (l'ho lasciato raffreddare nello stampo). Suppongo che l'umidità interna l'abbia fatto "ammorbidire". Inutile dire che lo rifarò al più presto.. è delizioso!
    Grazie ancora per la scoperta!

    RispondiElimina
  56. L'ho lasciata in frigo 45 ore circa, per averla pronta per il tè delle 5!!
    Credo proprio che la riproverò magari aggiungendo una puntina di sale (forse sono stata un po' scarsa) e più miele, oltre alla vaniglia che per le feste l'avevo completamente esaurita! Proverò anche con la granella di zucchero...
    Per il discorso alcolico, devo premettere che sono incinta e forse sento odori e sapori un po'alterati.
    Ti scrivo anche una ricetta della treccia dolce che ho trovato sulla confezione di farina presa in svizzera e che mi è piaciuta:

    1 confezione di lievito in polvere o 25 g lievito fresco
    500 g farina bianca
    2,5 dl latte (temperatura ambiente)
    1 cucchiaino di sale
    1 cucchiaino di zucchero
    80 g burro morbido
    2 uova

    Sciogliere il lievito in una parte del latte e lo zucchero . Una volta sciolto aggiungere il latte rimasto e la farina mescolando, il sale, 1 uovo sbattuto e il burro.
    Lavorare bene fino ad ottenere un impasto morbido.
    Far lievitare la pasta per almeno 1 ora (io l'ho lasciata di più), tagliarla in 2 o 3 pezzi lunghi 60 cm e formare la treccia e disporla su una teglia imburrata o su carta da forno.
    Spennellare con uovo e metterla nella parte inferiore del forno NON preriscaldato. Cuocere per circa 35 min. a 220°.

    Suggerimento: preparare il doppio della pasta e formare due trecce. Cuocerne una completamente, togliere l'altra dopo 30 minuti. Farla raffreddare, avvolgerla in una pellicola e congelarla (dura circa 2-3 mesi).
    Al momento dell'uso, mettere la treccia congelata nel forno NON preriscaldato, finire di cuocere a 200° per circa 30-40 minuti. Se la treccia viene scongelata prima il tempo di cottura si riduce a 20 minuti.

    RispondiElimina
  57. Ska: come ti ho scritto "di là" è venuto una meraviglia, bravissima:)

    Ottavia: beh, il fattore "panzotta ripiena" può incidere sui gusti in effetti, ma a volte può anche succedere davvero che il lievito faccia brutti scherzi. Riprova adattando la preparazione ai tuoi gusti: a me da la sensazione di un impasto su cui si possa un po' giocare, quindi vedi tu :)
    Per la ricetta della treccia, ti ringrazio ma sono già a posto ;) http://www.fragolelimone.com/2009/03/un-pane-goloso-profumato-e-morbido.html
    E' il pane della mia infanzia, quindi leggere di lui mi fa sempre enormemente piacere :)))

    RispondiElimina
  58. Ciao! Ho deciso oggi ci riprovo con qualche modifica poi ti faccio sapere!! Sai che mie ero persa la tua ricetta della treccia...stranissimo, ogni volta che vado in Svizzera ne mangio a quintalate, la adoro! E poi prima o poi riuscirò a trasferirmi definitivamente in Svizzera e poterla comprare ogni volta che voglio ;)

    RispondiElimina
  59. ciao, fantastica ricetta soprattutto perchè non avendo l'impastatrice avevo sempre desisitito, anche se sapèevo che da qualche parte doveva esserci una ricetta per la brioche senza impasto, visto che c'è per fane e focaccia etc..Anyway proverò a farla non cpn la manitoba orrore.. ma con la mia farina 1 macinata a pietra che uso sempre ormai per tutti i dolci. so già verrà più pesante ma più sana. ti farò sapere. grazie mille.
    marisa

    RispondiElimina
  60. Marisa: una lettrice del blog ha rifatto questo pane usando la 00 ed è venuto bene lo stesso. Con la farina a pietra non dovrebbe esserci alcun problema, magari ci saranno da regolare diversamente i liquidi per un differente assorbimento.
    Fammi sapere comunque, sì :)

    Ottavia: se inizi a farla da te la treccia, risparmi anche sul costo del trasferimento :P

    RispondiElimina
  61. Tiene un aspecto maravilloso!! Delicioso!!
    Saludos Da @Mer

    RispondiElimina
  62. Ciao Sarah!! Fatto il pan brioche utilizzando la farina 00 (avevo finito la farina manitoba...) infornandolo dopo 48 ore ed è venuto buonissimo! Però voglio provare a rifarlo come da tua ricetta per confrontarli. Grazie ancora per la condivisione. Ah...sopra il pan brioche anziché la granella di zucchero ho messo un mix di semi che a me piace molto (lino, girasole, papavero e sesamo). Favoloso!

    RispondiElimina
  63. Prova fatta!! Ho fatto un po'di modifiche ad occhio (sale, zucchero e miele) ed è venuta meravigliosa, la prossima volta dovrò ricordarmi di segnare con precisione le dosi.
    Hai ragione sui costi del trasferimento :( Sigh! ed è per questo che non sono già là, ma ci riuscirò e la treccia la farò fatta in casa, con la tua ricetta! Alla prossima...

    RispondiElimina
  64. ..ovviamente copiata SUBITO, quando la faccio, te lo dico ;)
    grazie Sarah!

    RispondiElimina
  65. Proverò sicuramente a fare questa bellissima ricetta! ti seguo da molto tempo e ho già provato alcuni tuoi piatti ! Buonissimi !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere sapere che rifate le ricette e vi trovate bene, ne sono felice :) Se ti cimenterai anche in questo fammi sapere, ok? ;)

      Elimina
  66. questo di sicuro lo faccio, e spero proprio domani o domenica almeno l'impasto. Eppoi
    ne parli con toni così entusiastici che non potrei non farlo. ciao!

    RispondiElimina
  67. assolutamente, è un impasto davvero versatile e comodissimo, non potrei parlarne che bene :)

    RispondiElimina
  68. ricetta molto interessante!!!complimenti anche per le altre ricette...mi sono unita con piacere al blog!!
    Se ti va passa a trovarmi!!baci

    RispondiElimina
  69. E' il famoso "No knead bread", solo che nella versione brioche non l'avevo mai visto! Complimenti! Già con il pane avevo avuto risultati eccezionali, ora voglio provare anche questa versione. Grazie mille Sarah!

    RispondiElimina
  70. Ciao e complimenti per la ricetta. Mi è stata talmente utile che ho deciso di utilizzarla per un piatto che preparerò in occasione dell'evento "Taste & Match". Ti lascio il link alla mia ricetta (dove si fa riferimento alla tua) http://www.dicotteedicrude.com/2012/01/18/a-gualtiero-un-panino-per-il-taste-match/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande!
      Grazie per avermi avvisata, sono contenta ti ci sia trovato bene :)

      Elimina
  71. Bellissima ricetta che ho subito provato, ora è in frigorifero in attesa di maturazione e non vedo l'ora sia stasera per infornarlo :-)
    Mi sono però dimenticata di metterlo in frigo dopo le due ore di lievitazione e ce l'ho messo solo stamattina, spero non si sia rovinato tutto :-/
    Poi faccio sapere!

    RispondiElimina
  72. Ciao Sarah... sono una lettrice silente, ti seguo da sempre e spesso mi sono cimentata con le tue ricette! Questa mi ha conquistata appena letta... mi sono cimentata la sera stessa, lasciato in frigo l'impasto per circa 58 ore... però già mi ero resa conto che non era cresciuto quasi per nulla... a temperatura ambiente la stessa cosa... insomma... un disastro! Cosa ho sbagliato? Ho seguito alla lettera le tue indicazioni, l'unica cosa che mi viene in mente è la bustina di lievito che era già aperta da un po', anche se l'ho tenuta chiusa con una graffetta... secondo te?
    Grazie in anticipo, Barbara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Barbara!
      Ti confesso che, mentre leggevo della mancata lievitazione, il dubbio che potesse dipendere dal lievito mi ha colta, poi mi hai detto di aver usato una bustina aperta da un po' e tendo a pensare che effettivamente l'inghippo possa essere proprio quello.
      Purtroppo col lievito di birra capita, sia con quello fresco che con quello disidratato: a me è successo anche partendo da bustina chiusa ma, diciamo, un po' vintage :)
      Hai provato lo stesso a portare avanti l'impasto? A formarlo e cuocerlo o hai lasciato proprio andare?
      Per come sono fatta mi verrebbe da rileggere la ricetta e chiedermi se ho sbagliato io a scrivere qualcosa, ma avendolo fatto in molte e sempre con buoni risultati dev'esserci stato qualche inghippo proprio nel tuo specifico impasto. Se ti va mi viene da dirti di riprovare con lievito nuovo: dopo le prime due ore di riposo fuori dal frigo non aspettarti che sia chissà quanto lievitato comunque, ed anche in frigo, dovendo restarci molte ore e con le basse temperature, la pasta tende ad essere piuttosto "ferma".
      La lievitazione vera e propria cominci a vederla meglio quando è a riposo nello stampo prima della cottura: anche lì, a seconda della temperatura della cucina, possono volerci tempi più lunghi dei miei, o più brevi.
      Non ti scoraggiare, sarà stato sicuramente il lievito :)

      Elimina
  73. Che carina che sei! Non ho il minimo dubbio che il problema sia stato solo mio... la tua ricetta è perfetta, perfetto il tuo risultato e, a leggere i commenti, quello di tutte le altre! Io ci ho provato lo stesso a cuocere ma non è cresciuto... era lo stesso profumato ma inevitabilmente ammassato. Ed una cosa che ho notato è che preponderava il sapore di burro... Però non mollo! Ora che mi hai spiegato che comunque in frigo non cresce chissà quanto sarò più serena quando lo andrò a sbirciare!... perchè ovviamente lo rifaccio! Con un lievito decente! Ti farò sapere! Per il momento grazie di cuore! Barbara

    RispondiElimina
  74. Meraviglioso questo pan brioche! Io adoro i lievitati, questo non me lo lascio sfuggire! Sono una tua lettrice ora! Se ti va passa a trovarmi. Buon weekend!

    RispondiElimina
  75. ti rubo la ricetta e appena fatta, pubblico sul mio blog e ...ti linko!!!

    RispondiElimina
  76. Come si fa a non obbedire ad un simile ordine??? l'ho visto solo ieri, messo già in lavorazione oggi pomeriggio, giusto il tempo di rinfrescare la pasta madre ;) e sì, provo questa versione :) poi ti saprò dire...
    il tuo blog è splendido, senza impegno passa da noi, abbiamo lanciato un contest sul tema erbe selvatiche e ci farebbe piacere ricevere un tuo contributo
    buona serata
    Valentina

    RispondiElimina
  77. Buena receta, me encanta hacer pan en casa. Es una de las mejores cosas del mundo! Disculpa la ortografía, estoy usando google traductor :)

    RispondiElimina
  78. ho fatto questo pan brioche e lo trovo fantastico ora ho della pasta madre da utilizzare e proverò ad usarla ( non mi sembra di aver trovato indicazioni o suggerimenti in merito ... ) una annotazione : sfogliando l'indice delle ricette e tentando di aprire questa il computer mi da errore (not found ) non ho desistito ed ho fatto la ricerca digitando "no knead" e da lì sono riuscita a visualizzare questa pagina , succede solo a me???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina!
      Sono contenta ti sia piaciuto, è veramente favoloso :)
      In quanto al link,ti ringrazio della segnalazione: blogger ha effettuato diverse modifiche in questi mesi e ho già trovato qui e là anomalie che ho potuto risolvere. Ora dovrebbe essere a posto anche il link nell'indice ricette :)

      Elimina
  79. Ho eseguito l'ordine ;-)
    se ti va passa a trovarmi: http://www.sapori-e-colori.blogspot.de/2012/04/no-knead-panbrioche.html
    A presto,
    Gina

    RispondiElimina
  80. Ciao ^__^!
    Qualche giorno fa ho fatto il panbrioche senza impasto con la farina 0 ed è venuto strepitoso *O*! Grazie mille per tutti i tuoi consigli :D!

    RispondiElimina
  81. questa ricetta la devo assolutamente provare!! ho la planetaria, ma sono sempre aperta alle proposte da fare senza attrezzature particolari, e in grado di dare il massimo risultato con il minimo sforzo :-)

    RispondiElimina

Se avete domande o curiosità di qualsiasi genere inerenti a quanto trovate nel blog, sono qui per rispondere più che volentieri.
Vi chiedo però la cortesia, prima di domandare, di leggere bene i post: spesso e volentieri le domande che ricevo hanno già risposta.
Se una volta letto restate con qualche dubbio...sono a completa disposizione. :)

Grazie.